Persone

Panos Kammenos

Panos Kammenos è nato ad Atene il 12 maggio del 1965 ed è un politico greco, leader del partito politico di destra, Greci Indipendenti (ANEL) ed attuale Ministro della Difesa della Repubblica Greca.

Ha studiato economia e gestione aziendale presso l'Università di Lione.

Il 10 ottobre del 1993 è stato eletto al Parlamento Ellenico nelle liste di Nuova Democrazia.

Sempre rieletto nelle elezioni successive, il 25 febbraio del 2012 decide di abbandonare ND e fonda Greci Indipendenti (ANEL), formazione politica di destra, euroscettica e contraria all'austerità ed alleata, a livello europeo, con i Conservatori e Riformisti Europei (ECR).

ANEL debutta al Parlamento Ellenico nelle elezioni anticipate del maggio 2012 col 10,6% dei consensi, che nelle nuove elezioni anticipate del giugno 2012 scenderanno al al 7,51%.

Nelle elezioni parlamentari anticipate del 25 gennaio 2015, ANIEL ottiene il 4,75% dei voti, conquistando13 seggi su 300.

ANIEL entra nel Governo Tsipras, stringendo un'allenza con SYRIZA, in nome della lotta comune contro l'austerità.

Il 27 gennaio 2015 Kammenos diventa, nel nuovo Governo Tsipras, Ministro della Difesa della Repubblica Greca.

E' sposato con Eleni Tzouli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni anticipate | Panos Kammenos | ANEL | ANIEL | Efficient Consumer Response (ECR) | Governo Tsipras | Greci | Ministro della Difesa |

Ultime notizie su Panos Kammenos

    Grecia, in vista del voto Tsipras accusa Alba Dorata dopo la protesta nazionalista contro l'intesa sul nome nuovo della Macedonia

    Brutti segnali sotto il Partenone per il governo Tsipras già provato da una difficile ricerca di voti per superare la scorsa settimana lo scoglio del voto di fiducia, superato per un soffio con il voto di un deputato di To Potami, la formazione centrista, dopo le dimissioni di Panos Kammenos, l'ex ministro della Difesa ed esponente della formazione nazionalista dei Greci indipendenti. Domenica ad Atene è stata una giornata di duri scontri di piazza durante la manifestazione per protestare contro...

    – Vittorio Da Rold

    Crisi Macedonia, Tsipras ottiene la fiducia per un soffio in Parlamento

    Il premier greco Alexis Tsipras ha ottenuto la fiducia del Parlamento. Il governo di centrosinistra nei giorni scorsi aveva perso il partner di minoranza, con le dimissioni del ministro della Difesa Panos Kammenos, da sempre contrario all'accordo raggiunto con la Macedonia sull'annoso problema del

    La sfida di Tsipras: diventare il paladino di Ue e Nato nei Balcani

    Alexis Tsipras è sulle orme del grande leader socialista degli anni '90, Andreas Papandreou. Il premier greco infatti sta giocando l'ennesima difficile partita sull'accordo con la Macedonia per diventare il pacificatore e il paladino della Ue e della Nato nei Balcani.

    – di Vittorio Da Rold

    Grecia, la sfida di Tsipras per la Macedonia: essere il paladino di Ue e Nato nei Balcani

    Alexis Tsipras è sulle orme del grande leader socialista degli anni 90, Andreas Papandreou. Il premier greco infatti sta giocando l'ennesima difficile partita sull'accordo con la Macedonia per diventare il pacificatore e il paladino della Ue e della Nato nei Balcani. Il partito dei Greci Indipendenti di Panos Kammenos, suo prezioso alleato si è sfilato dalla maggioranza e ha aperto una crisi dagli esiti incerti. Kammenos ha una pattuglia di sette deputati, sufficienti a far passare il governo di...

    – Vittorio Da Rold

    Grecia, si dimette il ministro della Difesa. Tsipras chiederà la fiducia

    Il ministro della Difesa greco Panos Kammenos, partner di minoranza del governo, si è dimesso. Da sempre contrario all'accordo raggiunto con la Macedonia sull'annoso problema del nome della repubblica ex jugoslava, Kammenos ha confermato «le differenze inconciliabili» con il premier Alexis Tsipras,

    La Merkel in Grecia per salvare l'intesa sulla Macedonia, mantenere l'austerity e fare affari

    Agenda ricca di impegni per Angela Merkel ad Atene. Il cancelliere tedesco solleciterà la Grecia a proseguire con le difficili riforme economiche, mantenere una rigida disciplina fiscale, salvare l'accordo con Skopje sul nome di Macedonia del Nord e proseguire con le privatizzazioni nel corso della visita di due giorni ad Atene dal 10 all'11 gennaio per la prima volta in quasi cinque anni. Merkel, la cui insistenza sulle misure di austerità in una fase di recesione durante la crisi del debito g...

    – Vittorio Da Rold

    Grecia, ombre russe su Monte Athos per fermare l'accordo con la Macedonia

    Sembra la trama di un racconto di spionaggio di John Le Carré ma questa volta è tutto vero. L'accordo tra Macedonia e Grecia non piace al Cremlino dell'ex agente del KGB Vladimir Putin, oggi Zar di tutte le Russie, che avrebbe cercato di sabotarlo perché considerato il viatico di Skopje per

    – di Vittorio Da Rold

    Accordo con la Grecia: la Macedonia cambia nome

    Grecia e Macedonia hanno annunciato il raggiungimento di uno storico accordo per risolvere l'annosa disputa riguardante il nome della repubblica dell'ex Jugoslavia, che da decenni rende tese le relazioni tra i due Paesi: uno sviluppo che consentirà al governo di Skopje di accelerare sul percorso

    La Grecia diventa terra d'esilio per i turchi in fuga da Erdogan

    La piccola e indomita Atene, terra di bimillenaria democrazia, torna a sfidare il potente autoritarismo asiatico? Sebbene in ginocchio per la drammatica crisi economica da cui sta faticosamente uscendo, la Grecia non si piega. Non siamo alle riedizioni delle invasioni persiane di Serse e alle

    – di Vittorio Da Rold

1-10 di 68 risultati