Persone

Paolo Basilico

Laureato presso l'Università Bocconi di Milano, Paolo Basilico fonda nel '99 il Gruppo Kairos dopo un'esperienza ventennale maturata presso le principali realtà finanziarie italiane, da Banca Fideuram (IMI Group) dove opera inizialmente come analista e poi al sales desk, a Mediobanca incaricato dell'equity placement desk, e a Giubergia Warburg dove ha ricoperto la carica di amministratore delegato. Oggi guida in qualità di presidente e amministratore delegato il gruppo Kairos.
(Il Sole 24 ORE, 27 Marzo 2011, pag.23)

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Lavoro | Amministratore delegato | Paolo Basilico | Mediobanca | Gruppo Kairos | Bocconi | IMI Group |

Ultime notizie su Paolo Basilico

    Per Kairos sfida tra Mediobanca e Ta Associates

    Per Kairos il riassetto è alle fasi finali. In corsa per l'acquisto sarebbero infatti restati due soggetti: il gruppo Mediobanca e Ta Associates, fondo statunitense assai attivo sugli asset finanziari. A vendere la società milanese fondata da Paolo Basilico è il gruppo elvetico Julius Baer. Al lavoro è l'advisor Goldman Sachs. Dopo aver inviato i teaser a oltre una ventina di soggetti, il campo dei potenziali acquirenti si è progressivamente ridotto. In corsa, nella fase finale, sarebbero rima...

    – Carlo Festa

    Mediobanca, il 2% del capitale per i banker di Messier Maris

    In gioco c'è il 2% del capitale di Mediobanca, una quota superiore a quella di molti pattisti, ma è ad erogazione decennale e serve per "fidelizzare" i banker di Messier Maris & Associés, la banca d'affari francese recentemente acquisita con l'utilizzo di azioni proprie come moneta di pagamento.

    – di Antonella Olivieri

    Julius Baer cede Kairos: in corsa Mediobanca e Lombard Odier

    Il gruppo elvetico Julis Baer accelera sulla cessione di Kairos, la società finanziaria milanese fondata e guidata ancora oggi da Paolo Basilico. Dopo aver inviato i teaser a oltre una ventina di soggetti, ora si sarebbe passati alla fase due: dovranno quindi essere raccolte le manifestazioni d'interesse. Al lavoro è l'advisor Goldman Sachs. Il prezzo richiesto sarebbe attorno ai 400 milioni di euro. Julius Baer è entrata progressivamente nella compagine azionaria fino a prendere il controllotra...

    – Carlo Festa

    «Non mescolarsi troppo col potere, prima "diversity" da avere in Italia»

    «Gli anni Novanta sono lontani. Sono stati eccitanti e pieni di errori. Potevi essere svegliato da una telefonata per quotare un prezzo a qualunque ora della notte. Chi, allora, ha lavorato a Londra e a New York ha commesso molti peccati. Ma ha sviluppato anche non poche virtù. Ogni minuto

    – di Paolo Bricco

    Il ceo di Julius Bär Boris Collardi passa a sorpresa a Pictet

    LUGANO - Boris Collardi, top manager italo-svizzero, esce a sorpresa dal gruppo bancario zurighese Julius Bär, per approdare alla banca ginevrina Pictet. Collardi lascia la carica di chief executive officer di Bär con effetto immediato e viene sostituito da Bernhard Hodler, che è attualmente a capo

    – di Lino Terlizzi

    Dai Pir solo 43 milioni sulle matricole Aim

    Circa un miliardo: con esattezza 929 milioni di euro. A tanto ammontano le risorse affluite nelle casse delle 17 società approdate all'Aim nel corso del 2017. Somme raccolte perlopiù con aumenti di capitale per finanziare i progetti di espansione aziendali. La quasi totalità delle risorse - ben 833

    – di Gianfranco Ursino

    «Julius Baer diversifica per crescere a livello globale»

    «Quando nel 2012, all'apice della crisi del debito, abbiamo comprato il 20% di Kairos, gli investitori ci guardavano come per dire: ma siete sicuri di voler investire in Italia? Oggi tutti hanno capito la ratio di quella operazione. Qui c'è una cultura del risparmio straordinaria, ed è il luogo

    – Luca Davi

1-10 di 25 risultati