Persone

Norberto Bobbio

Filosofo e storico italiano tra i più influenti nel ventesimo secolo, Norberto Bobbio è nato a Torino il 18 ottobre 1909. Allievo di Luigi Einaudi, si è laureato in giurisprudenza nel 1931 e nel 1935 ha iniziato la carriera accademica: prima all’Università di Camerino, poi a Siena e a Padova (dal 1940 al 1948). Proprio nel 1948 Norberto Bobbio viene chiamato alla cattedra di filosofia del diritto dell'Università di Torino, mentre dal 1962 ha preso l’insegnamento di scienza politica, che ha ricoperto fino al 1971, essendo tra i fondatori della facoltà di Scienze Politiche. In questi anni di docenza ha contributio alla storiografia e alla filosofia della politica con una serie di saggi e scritti di grande rilievo che lo hanno portato a diventare socio dell’Accademia dei Lincei e della British Academy. Da metà degli anni Settanta, Norberto Bobbio ha aumentato l’impegno politico e civile, occupandosi dei rapporti tra democrazia e socialismo e quindi delle tesi di “politica per la pace”. Nel 1984 è nominato senatore a vita dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini: ritiratosi man mano dalla vita politica, è morto a Torino nel 2004.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Norberto Bobbio | Luigi Einaudi | Sandro Pertini | Accademia dei Lincei | British Academy |

Ultime notizie su Norberto Bobbio

    Riconosciamo il valore dei maestri

    Maestri? Che cosa ce ne facciamo dei maestri oggi, quando abbiamo a disposizione opinion-makers, influencers, bloggers, counselors e coaches di ogni genere, pronti a guidarci sia negli acquisti sia nella impostazione e direzione del nostro modo di vivere e di pensare, indirizzandoci verso

    – di Francesca Rigotti

    Gli anni del dissenso

    Come si sa il carteggio di Croce e Gentile è stato a lungo pubblicato in due sedi distinte: le lettere di Croce in un massiccio volume stampato dalla Mondadori; quelle di Gentile in cinque volumi - i primi quattro editi dalla Sansoni, il quinto e ultimo dalla Casa Editrice Le Lettere -. Questa

    – di Michele Ciliberto

    Dallo Strega al Campiello al via la stagione dei Premi, ma servono veramente?

    Si parte a luglio con il Premio Strega, poi a settembre il Campiello: è questa la stagione più attesa in Italia dagli scrittori, la stagione dei Premi che possono far decollare o consacrare una carriera. Ma i premi letterari davvero agiscono come moltiplicatori del successo di un libro?

    – di Serena Uccello

    Senatori a vita, il limite che esiste già

    E' un prestigioso club nato con la Repubblica che ha tra i propri iscritti politici, giuristi, industriali, scienziati, poeti, musicisti e scultori. Alcuni dei quali premi Nobel. L'albo d'oro del circolo, fondato più di 70 anni fa, è un elenco di 48 nomi: dieci sono entrati come membri di diritto ma

    – di Riccardo Ferrazza

    Editoria e politica, le scelte dei leader per i loro libri

    Non è la prima volta che la scelta dell'editore da parte di un leader politico per pubblicare il proprio libro solleva polemiche. Ma il caso di Matteo Salvini che, tra le quasi cinquemila case editrici attive sul mercato italiano, per il suo volume-intervista con la giornalista Chiara Giannini ha

    – di Riccardo Ferrazza

    Bobbio e Sartori secondo Pasquino (in difesa della vera democrazia)

    "Dobbiamo sperare nel risveglio della società civile e in una forte protesta corale, anche e soprattutto da parte dei media". E ancora "In Italia purtroppo la stampa non sa dare battaglia, la tv è tradizionalmente sottomessa alla politica e l'opinione pubblica non è abbastanza autonoma". Lo diceva Giovanni Sartori vent'anni fa a proposito delle ipotesi di riforma costituzionale, ma appaiono parole che potrebbero essere straordinariamente adeguate anche alla situazione attuale. Sartori, scomparso...

    – Gianfranco Fabi

    «Le fake news ci sono sempre state, la difesa è nelle biblioteche»

    «Quando, nel 1988, arrivai a Los Angeles, gli studenti più brillanti erano affascinati dal neoscetticismo. Per il neoscetticismo, la narrazione di finzione e la finzione storica erano indistinguibili. Il clima culturale di allora ha creato le condizioni favorevoli per le fake news di oggi».

    – di Paolo Bricco

    Un caffè trevigiano a Sarajevo, il NordEst incontra la Serbia, Veronfiere apre a Shanghai #AziendeConLaValigia

    Manuel Caffè, azienda di san Vendemiano (Treviso), è sempre più internazionale. E' da poco appena inaugurato il primo Spazio Gourmet dedicato alla fascinazione della ristorazione italiana nel cuore pulsante di Sarajevo, a due passi dalla Biblioteca Nazionale e la Cattedrale Ortodossa, in una zona di forte passaggio turistico. "Investiamo continuamente sul mercato estero e il progetto dell'apertura del primo Spazio Gourmet si inserisce in questo obiettivo. -  sostiene Cristina De Giusti - Il nost...

    – Barbara Ganz

    I cinque errori della democrazia e perché puntare sul merito vuol dire salvarla

    La democrazia rischia di soccombere. L'idea che la  democrazia(1) sia l'unico sistema possibile (e l'autoritarismo superato) ha perso plausibilità. Anche le democrazie più consolidate - in affanno nel gestire globalizzazione(2), disuguaglianza e immigrazione - sono a rischio sopravvivenza. Il mondo è in "recessione democratica". Ascesa e declino La democrazia, per cinquant'anni considerata punto di arrivo ? Nel 1941, solo 11 paesi al mondo erano organizzati secondo principi democratici. Ritenu...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    Mario che fa il barbiere e conosce se stesso

    Caro Diario, oggi ti racconto il lavoro ben fatto di un uomo mite e profondo a cui voglio bene dalla prima volta che l'ho incontrato, un bel po' di anni fa. Come sai la mitezza e la profondità sono due qualità che amo tanto, anche se la prima è lontana dal mio carattere, diciamo che mi ci sto educando con risultati troppo spesso improbabili, mentre la seconda mi accompagna da sempre, è parte del mio daimon, del mio codice dell'anima, della mia streppegna. Come dici amico Diario? Sarebbe ora di v...

    – Vincenzo Moretti

1-10 di 121 risultati