Oreste Pollicino è professore ordinario di diritto costituzionale e di diritto dei media presso l’Università Bocconi di Milano. Direttore, presso la stessa Università, del LL.M. in Law of Internet Technology, co-direttore della Rivista di diritto dei media e della Rivista di diritti comparati. È rappresentante italiano presso il Board dell’Agenzia auropea per i diritti fondamentali, ove siede anche nel comitato esecutivo. È consulente giuridico, sui temi legati al digitale, per Consiglio d’Europa, Commissione europea, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, Ministero della Giustizia e Autorità (italiana) per le garanzie nelle comunicazioni. Ha insegnato come visiting professor presso la Oxford University, la University of Haifa, la National Singapore University e la Central European University (Budapest). Ha più di due 200 pubblicazioni, tra cui 6 monografie e 25 curatele. La maggiora parte della produzione scientifica si concentra sui temi legati alla tutela dei diritti fondamentali nell’era digitale.

Luogo: Milano

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 30 settembre 2021
    Dialogo con Usa e Cina per conciliare privacy e valorizzazione dei dati

    Commenti

    Dialogo con Usa e Cina per conciliare privacy e valorizzazione dei dati

    «La spesa per il digitale nel Next Generation Eu sforerà l’obiettivo del 20%, a riprova dell’importanza di investire nella nostra sovranità tecnologica europea. Dobbiamo intensificare gli sforzi per definire la nostra trasformazione digitale secondo le nostre norme e i nostri valori». Con queste

  • 02 settembre 2021
    Come regolamentare il cyberspazio, ecco la via di Pechino

    Commenti

    Come regolamentare il cyberspazio, ecco la via di Pechino

    Le settimane estive hanno evidenziato come l’asse transatlantico relativo alla identificazione delle regole del gioco della ormai incontenibile espansione delle tecnologie digitali possa essere messo in ombra dall’attivismo, in termini di regolazione del cyberspazio, della Repubblica popolare

  • 17 giugno 2021
    Le Authority garanti tra limiti di ruolo e tutela della privacy

    Commenti

    Le Authority garanti tra limiti di ruolo e tutela della privacy

    La Corte di giustizia, nella decisione commentata ieri su questo giornale, ammettendo, a certe condizioni, che un’Autorità garante, pur non essendo la “capofila”, possa esercitare il suo potere di intentare un’azione dinanzi a un giudice nazionale, ha provato a dare una risposta al seguente

    Le Authority garanti tra limiti di ruolo e tutela della privacy

    Commenti

    Le Authority garanti tra limiti di ruolo e tutela della privacy

    La Corte di giustizia, nella decisione commentata ieri su questo giornale, ammettendo, a certe condizioni, che un’Autorità garante, pur non essendo la “capofila”, possa esercitare il suo potere di intentare un’azione dinanzi a un giudice nazionale, ha provato a dare una risposta al seguente

  • 23 aprile 2021
    La Terza via europea per un capitalismo digitale ben temperato

    Commenti

    La Terza via europea per un capitalismo digitale ben temperato

    «Plasmare il futuro digitale dell’Europa». Questa è la dichiarazione di intenti della strategia europea che, già agli inizi del 2020, si poneva l’obiettivo di rispondere alle sfide della società algoritmica attraverso una serie di riforme in cui l’innovazione tecnologica non si contrapponesse ai