Le nostre Firme

Paolo Armaroli

    La democrazia (etero) diretta dei 5 Stelle

    Che cosa non si fa per tirare a campare. In effetti, Luigi Di Maio le ha tentate di tutte. Non tanto per salvare l'amico-nemico Matteo Salvini, quanto piuttosto per preservare il governo e di conseguenza la sua poltrona dorata. Per prima cosa si è autoaccusato assieme con Conte e Toninelli. «Se è

    – di Paolo Armaroli

    Se i grillini sparano sul quartier generale

    Presidente della giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari del Senato, nonché relatore sull'autorizzazione a procedere nei confronti del ministro Matteo Salvini richiesta dal tribunale dei ministri di Catania dopo che la procura si era espressa per l'archiviazione, Maurizio Gasparri è un

    – di Paolo Armaroli

    Conflitto tra poteri, quel no insoddisfacente della Consulta

    Tutto è stato inutile. La Corte costituzionale, dopo averci pensato su ben bene, ha dichiarato inammissibile il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato. Un conflitto sollevato dal presidente dei senatori del Pd Andrea Marcucci nei confronti di una pluralità di soggetti allo scopo di

    – di Paolo Armaroli

    Roberto Fico, presidente della Camera suo malgrado

    Roberto Fico è presidente della Camera non già per grazia ma per disgrazia ricevuta. Intendiamoci, i requisiti li aveva. Non è un pivellino come Pietro Grasso e Laura Boldrini perché deputato alla seconda legislatura come Irene Pivetti. Si è fatto le ossa come presidente della commissione di

    – di Paolo Armaroli

    La manovra ufo approvata dal Senato alla bersagliera

    I bilanci dello Stato sono cose talmente serie che i regolamenti parlamentari dedicano alla loro discussione un'apposita sessione di ben tre mesi. Da ottobre a dicembre. Mai era però capitato che le Camere fossero costrette a dare disco verde in pochi giorni. E in zona Cesarini, come ha detto in

    – di Paolo Armaroli

    Se l'alunna dà lezioni d'italianità alla sua prof

    In una terza media di una scuola romana una professoressa d'italiano dà questo tema: "Siamo tutti stranieri". Un simile titolo da un lato nega l'evidenza e dall'altro contraddice la nostra Carta costituzionale. Nega l'evidenza perché nel Belpaese ci siamo noi, italiani, e gli altri, gli stranieri.

    – di Paolo Armaroli

    Dal decreto lavoro ai vitalizi, tutte le anomalie di inizio legislatura

    Il 2 luglio scorso il Consiglio dei ministri ha adottato un decreto legge contenente misure urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese. Siamo un popolo di dannunziani, per i quali il verbo è tutto. E poi la pubblicità è l'anima del commercio. Così, per renderlo più appetibile a un mondo

    – di Paolo Armaroli

    Impeachment, accuse al Colle infondate. Saranno un boomerang

    Non appena svaniti i sogni di gloria di un governo a trazione pentastellata, Luigi di Maio ha ventilato l'ipotesi di promuovere lo stato d'accusa nei riguardi di Sergio Mattarella per attentato alla Costituzione. Ma un'ipotesi del genere è stravagante. Si fonda sul nulla.

    – di Paolo Armaroli

    Il capo dello Stato, il premier e sua maestà la Partitocrazia

    Non è un mistero che Sergio Mattarella avrebbe preferito al Quirinale un interlocutore politico. Perché solo una personalità con caratura politica avrebbe avuto più probabilità di far valere le prerogative che assegna al presidente del Consiglio la Costituzione. Ed è probabile che il curriculum

    – di Paolo Armaroli

1-10 di 17 risultati