Ultime notizie:

Paolo Vizzari

    Fiera del Tartufo d'Alba: connessi con la natura (e con i game changer in giro per il mondo)

    Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, tre indizi fanno una prova. Come ci insegna la vecchia Agatha (Christie) a volte occorre arrendersi all'evidenza. Quindi se slitti in avanti di una settimana l'apertura della Fiera che promuove il tuo prodotto principe, vuol dire che il terreno ti sta parlando. E con esso il clima. La "chiamata" dell'ambiente entra di prepotenza tra le tue priorità ed esige risposte. E' così che - del tutto legittimamente a parer mio - i temi della sosteni...

    – Fernanda Roggero

    Non solo gourmet, il tartufo bianco d'Alba alla sfida dei "game changer"

    In questi mesi le mail che fioccavano erano perlopiù ad annunciare l'annullamento di eventi e manifestazioni. Pochi hanno avuto la lungimiranza, la forza - e il coraggio - di andare avanti nonostante tutto. Reinventandosi per cause di forza maggiore. Covid oblige, come si suol dire... Per questo ha tutta la mia ammirazione la task force, guidata da quella forza della natura che è Liliana Allena, riuscita a condurre in porto l'annuale - la 90ma - edizione della Fiera Internazionale del Tartufo...

    – Fernanda Roggero

    Ein Prosit: l'alta cucina mondiale si dà appuntamento a Udine

    Al via la manifestazione gastronomica che ogni anno riesce a portare in Italia il gotha della cucina internazionale: cene stellari, musica, laboratori e masterclass nel segno della contaminazione virtuosa

    – di Fernanda Roggero

    Cous Cous Fest, è della cuoca Mareme Cisse la ricetta vincente

    Senegalese, in Italia da 15 anni, lavora al ristorante Ginger People&Food della cooperativa impegnata in favore dell'inserimento lavorativo di donne e ragazzi stranieri rifugiati o in condizione di fragilità sociale

    – di Fernanda Roggero

    Giovani e Audaci

    Vita, opere e ricette di trenta cuochi under trenta che stanno cambiando la cucina della cucina italiana, selezionati da Paolo Vizzari, Stefano Cavallito e Alessandro Lamacchia."Sono i grandi cuochi di domani, ma per farli crescere è il caso di visitarli oggi, altrimenti non ci sarà da stupirsi se