Ultime notizie:

Paola Caruso

    Selfie, davvero il minimo

    La fine dell'anno si avvicina: tempo di bilanci. Per non essere banali, non asseconderemo la generosità tipicamente natalizia, non ci aggiudicheremo la nostra fetta di panettone senza canditi a colpi di blandi eufemismi e soavi giri di parole: per una volta, ci andremo giù pesante.

    La diagnostica per l'Alzheimer parla (non solo) barese

    Quando la settimana scorsa la start-up BioForDrug ha preso il Premio Internazionale Le Fonti per «l'eccellenza e l'innovazione nella diagnostica farmaceutica», il suo presidente, Nicola Antonio Colabufo, era al settimo cielo. Colabufo (nella foto) è un professore dell'Università di Bari. Insieme a un team di ricercatori ha speso anni in laboratorio per portare avanti le sue scoperte scientifiche. Ha creato l'impresa da uno spin-off dell'ateneo di Bari e adesso raccoglie i frutti dei suoi studi. ...

    – paola caruso

    Anche le piante «mangiano» carne

    Le piante non seguono una dieta strettamente «vegetariana». Nel loro menù compaiono sia vegetali che animali. E sì, la carne serve. Perché l'elemento nutriente di cui hanno bisogno, l'azoto, riescono a prenderlo dagli insetti morti. Insomma, le piante carnivore non sono le uniche a banchettare con ricche portate di insetti. La scoperta, fatta quasi per caso da Scott Behie e i suoi colleghi della Brock University (Canada), è stata pubblicata oggi sulla rivista Science in un paper dal titolo "End...

    – paola caruso

    Ecco dove "sentiamo" l'emozione della carezza

    Una carezza può essere piacevole o fastidiosa. Tutto dipende dalla persona che ci tocca. Se è l'amato/a a sfiorarci il viso, proviamo una bella sensazione. Al contrario, Se un estraneo, che ci spaventa, fa la stessa cosa, avvertiamo angoscia e repulsione. Per capire dove risiedono le emozioni del contatto fisico e sessuale nel nostro cervello, un gruppo di ricerca del Caltech ha messo in piedi un esperimento con l'aiuto della risonanza funzionale per immagini (quello strumento in grado di evide...

    – paola caruso

    Tartarughe giganti (fossili) che ricordano quelle Ninja

    Soltanto nei cartoni animati abbiamo visto tartarughe alte quanto l'uomo. Alzi la mano chi non conosce le Ninja Turtles. Eppure pare che tartarughe di questa stazza, e anche più grandi, siano esistite davvero, 60 milioni di anni fa. In pratica, le maxi-tartarughe, così grandi da far impallidire un lottatore di sumo con l'altezza di un cestista, hanno vissuto cinque milioni di anni dopo i dinosauri, in un'epoca caratterizzata dalla presenza di molti rettili in versione XXL.  I ricercatori hanno ...

    – paola caruso

    L'arma del sesso tra gli insetti

    Per i maschi di una specie di insetto la frequenza dei rapporti sessuali dipende dalle dimensioni. Delle sue antenne. Più le antenne sono lunghe, maggiore è la capacità del maschio di "agganciare" la femmina. E concludere. Moltiplicando il numero di esperienze sessuali. Il protagonista è lo A dimostrare questa tesi è uno studio diretto da Abderrahman Khila dell'Università di Toronto e pubblicato sulla rivista Science. Che cosa ha fatto Khila? Ha individuato il gene che determina la crescita del...

    – paola caruso

    Paolini dall'Infn, in replica

    Scienza e spettacolo vanno a braccetto. E l'unione funziona. Il primo maggio La7 rimanderà in onda, in prima serata, lo spettacolo di Marco Paolini ITIS Galileo dai Laboratori dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) del Gran Sasso (foto di Marco Caselli Nirmal), dopo il buon risultato di ascolti ottenuto con la diretta (un milione e mezzo di telespettatori). «Il successo dell'iniziativa dà ragione all'Infn che ha proposto oltre un anno fa di portare all'interno del Laboratorio del Gra...

    – paola caruso

    Attenti alla scrittura, il babbuino scopre gli errori

    Nel film "Il pianeta delle scimmie" gorilla, oranghi e scimpanzé parlano, scrivono e vivono come gli esseri umani. La finzione è ben lontana dalla realtà, salvo per un particolare: le scimmie sanno leggere le parole stampate. O almeno alcune. I babbuini (foto di Jonathan Grainger) possiedono quest'abilità, come indica uno studio pubblicato su Science. Un gruppo di ricercatori francese ha scoperto che i babbuini sono in grado di distinguere le lettere scritte dell'alfabeto sullo schermo di un co...

    – paola caruso

    «ScienzAperta» all'Ingv, proviamo la fine del mondo?

    Vuoi saperne di più su terremoti, onde sismiche e calamità naturali? Gli esperti dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) sono pronti a rispondere a ogni domanda. Dal 26 marzo al 6 maggio, infatti, l'ente organizza la manifestazione ScienzaAperta - Incontri con il pianeta Terra (giunta alla seconda edizione) e apre le porte delle sedi di Roma, Bologna, Catania, Grottaminarda e Genova per accogliere i cittadini e le scuole, mostrando i luoghi della ricerca scientifica (immagine ...

    – paola caruso

    Ops, i neutrini non sono più veloci della luce

    Niente da fare: i neutrini non sono più veloci della luce. La notizia, riportata dal sito di Science Magazine, è rimbalzata in fretta su tutti i canali d'informazione scientifica e non. Pare che a frenare la supervelocità dei neutrini sia stato un banale errore umano. Colpa di una connessione, un cavo di fibra ottica, tra il Gps e il computer che ha falsato la misurazione. In realtà, quei 60 nanosecondi, misurati dall'esperimento Opera del Gran Sasso, che rendevano i neutrini più veloci della lu...

    – paola caruso

1-10 di 48 risultati