Le nostre Firme

Paola Profeta

Paola Profeta è professore associato di Scienza delle Finanze all’Università Bocconi, dove coordina l’area Public Policy del Dipartimento di Analisi delle Politiche Pubbliche. E’ Research Fellow del Dondena, centro di ricerca per le dinamiche sociali, di cui coordina l’area degli studi di genere. E’ anche Research fellow del centro di ricerca Econpubblica per l’Economia del settore Pubblico. E’ Research Affiliate del CESifo di Monaco e fa parte del comitato editoriale della rivista CESifo Economic Studies.

Dal 2007 scrive per Il Sole 24 Ore sui temi di occupazione femminile. Sugli stessi temi svolge un’intensa attività divulgativa, intervenendo in numerosi convegni ed eventi istituzionali e nei media.

Nata a Milano il 2/5/1972, laureata in Discipline Economiche e Sociali presso l’Università Bocconi nel 1995, ha ottenuto il PhD in Economics presso la Università Pompeu Fabra di Barcellona nel 2000. Ha svolto periodi di studio e ricerca presso la Columbia University di New York, la Université Catholique de Louvain e la University of California a Los Angeles.

In precedenza è stata ricercatore di scienza delle finanze all’Università di Pavia.

I suoi interessi di ricerca si rivolgono all’economia pubblica, ai sistemi di welfare (in particolare pensioni e istruzione), all’economia di genere e all’analisi dei sistemi di tassazione comparati. Ha pubblicato in diverse riviste internazionali di prestigio, tra cui European Economic Review, Economic Journal, Oxford Economic Papers, Economic Policy, Journal of Public Economic Theory, International Tax and Public Finance, European Journal of Political Economy, Public Choice. Sui sistemi fiscali ha scritto una monografia per E. Elgar e curato una serie di volumi per Routledge.

Nel 2010 ha scritto con A. Casarico “Donne in attesa. L’Italia delle disparità di genere”, Egea.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Paola Profeta

    Perché lo smart working diventa ancora più utile

    In questi giorni di emergenza per la diffusione del coronavirus, Smart-Working è diventata una parola chiave. Lavorare in modo flessibile, da casa o da un luogo sicuro e poco affollato, che non sia il posto di lavoro, e lavorare con orari flessibili non necessariamente dalle 9 alle 5, sta

    – di Paola Profeta

    Dall'Europa un esempio e una nuova agenda

    Il 2 luglio 2019, Christine Lagarde viene designata dal Consiglio Europeo per succedere a Mario Draghi come presidente della Banca Centrale Europea, prima donna in questo ruolo. Era già stata la prima donna a capo del Fondo Monetario Internazionale. Nella stessa data, il Consiglio Europeo designa

    – di Paola Profeta

    Nuove istituzioni dalla prospettiva di genere

    Meno di una donna su due lavora in Italia. Nonostante i progressi degli ultimi decenni, che hanno visto le donne affermarsi in tutti i livelli di istruzione (le ragazze sono il 60% dei laureati), il lavoro in Italia è dominato dagli uomini. Secondo l'ultimo rapporto sul gender gap del World

    – di Paola Profeta

    Lavoro flessibile contro le disuguaglianze

    Secondo l'ultimo rapporto dell'Ispettorato nazionale del lavoro, oltre 30mila madri lavoratrici hanno lasciato il lavoro nell'ultimo anno, spesso in modo definitivo. Di queste, la metà dichiara di averlo fatto per ragioni riconducibili all'incompatibilità tra il lavoro e la cura dei figli, quali

    – di Paola Profeta

    Una rivoluzione di genere a portata di mano

    Gli ultimi decenni hanno visto profonde trasformazioni nel ruolo delle donne: partendo dall'investimento in istruzione universitaria, le donne hanno iniziato a inserirsi nel mondo del lavoro - sia pure con differenze marcate tra i Paesi sviluppati - a costruire la loro identità professionale prima

    – di Paola Profeta

    Circolo virtuoso con più donne in politica

    Le donne rappresentano il 36,1% dei membri del Parlamento europeo. Una percentuale in crescita, anche se ancora lontana dalla parità. Dal 1979 a oggi la percentuale di donne nel Parlamento europeo è stata superiore a quella nelle assise nazionali ed entrambe sono cresciute significativamente.

    – di Paola Profeta

    Più donne nei cda, una vittoria e una sfida

    La legge sulle quote di genere funziona. Lo dicono i numeri: la presenza femminile nei consigli di amministrazione delle società quotate e delle società a controllo pubblico ha superato il 30%. Sarebbe stato impossibile raggiungere questa percentuale senza una forzatura come le quote. In un mondo

    – di Paola Profeta

    I mercati «brindano» alle donne nei cda

    Il dibattito sulla rappresentanza femminile ai vertici delle aziende si riaccende periodicamente. Perché ci sono così poche donne nelle posizioni di comando? Che conseguenze crea questo divario? Se la diversità di genere - avere sia donne sia uomini al vertice - è un valore per il business, come

    – di Paola Profeta

    Discriminate dai partiti e snobbate dagli elettori

    Le donne faticano a essere rappresentate in politica, non solo in Italia. Secondo il Gender Gap Report del World Economic Forum (2016) la politica è nel mondo la dimensione più critica delle differenze di genere - più della salute e dell'istruzione, più della sfera economica e lavorativa: solo il

    – di Paola Profeta

    Quella svolta che non deve essere rinviata

    L'Istat registra un aumento del tasso di occupazione femminile a giugno, che raggiunge il 48,8%, valore massimo degli ultimi decenni. Buone notizie? Certo, ma con un po' di cautela.

    – di Paola Profeta

1-10 di 33 risultati