Persone

Pablo Iglesias

Pablo Iglesias è il leader di Podemos, formazione politica spagnola.

Nato nel 1978, già professore universitario di Scienze politiche, è stato politologo e star di alcuni talk-show televisivi. Con Podemos è il principale protagonista della rottura e del cambiamento della politica spagnola, sapendo raccogliere e mettere assieme le diverse anime della protesta degli indignados che ha riempito le piazze del Paese negli anni della grande crisi economica.

Di formazione comunista, Erasmus a Bologna, è uno studioso della comunicazione politica con notevole capacità oratoria nei comizi.

Ultimo aggiornamento 24 giugno 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Pablo Iglesias | Scienze politiche | Podemos |

Ultime notizie su Pablo Iglesias

    Mina Catalogna per Sanchez: indipendentisti mai così forti

    DAL NOSTRO INVIATOMADRID - Pedro Sanchez sta prendendo tempo, e guarda con preoccupazione alla Catalogna e ai partiti indipendentisti che, come alleati o come antagonisti, saranno determinanti per il prossimo governo spagnolo.Dopo aver vinto le elezioni generali, domenica scorsa, Sanchez sta in

    – di Luca Veronese

    Il «miracolo» di Sanchez: così in Spagna la sinistra vince e governa

    MADRID - «Abbiamo mostrato all'Europa e al mondo che si può fare, la Spagna ha fatto vedere a tutti, in questo voto, che le idee e le proposte dei progressisti possono battere il totalitarismo, il razzismo e la destra. Il Partito socialista ha vinto le elezioni e con noi hanno vinto la democrazia e

    – di Luca Veronese

    Elezioni Spagna, rivincita dei socialisti di Pedro Sanchez. Débâcle dei popolari

    E' la rivincita di Pedro Sanchez. Anche se per governare il leader socialista dovrà di nuovo chiedere aiuto agli indipendentisti catalani.Ed è il disastro politico di Pablo Casado che ha portato i Popolari in un terreno sconosciuto, pericolosamente vicino all'irrilevanza nel nuovo Parlamento.«Il

    – dal nostro inviato Luca Veronese

    Spagna al voto: 5 partiti e due coalizioni possibili. Rebus maggioranza

    DAL NOSTRO INVIATOMADRID - Cinque partiti, due coalizioni (ancora da realizzare) e nessuna maggioranza. Dalle elezioni più confuse e incerte della storia spagnola, le terze in tre anni e mezzo, uscirà un Parlamento molto frammentato e apparentemente incapace di esprimere un blocco di governo.

    – di Luca Veronese

    I populisti e l'economia: perché inseguirli sul loro terreno è stato un errore

    Oltre 70,5 milioni di cittadini europei (ovvero circa il 27% degli aventi diritto al voto, ponderando il voto in base alla grandezza e peso dei singoli paesi europei) hanno votato, nel corso delle ultime elezioni parlamentari dei loro rispetti paesi, partiti o movimenti politici "populisti". Con questi imponenti numeri si apre l'edizione 2019 dell'Authoritarian Populism Index, report annuale pubblicato da TIMBRO, un influente think-tank pro mercato svedese, in collaborazione con EPICENTER, una r...

    – Giovanni Caccavello

    Spagna, il giovane Casado in vantaggio per la successione a Rajoy

    Sono rimasti in due a sfidarsi nel Partito popolare per succedere a Mariano Rajoy uscito di scena a sorpresa all'inizio di giugno dopo che il suo governo è stato sfiduciato. Toccherà oggi ai tremila delegati del Congresso dei conservatori scegliere il nuovo leader del partito e il candidato alle

    – di Luca Veronese

1-10 di 91 risultati