Persone

Norman Foster

Norman Foster è un architetto inglese di fama internazionale.

Dopo aver frequentato la facoltà di architettura di Manchester, va alla Yale School of Architecture. Durante il master in America incontra Robert Rogers, con il quale nel 1963 fonda Team 4. Team 4 si fa rapidamente un nome come interessante studio high-tech.

Nel 1967 la società si scioglie e Foster fonda con Wendy Cheesman la Foster Associates, poi diventata Foster & Partners. Per diversi anni Foster collabora con Richard Buckminster Fuller proponendo alcuni progetti innovativi nello sviluppo di un approccio sensibile all'ambiente. Le realizzazioni più importanti di questo periodo sono il Samuel Beckett theater e la sede di Willis Faber & Dumas a Ipswich.

Successivamente Norman Foster continua a lavorare a progetti ad elevato contenuto tecnologico in cui spesso fonde complessi sistemi informatici con sistemi che sfruttano le basilari leggi della fisica. L'obiettivo è quello di creare strutture tecnologicamente avanzate ma anche efficienti. L'esempio più lampante di questo approccio è la sede della Swiss Re di Londra, dotata di una facciata estremamente complessa che consente all'aria di entrare e di scaldarsi, sfruttandola sia per il raffreddamento e poi tramite convezione per il riscaldamento.

Norman Foster è considerato uno degli architetti più prolifici in circolazione. Nella sua lunga carriera ha ricevuto numerose onorificenze, tra cui quella di barone. Ha ricevuto inoltre numerosi premi di architettura in tutto il mondo, tra cui il Principe delle Asturie, il premio Stirling e il premio Pritzker.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Architettura | Norman Foster | Team | Foster & Partners | Faber | School of Architecture | Robert Rogers | Foster Associates | Università di Yale | Richard Buckminster Fuller | Wendy Cheesman | Swiss Re |

Ultime notizie su Norman Foster

    Monaco oltre il boccale: musei, giardini e mercati da scoprire

    La shortlist dei musei imperdibili comprende la Pinakothek, uno dei più grandi musei di arte moderna e contemporanea al mondo, il Museum Brandhorst, con 100 opere di Andy Warhol e 60 di Cy Twombly; il Lenbachhaus, con un'ala firmata Norman Foster, un lucernario a vortice di Olafur Eliasson, e permanenti sull'Espressionismo e Joseph Beuys.

    – di Sara Magro

    Il Philadelphia Museum of Art cresce con Gehry e diventa piazza

    Ed è così che in poco meno di dieci anni si è lasciata alle spalle la nomea di città povera e sottovalutata, e il suo patrimonio architettonico e culturale è diventato protagonista di una rinascita immobiliare che giustappone storia e personalità a un'ambizione verticale, come dimostrano le nuove torri Comcast dell'architetto inglese Norman Foster che dominano lo skyline.

    – di Sara Dolfi Agostini

    The Corniche, il superattico con vista «cinemascope» su Westminster

    L’architetto Norman Foster si è ispirato alla poppa di una nave, creando due grattacieli eleganti che sono tutti curve e vetro, in piacevole contrasto con le linee angolari dei palazzi intorno. ... Foster la definisce unla vista “in cinemascope”.

    – di Nicol Degli Innocenti

    I punti vendita dopo Apple. Ci vuole un «fisico» bestiale

    Se avete assistito all’inaugurazione al pubblico di Apple Piazza Liberty a Milano, in tutta probabilità sapete bene di cosa stiamo parlando: il primo store di nuova generazione inaugurato in Italia dalla Mela è un parallelepipedo di vetro e acqua firmato dall’archistar Norman Foster, destinato ad accogliere clienti in cerca di assistenza ma anche a ospitare conferenze di sviluppatori ed eventi culturali.

    – di Francesco Prisco

    Accordo British Museum e DCT Abu Dhabi per intitolare Galleria a Sheikh Zayed

    In attesa di concretizzare ad Abu Dhabi l'accordo stretto nel 2009 tra il British Museum e il Dipartimento di Cultura e Turismo - Abu Dhabi con la realizzazione del Zayed National Museum disegnato da Norman Foster sull'isola di Saadiyat, è stato firmato l'accordo per la British Museum Gallery

    – di Marilena Pirrelli

    Porto di Rotterdam, Brexit e le insidie sulla nuova Via della Seta

    ROTTERDAM - Dal World Port Center, il grattacielo di 124 metri disegnato da Norman Foster che ospita gli uffici dell'Autorità portuale, lo sguardo può abbracciare in tutta la sua ardita progettualità il Porto di Rotterdam: una città nella città che dalla Nieuwe Maas, delta del Reno, si estende per

    – dall'inviato Michele Pignatelli

    Se politica, architettura e design da temi diventano media

    New York più di ogni altra città al mondo misura le sue trasformazioni con l'andamento dei mercati. Quello immobiliare per esempio ha trovato nella zona degli Hudson Yards una nuova piattaforma di sviluppo e speculazione - gemelli inseparabili. La creazione di un nuovo polo architettonico si

    – di Marco Sammicheli

    Abu Dhabi, un miliardo per il «museo universale»

    «Raccontare la storia del mondo attraverso 100 oggetti», scriveva nel 2012 Neil MacGregor, allora direttore del British Museum. Oggi il Louvre Abu Dhabi si presenta al mondo come"museo universale" contemporaneo: nella società della globalizzazione, dove le comunità si muovono rapidamente, qual è lo

    – dal nostro inviato Marilena Pirrelli

    Abu Dhabi, oltre il petrolio c'è la Silicon Valley

    L'annuncio è arrivato, a sorpresa, con una scarna nota via Twitter: il Salvator Mundi, l'ultimo Leonardo in mani private e appena venduto da Christie's a una cifra record di 450 milioni di dollari, presto avrebbe trovato casa: il Louvre, ma non quello di Parigi dove avrebbe tenuto compagnia alla

    – di Riccardo Barlaam

1-10 di 227 risultati