Parole chiave

Abaya

L'abaya è un indumento femminile utilizzato nei Paesi musulmani. È l'equivalente dello hijab tradizionale in molti Paesi della penisola arabica. Si tratta di un lungo camice nero di tessuto leggero che copre tutto il corpo fatta eccezione per la testa, i piedi e le mani. Per coprire la testa è poi consuetudine usare un altro indumento che varia a seconda del Paese, come il niqab che copre tutta la testa eccetto gli occhi, o un semplice velo che copre solo i capelli. In Arabia Saudita la tradizione religiosa impone alle donne di portare l'abaya e il niqab quando lasciano la casa

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Indumento |

Ultime notizie su Abaya

    Così il Qatar risponde all'embargo: cresce il nazionalismo e il tifo per l'emiro

    DOHA - Tamim ricamato sui cuscini e formato gigante sui grattacieli, sullo schermo dei bancomat e negli hotel di lusso. Tamim al controllo passaporti e al rifornimento di benzina; sulla vetrina della bottega di spezie e alla parete della sala da gioco, sfondo di un'asiatica e un'europea che giocano

    – di Angela Manganaro

    Svolta in Arabia Saudita: le donne potranno guidare l'auto

    Non avremmo mai immaginato ieri alla festa nazionale dell'ambasciata saudita, con la banda dei carabinieri in gran spolvero sulla terrazza romana di Villa Miani, che stava per arrivare da Riad un annuncio storico: le donne in Arabia Saudita potranno guidare. Non subito, ma ormai la decisione è

    – di Alberto Negri

    Dolce&Gabbana debutta con una linea di abaya e hijabs

    Abaya e hijabs in tessuti iper leggeri e toni scuri, ravvivati da margherite, limoni e pois e impreziositi da dettagli in pizzo: Dolce&Gabbana ha lanciato la sua prima collezione di capi pensati per la clientela islamica. Lo ha fatto online, in esclusiva su un portale americano, nei giorni scorsi.

    L'istruttrice delle jihadiste che ha lasciato l'Isis

    Umm Asma era una delle più importanti amministratrici dell'organizzazione dello stato islamico. Aveva il ruolo fondamentale di accogliere e istruire le donne straniere che volevano abbracciare la causa dell'Is. Era lei che le riceveva alla frontiera turca per accompagnarle a Raqqa. Le rassicurava dando tutte le coordinate del nuovo mondo che le attendeva, consegnava l'Abaya nera con il Niqab, che lasciasse intravedere solo gli occhi, e da quel momento, spogliate del loro passato, le nuove adepte...

    – Karima Moual

    L'istruttrice delle jihadiste che ha lasciato l'Isis

    Umm Asma era una delle più importanti amministratrici dell'organizzazione dello stato islamico. Aveva il ruolo fondamentale di accogliere e istruire le donne straniere che volevano abbracciare la causa dell'Is. Era lei che le riceveva alla frontiera turca per accompagnarle a Raqqa. Le rassicurava

    – Karima Moual

    Abu Dhabi, regina degli Emirati. Parte II

    Velo e shishaPer gli adulti, invece, ci sono i club - «dove le ragazze entrano tranquillamente in minigonna» come spiega una giovane portoghese - e i locali degli hotel. Gli stranieri mantengono un abbigliamento di tipo occidentale mentre le donne locali per uscire indossano l'abaya, leggerissimo

    Abu Dhabi Art, un hub per l'arte contemporanea internazionale nel Middle East -

    Si è chiusa il 23 novembre 2013 la 5ª edizione della fiera di arte contemporanea di Abu Dhabi, Abu Dhabi Art . Un'edizione partita con slancio, ma funestata in parte dall'arrivo del tifone delle Filippine, il più forte percepito nella zona dal 1993, che ha costretto gli organizzatori della fiera

    – di Riccarda Mandrini

1-10 di 21 risultati