Persone

Norman Foster

Norman Foster è un architetto inglese di fama internazionale.

Dopo aver frequentato la facoltà di architettura di Manchester, va alla Yale School of Architecture. Durante il master in America incontra Robert Rogers, con il quale nel 1963 fonda Team 4. Team 4 si fa rapidamente un nome come interessante studio high-tech.

Nel 1967 la società si scioglie e Foster fonda con Wendy Cheesman la Foster Associates, poi diventata Foster & Partners. Per diversi anni Foster collabora con Richard Buckminster Fuller proponendo alcuni progetti innovativi nello sviluppo di un approccio sensibile all'ambiente. Le realizzazioni più importanti di questo periodo sono il Samuel Beckett theater e la sede di Willis Faber & Dumas a Ipswich.

Successivamente Norman Foster continua a lavorare a progetti ad elevato contenuto tecnologico in cui spesso fonde complessi sistemi informatici con sistemi che sfruttano le basilari leggi della fisica. L'obiettivo è quello di creare strutture tecnologicamente avanzate ma anche efficienti. L'esempio più lampante di questo approccio è la sede della Swiss Re di Londra, dotata di una facciata estremamente complessa che consente all'aria di entrare e di scaldarsi, sfruttandola sia per il raffreddamento e poi tramite convezione per il riscaldamento.

Norman Foster è considerato uno degli architetti più prolifici in circolazione. Nella sua lunga carriera ha ricevuto numerose onorificenze, tra cui quella di barone. Ha ricevuto inoltre numerosi premi di architettura in tutto il mondo, tra cui il Principe delle Asturie, il premio Stirling e il premio Pritzker.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Architettura | Norman Foster | Team | Foster & Partners | Faber | School of Architecture | Robert Rogers | Foster Associates | Università di Yale | Richard Buckminster Fuller | Wendy Cheesman | Swiss Re |

Ultime notizie su Norman Foster

    Max Mara porta al Neues Museum di Berlino la collezione Resort 2020

    Nell'anno del trentesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino, avvenuta l'8 novembre 1989, Max Mara ha reso omaggio alla rinascita di una città e di una capitale, scegliendola come ambientazione della sfilata della collezione Resort 2020. Berlino è oggi un punto di riferimento per l'arte,

    – di Giulia Crivelli

    Mies, architetto da fumetto

    Il 2019 coincide col centenario della nascita del Bauhaus, la scuola d'arte, design e architettura di cui Walter Gropius fu fondatore e primo direttore. Ma coincide anche con il cinquantenario della morte di Ludwig Mies van der Rohe, che del Bauhaus fu l'ultimo direttore: dal 1930 all'11 aprile

    – di Fulvio Irace

    Terna: dalle archistar ai «monostelo», così la rete elettrica ha cambiato volto

    L'impegno più recente si trova nero su bianco nel piano strategico 2019-2023 presentato nelle scorse settimane in cui si sottolinea che oltre il 60% delle nuove linee elettriche destinate a entrare in servizio da qui ai prossimi cinque anni sarà "invisibile" perché realizzate in cavo terrestre o

    – di Celestina Dominelli

    CultureSummit Abu Dhabi2019: tra responsabilità culturale e nuove tecnologie

    Il 2020 sarà un anno d'oro per gli Emirati Arabi Uniti, che ospiteranno l'Esposizione Universale a Dubai, prima volta di un'Expo nella regione MENASA (Middle East, North Africa, South Asia). Intanto, la capitale emiratina Abu Dhabi continua il suo progetto di affermazione identitaria e di marketing

    – di Francesca Guerisoli

    Firenze, senza stazione e sottopasso rallenta la corsa dell'alta velocità

    Il via libera alla nuova pista "lunga" dell'aeroporto di Firenze (si veda l'articolo sotto) non fa dimenticare, e anzi riaccende, la battaglia per un'altra opera bloccata in Toscana e considerata strategica per lo sviluppo e la mobilità cittadina: la stazione ferroviaria dell'alta velocità, unico

    – di Silvia Pieraccini

    Da priorità a fantasmi: l'Italia delle opere dimenticate

    Non ci sono solo le opere bloccate, per varie ragioni, dai finanziamenti a singhiozzo alle complessità procedurali. In Italia la prassi di abbandonare i programmi infrastrutturali prioritari delle precedenti maggioranze di governo ha prodotto anche una stratificazione di opere dimenticate.

    – di Silvia Pieraccini e Giorgio Santilli

    Grand Tour contemporaneo tra Svizzera e Lago di Como

    Un'avventura on the road sui passi della Svizzera e sulle strade tutte curve che la collegano al lago di Como, dalla via Tremola alla strada Regina. Nell'esperienza Grand Touring, si fa sosta in tre hotel contemporanei di altissimo livello: Dolder Grand di Zurigo con un'ala nuova di Sir Norman

1-10 di 240 risultati