Ultime notizie:

Paolo Vineis

    Cercando valore nelle task force

    Dal segreto imposto dai governi nazionale e regionali alle loro 50 task force, comitati tecnici, consigli e quant'altro si possa immaginare per consentire alla politica di attingere alla conoscenza scientifica di almeno 1.460 esperti, emergono bizzarre teorie, tentativi di autopromozione e alcune ricerche preziose. Il lavoro del settimo gruppo di studiosi della task force voluta dai ministeri dell'Innovazione e della Salute è riuscito a fornire un'immagine strategica della fase due piuttosto art...

    – Luca De Biase

    Anche nelle epidemie, la scienza è trasparente. O non è

    La task force di 74 membri istituita dai ministeri dell'Innovazione e della Salute ha lavorato a molti argomenti. Un gruppo di lavoro si è occupato di: «Come gestire la fase 2: far ripartire gradualmente l'economia senza pregiudicare la salute e la sicurezza dei cittadini e prevenendo il rischio di una risorgenza dell'epidemia». I membri della task force coinvolti, tra i quali Giovanni Dosi, Andrea Roventini e Francesca Chiaromonte della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, Mauro Napoletano, Ofce...

    – Luca De Biase

    Coronavirus, il contagio vero sarà la strage tra le nuove povertà?

    L'autore di questo post è Jacopo Giliberto, giornalista dal 1982. Portavoce di due ministri dell'ambiente negli anni 2012 e 2013 - Gentile signor Econopoly, le scrivo questa mia nota per rappresentarle un mio dubbio. In fondo a questa pagina non c'è un punto fermo assertivo, c'è un punto interrogativo. E il dubbio è: forse la povertà prodotta indirettamente dal contagio virale indurrà una strage peggiore di quella indotta in modo diretto dall'odiato virus? In questa chiave potrebbe essere letto...

    – Econopoly

    Martha e i due nemici della laicità

    Un presidente del consiglio, per quanto irreprensibile e timorato di Dio, che sdoganasse la ricerca sulle staminali embrionali, in Italia non potrebbe aspirare a una laurea honoris causa della Pontificia Università Lateranense, o della Gregoriana. Negli Stati Uniti, invece, succede: il 17 maggio scorso il rettore della cattolica Notre Dame University, padre John Jenkins, ha dato la sua benedizione a Barack Obama (cristiano, ma non della chiesa di Roma), incurante degli schiamazzi di una pattugli...

    – Riccardo Chiaberge