Persone

Norman Foster

Norman Foster è un architetto inglese di fama internazionale.

Dopo aver frequentato la facoltà di architettura di Manchester, va alla Yale School of Architecture. Durante il master in America incontra Robert Rogers, con il quale nel 1963 fonda Team 4. Team 4 si fa rapidamente un nome come interessante studio high-tech.

Nel 1967 la società si scioglie e Foster fonda con Wendy Cheesman la Foster Associates, poi diventata Foster & Partners. Per diversi anni Foster collabora con Richard Buckminster Fuller proponendo alcuni progetti innovativi nello sviluppo di un approccio sensibile all'ambiente. Le realizzazioni più importanti di questo periodo sono il Samuel Beckett theater e la sede di Willis Faber & Dumas a Ipswich.

Successivamente Norman Foster continua a lavorare a progetti ad elevato contenuto tecnologico in cui spesso fonde complessi sistemi informatici con sistemi che sfruttano le basilari leggi della fisica. L'obiettivo è quello di creare strutture tecnologicamente avanzate ma anche efficienti. L'esempio più lampante di questo approccio è la sede della Swiss Re di Londra, dotata di una facciata estremamente complessa che consente all'aria di entrare e di scaldarsi, sfruttandola sia per il raffreddamento e poi tramite convezione per il riscaldamento.

Norman Foster è considerato uno degli architetti più prolifici in circolazione. Nella sua lunga carriera ha ricevuto numerose onorificenze, tra cui quella di barone. Ha ricevuto inoltre numerosi premi di architettura in tutto il mondo, tra cui il Principe delle Asturie, il premio Stirling e il premio Pritzker.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Architettura | Norman Foster | Team | Foster & Partners | Faber | School of Architecture | Robert Rogers | Foster Associates | Università di Yale | Richard Buckminster Fuller | Wendy Cheesman | Swiss Re |

Ultime notizie su Norman Foster

    Be Factory: perché la ripresa passa (anche) da Rovereto

    Per ampliare gli spazi di Progetto Manifattura vennero interpellati architetti del calibro di Renzo Piano, Norman Foster, Kengo Kuma appunto, che venne scelto per il suo progetto votato alla leggerezza e interamente in legno: si sposava bene con le caratteristiche del territorio».

    – di Sara Deganello

    Gerald Hines, addio al magnate dell'immobiliare

    Lord Norman Foster, Bruce Graham e David M. Childs di SOM, Gyo Obata, Philip Johnson e John Burgee, Cesar Pelli, Frank O. Gehry e Jean Nouvel sono solo alcuni dei nomi celebri che hanno disegnato i complessi poi sviluppati da Hines.

    – di Paola Dezza

    Vicenza, Margraf non si ferma: cresce con la fotografia hi-tech

    Margraf lavora con studi di architettura internazionali, in Italia e all'estero: prima si è affermata in Usa, con la costruzione di alcuni grattacieli, poi si sono susseguite numerose realizzazioni tra le quali il Coca Cola Building di Atlanta, la IBM Tower in Georgia, il primo e il nuovo World Financial Center di New York, realizzato da Pelli Clarke Pelli Architects, il Terminal 3 del nuovo aeroporto di Pechino di Norman Foster, la House of Worhip of Baha'i religion a Nuova...

    – di Barbara Ganz

    Sedi aziendali e spazi retail al traguardo nel 2020

    Da Milano a Roma, passando per l'Emilia Romagna, sono molti i nuovi headquarter di società e gli spazi retail con i cantieri aperti e che apriranno i battenti nel corso del 2020. Spesso impegnano società di progettazione italiane. Ecco i principali.

    – di Paola Pierotti

    Ecco i palazzi storici di Londra in mano ad Agnelli e Caltagirone

    Anche Enpam ha diversificato nella capitale britannica, dove l'ente pensionistico dei dottori italiani ha acquistato lo scorso autunno l'edificio al numero 55 di Wells Street, nel quartiere super-trendy di Fitzrovia, e prima ancora aveva investito nella sede di Amazon a Principal Place

    – di Simone Filippetti

    Una guida ai regali di Natale

    Scegliere il dono su misura può diventare un gioco, anche di coppia e il magazine del lusso del Sole24Ore, propone un curioso "memory"

    – di Nicoletta Polla Mattiot

    L'Ilva tedesca? Si chiama Ruhr ma non ha fatto la fine di Taranto

    La valle del grande bacino carbonifero della Germania ha cambiato volto negli ultimi trent'anni dopo un processo di risanamento senza precedenti in Europa e forse al mondo. Fiumi bonificati, ex acciaierie diventati parchi di divertimento, ex fabbriche e gasometri trasformati in gallerie d'arte contemporanea, musei e sale da concerto

    – di Attilio Geroni

1-10 di 251 risultati