Persone

Norberto Bobbio

Filosofo e storico italiano tra i più influenti nel ventesimo secolo, Norberto Bobbio è nato a Torino il 18 ottobre 1909. Allievo di Luigi Einaudi, si è laureato in giurisprudenza nel 1931 e nel 1935 ha iniziato la carriera accademica: prima all’Università di Camerino, poi a Siena e a Padova (dal 1940 al 1948). Proprio nel 1948 Norberto Bobbio viene chiamato alla cattedra di filosofia del diritto dell'Università di Torino, mentre dal 1962 ha preso l’insegnamento di scienza politica, che ha ricoperto fino al 1971, essendo tra i fondatori della facoltà di Scienze Politiche. In questi anni di docenza ha contributio alla storiografia e alla filosofia della politica con una serie di saggi e scritti di grande rilievo che lo hanno portato a diventare socio dell’Accademia dei Lincei e della British Academy. Da metà degli anni Settanta, Norberto Bobbio ha aumentato l’impegno politico e civile, occupandosi dei rapporti tra democrazia e socialismo e quindi delle tesi di “politica per la pace”. Nel 1984 è nominato senatore a vita dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini: ritiratosi man mano dalla vita politica, è morto a Torino nel 2004.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Norberto Bobbio | Luigi Einaudi | Sandro Pertini | Accademia dei Lincei | British Academy |

Ultime notizie su Norberto Bobbio

    Mario che fa il barbiere e conosce se stesso

    Ti dico di più, personalmente non l'ho mai visto arrabbiarsi, e neanche gridare e dopo che ieri mi sono fatto raccontare la sua storia ho chiesto a Jepis se lo ha mai visto arrabbiato, e lui mi ha risposto "non esiste", e più o meno lo stesso Antonio Torre, e insomma sono stato contento, perché oggi più che mai ha ragione Norberto Bobbio quando nel suo Elogio della mitezza scrive "Amo le persone miti, perché sono quelle che rendono più abitabile questa aiuola, tanto da farmi pensare che la...

    – Vincenzo Moretti

    Il leader è nudo

    Alla società del conformismo e della superficialità che si regge su quelli che Norberto Bobbio ha definito i servi contenti, va contrapposta una società che valorizzi la creatività e le differenze.

    – Vincenzo Moretti

    Che si fa di Anna Frank?

    Oltre al patron Giulio Einaudi, si sono succeduti negli anni, tra gli altri, Norberto Bobbio, Giulio Bollati, Italo Calvino, Luciano Foà, Natalia Ginzburg, Massimo Mila, Cesare Pavese, Giaime Pintor, Elio Vittorini, Daniele Ponchiroli, di cui, con l’ottima curatela di Tommaso Munari, sono state date alle stampe le annotazioni di vita fuori e dentro la redazione ne

    – di Cristina Battocletti

    Che si fa di Anna Frank? Nonostante l'entusiasmo di Natalia Ginzburg per il «Diario», Einaudi ne affidò la lettura fuori dal comitato del «mercoledì» con un anomalo iter editoriale

    Oltre al patron Giulio Einaudi, si sono succeduti negli anni, tra gli altri, Norberto Bobbio, Giulio Bollati, Italo Calvino, Luciano Foà, Natalia Ginzburg, Massimo Mila, Cesare Pavese, Giaime Pintor, Elio Vittorini, Daniele Ponchiroli, di cui, con l'ottima curatela di Tommaso Munari, sono state date alle stampe le annotazioni di vita fuori e dentro la redazione ne La parabola dello Sputnik.

    – Cristina Battocletti

    La notte delle élite e l'alba populista

    Non era più in grado di mediare l'aporia della nostra democrazia, tra una maggioranza di rappresentati e una minoranza di rappresentanti, già evidenziata da studiosi del calibro di Robert Dahl e Norberto Bobbio.

    – di Carlo Carboni

    Lo spread e il paese dei balocchi

    Pentastellati e leghisti, pronti a comporre una maggioranza di governo, scherzano col fuoco, parlano di cose che non conoscono, dimostrano un'impreparazione preoccupante su mercati, articoli della Costituzione, banche, finanza e Comitato di Basilea. Il contratto di cui si è ampiamente parlato in questi giorni, nelle diverse versioni che escono a getto continuo, mette paura. Come ha scritto il docente della Sda Bocconi Carlo Alberto Carnevale Maffè, "qui siamo a un orrendo tribalismo sanfedista, ...

    – Beniamino Piccone

    La mobilità sociale è di destra o di sinistra?

    In Italia l'ascensore sociale si è da tempo bloccato. I dati forniti dall'Istat sono inequivocabili e anche l'Ocse lo conferma. E' diffuso il convincimento che il tasso di mobilità sociale sia un prezioso indice per misurare lo sviluppo di un sistema economico e sociale. Per quale ragione, dunque,

    – di Quirino Camerlengo

    Ora la missione è contare di più in Europa

    In economia, tutti i Capodanni infelici si assomigliano, con il loro bagaglio di recessione, inflazione e disoccupazione, mentre ogni Capodanno felice è diverso. Quello che celebra il nostro Paese domani, dopo tanti anni di miserie, è fatto di crescita, certo non straordinaria se paragonata a

    – di Andrea Goldstein

    Lo ius soli è morto, viva lo ius soli. L'obiettivo è l'integrazione (servono nuovi Traiano)

    Il caso è noto.  Il 6 marzo 2013, Singh Jatinder - indiano sikh immigrato in Italia nel 2010 - viene fermato dalla polizia davanti alla scuola elementare di Goito (Mantova). Alla cintola ha un pugnale di 18,5 centimetri, il kirpan (coltello sacro). All'intimazione di consegnare l'arma, oppone resistenza. Secondo lui, sta adempiendo ai precetti della sua fede. Secondo la polizia, sta creando un problema di ordine pubblico. La vicenda finisce in Corte di Cassazione, la cui sentenza (più o meno il ...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    Una miccia davanti al presepe: buon Natale a tutte le famiglie da Giorgia Meloni

    Ero a cena da amici, ieri sera, che sono stati raggiunti da una mail con il video di Giorgia Meloni testimonial del presepe. L'onorevole inizia secca la campagna elettorale. Entra nelle famiglie in piena novena per ricordare i valori occidentali che la tradizione natalizia esprimerebbe, compresa la "laicità dello Stato". Chissà Norberto Bobbio e Alessandro Galante Garrone che direbbero di questo inedito e ardito aggancio costituzionale... O lo stesso Francesco d'Assisi, peraltro. Un cambio di ro...

    – Francesco Antonioli

1-10 di 112 risultati