Persone

Norberto Bobbio

Filosofo e storico italiano tra i più influenti nel ventesimo secolo, Norberto Bobbio è nato a Torino il 18 ottobre 1909. Allievo di Luigi Einaudi, si è laureato in giurisprudenza nel 1931 e nel 1935 ha iniziato la carriera accademica: prima all’Università di Camerino, poi a Siena e a Padova (dal 1940 al 1948). Proprio nel 1948 Norberto Bobbio viene chiamato alla cattedra di filosofia del diritto dell'Università di Torino, mentre dal 1962 ha preso l’insegnamento di scienza politica, che ha ricoperto fino al 1971, essendo tra i fondatori della facoltà di Scienze Politiche. In questi anni di docenza ha contributio alla storiografia e alla filosofia della politica con una serie di saggi e scritti di grande rilievo che lo hanno portato a diventare socio dell’Accademia dei Lincei e della British Academy. Da metà degli anni Settanta, Norberto Bobbio ha aumentato l’impegno politico e civile, occupandosi dei rapporti tra democrazia e socialismo e quindi delle tesi di “politica per la pace”. Nel 1984 è nominato senatore a vita dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini: ritiratosi man mano dalla vita politica, è morto a Torino nel 2004.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Norberto Bobbio | Luigi Einaudi | Sandro Pertini | Accademia dei Lincei | British Academy |

Ultime notizie su Norberto Bobbio

    Giulio Einaudi editore, i difetti leggendari e il fiuto per i libri di successo

    Luigi e Giulio Einaudi. Padre e figlio. Due persone profondamente diverse. Luigi studioso di fama, professore di Economia a soli 28 anni. Il figlio non laureato. Il futuro presidente della Repubblica sposato con Donna Ida per tutta la vita. Giulio, due matrimoni, sei figli, tre nel primo e tre nel secondo. Il presidente della Repubblica sobrio, che divide una pera con i commensali al Quirinale, il secondo che non si cura dei conti della casa editrice (facendo preoccupare parecchio il padre). Lui...

    – Beniamino Piccone

    Remo Bodei, la filosofia come passione

    E' stata una delle menti più raffinate ed eclettiche della cultura italiana, a lungo collaboratore della Domenica del Sole 24 Ore. Era uno dei massimi esperti delle filosofie dell'idealismo classico tedesco e dell'età romantica

    – di Redazione Domenica

    Nazismo, comunismo e la Grande Strategia dell'Europa

    Verità o volontà? La risoluzione su nazifascismo e comunismo approvata il 19 settembre dal Parlamento europeo ha creato molte polemiche, per l'equiparazione tra i due 'totalitarismi'. Il tema è controverso anche tra gli storici, e sicuramente un qualunque organismo politico dovrebbe evitare di esprimersi, oltretutto in modo così semplicistico, su questioni di verità storica. Il mondo politico, però, la storia la fa, non la studia: esprime con i suoi documenti una volontà politica. Se letta bene...

    – Riccardo Sorrentino

    Gaetano Scirea, totem irripetibile di un'Italia che non c'è più

    Il paradosso di Gaetano Scirea è che più si allontana da noi, più è attuale, quasi necessario in questo calcio e in questa Italia. Il 3 settembre sono stati trent'anni da quel rogo sulla strada, tutta buche e cemento, fra Cracovia e Varsavia, ma il capitano della Nazionale e della Juventus è qui e

    – di Maria Luisa Colledani

    Riconosciamo il valore dei maestri

    Maestri? Che cosa ce ne facciamo dei maestri oggi, quando abbiamo a disposizione opinion-makers, influencers, bloggers, counselors e coaches di ogni genere, pronti a guidarci sia negli acquisti sia nella impostazione e direzione del nostro modo di vivere e di pensare, indirizzandoci verso

    – di Francesca Rigotti

    Gli anni del dissenso

    Come si sa il carteggio di Croce e Gentile è stato a lungo pubblicato in due sedi distinte: le lettere di Croce in un massiccio volume stampato dalla Mondadori; quelle di Gentile in cinque volumi - i primi quattro editi dalla Sansoni, il quinto e ultimo dalla Casa Editrice Le Lettere -. Questa

    – di Michele Ciliberto

    Dallo Strega al Campiello al via la stagione dei Premi, ma servono veramente?

    Si parte a luglio con il Premio Strega, poi a settembre il Campiello: è questa la stagione più attesa in Italia dagli scrittori, la stagione dei Premi che possono far decollare o consacrare una carriera. Ma i premi letterari davvero agiscono come moltiplicatori del successo di un libro?

    – di Serena Uccello

    Senatori a vita, il limite che esiste già

    E' un prestigioso club nato con la Repubblica che ha tra i propri iscritti politici, giuristi, industriali, scienziati, poeti, musicisti e scultori. Alcuni dei quali premi Nobel. L'albo d'oro del circolo, fondato più di 70 anni fa, è un elenco di 48 nomi: dieci sono entrati come membri di diritto ma

    – di Riccardo Ferrazza

    Editoria e politica, le scelte dei leader per i loro libri

    Non è la prima volta che la scelta dell'editore da parte di un leader politico per pubblicare il proprio libro solleva polemiche. Ma il caso di Matteo Salvini che, tra le quasi cinquemila case editrici attive sul mercato italiano, per il suo volume-intervista con la giornalista Chiara Giannini ha

    – di Riccardo Ferrazza

    Bobbio e Sartori secondo Pasquino (in difesa della vera democrazia)

    "Dobbiamo sperare nel risveglio della società civile e in una forte protesta corale, anche e soprattutto da parte dei media". E ancora "In Italia purtroppo la stampa non sa dare battaglia, la tv è tradizionalmente sottomessa alla politica e l'opinione pubblica non è abbastanza autonoma". Lo diceva Giovanni Sartori vent'anni fa a proposito delle ipotesi di riforma costituzionale, ma appaiono parole che potrebbero essere straordinariamente adeguate anche alla situazione attuale. Sartori, scomparso...

    – Gianfranco Fabi

1-10 di 125 risultati