Ultime notizie:

Orange Fiber

    Ferragamo, il sandalo-icona si evolve e diventa 100% sostenibile

    Erano gli anni duri dell'autarchia quelli in cui Salvatore Ferragamo, vulcanico artigiano originario di Bonito, in provincia di Avellino, iniziò a realizzare le sue prime calzature: spinta dalla necessità di trovare materiali alternativi, la creatività dell'artigiano riconobbe nel sughero, prodotto

    – di Chiara Beghelli

    Ferragamo, maxi-polo green per modelli e prototipi

    La "Responsible passion" che esprime l'impegno per la sostenibilità di Salvatore Ferragamo si arricchisce di un nuovo progetto: nei giorni scorsi l'azienda toscana ha inaugurato nel polo di Osmannoro, alla periferia di Firenze, un laboratorio di modelleria e prototipia per i prodotti di

    – di Chiara Beghelli

    Nasce l'Atlante dell'economia circolare: Lombardia al top per casi virtuosi

    Produrre tessuti dagli scarti della lavorazione delle arance. Realizzare una centrale a biogas dai propri residui di produzione agroalimentare. O, ancora, ricavare carta dalle alghe infestanti che mettono a rischio l'ecosistema della Laguna veneta. Sono solo alcune delle cento storie di impresa

    – di Andrea Marini

    Agrumi con la stoffa

    Realizzare tessuti innovativi, sostenibili e di qualità partendo dagli scarti degli agrumi, quelli inevitabilmente presenti nella lavorazione industriale. Un'idea innovativa diventata negli anni impresa grazie alla ricerca e alla tenacia di due giovani startupper siciliane. A pensare a questa soluzione sostenibile sono state Adriana Santanocito ed Enrica Arena, fondatrici di Orange Fiber e oggi in società con Francesco Virlinzi, Antonio Perdichizzi e Corrado Blandini. Passione per il tessile e ...

    – Giampaolo Colletti

    Le 400 best practice «verdi» dal tessuto alla vendita

    Utilizzare materiali riciclati è un passo avanti, ma non può essere la soluzione definitiva quando si parla di un approccio sostenibile alla moda. Le aziende devono creare prodotti più durevoli, che abbiano l'impatto più ridotto possibile sull'ambiente. E i consumatori devono acquistare i capi e

    – di Marta Casadei

    Le startup del fashion valgono pochino (per i venture capital)

    E' da sempre uno dei settori trainanti del Made in Italy e, secondo i dati della Camera nazionale della moda italiana, anche uno di quelli che nel 2017 ha avuto una crescita positiva. Il mondo fashion e del lusso - che proprio in questi giorni sta andando in scena sulle passerelle milanesi - si appresta infatti a chiudere il 2017 con vendite per 87 miliardi di euro, in crescita di quasi il 3% rispetto al 2016. Si tratta di dati incoraggianti di cui, però, non sembrano aver beneficiato le startu...

    – Infodata

    Ferragamo: il bilancio 2016 consolida l'impegno per la sostenibilità

    «Fin dalla fondazione, il nostro gruppo ha dimostrato una naturale propensione verso la sostenibilità e negli anni l'evoluzione internazionale del marchio e la sempre maggiore consapevolezza a livello globale dell'importanza di preservare l'ambiente in cui viviamo, hanno fatto sì che il tema non

    – di Marta Casadei

    I tessuti made in Italy creati da fibre naturali

    Fibre che, filate, diventano tessuti da indossare. In natura, è la cellulosa la trama di sostegno dei tessuti vegetali: oltre che nei tronchi degli alberi, si trova nei semi di cotone, nei fusti di lino, canapa, ginestra, iuta. Se trattata con additivi chimici, da fine 800 diventa viscosa. Dopo l'età del nylon e delle fibre sintetiche nell'industria tessile, oggi la cellulosa riunisce tre esperienze innovative di ritorno alla fibra naturale per rispondere alle sfide di sostenibilità sanitaria ed...

    – Josephine Condemi

1-10 di 22 risultati