Persone

Nigel Farage

Nigel Farage è nato il 3 aprile del 1964 a Downe (borgo di Londra) ed è un politico britannico, ex leader di UKIP (Partito per l'Indipendenza del Regno Unito) deputato europeo e co-presidente, dal 1° luglio del 2009, del gruppo europarlamentare Europa delle Libertà e della Democrazia (EFD), trasformatosi dal 24 giugno del 2014 in Europa della Libertà e della Democrazia Diretta (EFDD).

Prima di dedicarsi completamente all'attività politica, Farage ha esercitato l'attività d'intermediazione finanziaria presso una società londinese di brokeraggio.

Nel 1992, abbandonato il partito Conservatore, Farage è stato tra i fondatori dell'UKIP, di cui è diventato leader nel settembre del 2006.

Nel 2009, in capo all'UKIP, Farage ha ottenuto all'elezioni europee il secondo posto quanto a gradimento popolare, superando sia il Partito Laburista che i Liberal Democratici.

Membro del Parlamento europeo, ormai alla sua quarta legislatura, Nigel Farage ha schierato il suo UKIP nel gruppo politico "Europa per la libertà e la democrazia", insieme alla Lega Nord (poi fuoriscita per confluire nel Fronte Nazionale di Marine Le Pen) ed al Movimento 5 stelle di Grillo

Nel novembre del 2010, in seguito alle dimissioni del capo dell'UKIP il Lord Pearson of Rannoch, Nigel Farage ottiene la leadership, battendo gli sfidanti Tim Congdon e David Campbell-Bannerman.

E’ stato il promotore del famoso Brexit, il referendum popolare col quale la Gran Bretagna il 23 giugno 2016 ha espresso la volontà di voler uscire dall'Unione Europea.

Nigel Farage si è sposato due volte ed è padre di quattro figli, Isabelle, Thomas, Victoria e Samuel.

Ultimo aggiornamento 06 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Stati membri dell'Unione europea | Nigel Farage | Farange | Gran Bretagna | David Campbell | Tim Congdon | Lega | Le Pen | Fronte Nazionale | Europa | UKIP |

Ultime notizie su Nigel Farage

    Con Brexit, Singapore sul Tamigi: Londra sarà un mega paradiso fiscale?

    31 gennaio, il Regno Unito esce dall'Unione Europea. E' possibile che Londra diventi uno dei più grandi paradisi fiscali del mondo occidentale? Sì. Mettiamoci comodi su un bel divano Chesterfield con una buona tazza di The Earl Grey, un paio di biscotti Walkers e approfondiamo il tema. Ho voluto dialogare con due cittadini del Regno Unito che cercano di combattere il "money laundering (riciclaggio di denaro)". Bene ricordare che il denaro riciclato è, spesso, frutto di ulteriori attività criminal...

    – Enrico Verga

    Tre scenari per la Brexit secondo Boris Johnson

    La Brexit si farà. La vittoria schiacciante alle elezioni da parte di Boris Johnson ha rotto uno stallo che stava diventando pericoloso per il Paese. Tranne un nucleo di irriducibili che si dice pronto a iniziare la battaglia per la riammissione di Londra nella UE, il resto dell'elettorato, compresi molti moderati remainer è perfettamente cosciente che, se Johnson avesse avuto una risicata maggioranza, il Parlamento si sarebbe nuovamente trascinato in una lunga agonia di voti e controvoti con un...

    – Marco Niada

    Il voto in Gran Bretagna, la sfida vinta di Boris Johnson

    Il premier conservatore non solo resta saldamente in sella ma avrà i numeri per far approvare in tempi brevi l'accordo di recesso concordato con l'Unione Europea: Brexit sarà realtà il 31 gennaio 2020

    – di Nicol Degli Innocenti

    Elezioni Regno Unito, Boris Johnson favorito con l'incognita hard Brexit

    Conservatori, Laburisti, Liberaldemocratici. I principali partiti dell'Isola sono in trincea per il voto del 12 dicembre. La posta in palio è soprattutto la Brexit, ma i consensi si sposteranno anche per i rispetti manifesti politici. Ecco cosa propongono e chi è favorito

    – di Alb.Ma.

1-10 di 391 risultati