Persone

Nigel Farage

Nigel Farage è nato il 3 aprile del 1964 a Downe (borgo di Londra) ed è un politico britannico, ex leader di UKIP (Partito per l'Indipendenza del Regno Unito) deputato europeo e co-presidente, dal 1° luglio del 2009, del gruppo europarlamentare Europa delle Libertà e della Democrazia (EFD), trasformatosi dal 24 giugno del 2014 in Europa della Libertà e della Democrazia Diretta (EFDD).

Prima di dedicarsi completamente all'attività politica, Farage ha esercitato l'attività d'intermediazione finanziaria presso una società londinese di brokeraggio.

Nel 1992, abbandonato il partito Conservatore, Farage è stato tra i fondatori dell'UKIP, di cui è diventato leader nel settembre del 2006.

Nel 2009, in capo all'UKIP, Farage ha ottenuto all'elezioni europee il secondo posto quanto a gradimento popolare, superando sia il Partito Laburista che i Liberal Democratici.

Membro del Parlamento europeo, ormai alla sua quarta legislatura, Nigel Farage ha schierato il suo UKIP nel gruppo politico "Europa per la libertà e la democrazia", insieme alla Lega Nord (poi fuoriscita per confluire nel Fronte Nazionale di Marine Le Pen) ed al Movimento 5 stelle di Grillo

Nel novembre del 2010, in seguito alle dimissioni del capo dell'UKIP il Lord Pearson of Rannoch, Nigel Farage ottiene la leadership, battendo gli sfidanti Tim Congdon e David Campbell-Bannerman.

E’ stato il promotore del famoso Brexit, il referendum popolare col quale la Gran Bretagna il 23 giugno 2016 ha espresso la volontà di voler uscire dall'Unione Europea.

Nigel Farage si è sposato due volte ed è padre di quattro figli, Isabelle, Thomas, Victoria e Samuel.

Ultimo aggiornamento 06 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Stati membri dell'Unione europea | Nigel Farage | Farange | Gran Bretagna | David Campbell | Tim Congdon | Lega | Le Pen | Fronte Nazionale | Europa | UKIP |

Ultime notizie su Nigel Farage

    La scomoda prepotenza dell'amico americano

    Un avvelenamento così acuto dei rapporti con i cugini dall'altra sponda dell'Atlantico non si vedeva forse dai tempi delle guerre tra Londra e le ex-colonie americane.  Trump non infatti è andato per il sottile: ha detto infatti che l'Ambasciatore britannico a Washington, Sir Kim Darroch "è un tipo molto stupido", per poi infliggere un colpo basso contro la stessa premier britannica Theresa May, dandole praticamente dell'incapace perché "della Brexit ha fatto un pasticcio". I colpi di clava di ...

    – Marco Niada

    Il Parlamento Ue tira dritto: mercoledì eleggiamo il nostro presidente

    STRASBURGO - «Il nuovo presidente del Parlamento sarà votato mercoledì alle 9». L'attuale numero uno dell'Eurocamera, Antonio Tajani, ha sgomberato il campo da dubbi: il parlamento eleggerà il 3 luglio il suo presidente, come da accordi, con o senza il raggiungimento di una intesa a Bruxelles sugli

    – dal nostro inviato Alberto Magnani

    Brexit incompiuta, partito e Paese divisi: l'eredità «avvelenata» di Theresa May

    Non c'è tregua per Theresa May: anche nel giorno delle sue dimissioni ufficiali la cronaca le ricorda quanto la mancata Brexit abbia danneggiato il partito conservatore. La premier britannica lascia l'incarico in anticipo, come annunciato due settimane fa, con una lettera inviata al presidente del

    – di Nicol Degli Innocenti

    Riusciranno i sovranisti a cambiare le regole economiche europee?

    Gli autori di questo post sono Tammaro Terracciano e Nicolò Fraccaroli. Tammaro è Ph.D. candidate presso lo Swiss Finance Institute di Ginevra. La sua maggiore area di interesse è la macroeconomia internazionale. Nicolò è dottorando in economia presso l'Università di Roma Tor Vergata, ha lavorato presso il dipartimento di Relazioni europee della Banca centrale europea e ha pubblicato con Robert Skidelsky il libro Austerity vs Stimulus. The Political Future of Economic Recovery (2017) -  Il rece...

    – Econopoly

    Commercio, perché l'accordo Usa-Uk conviene soltanto a Trump

    Un grande accordo commerciale tra Stati Uniti e Regno Unito. Nella sua visita a Londra, il presidente Donald Trump rilancia una vecchia suggestione, resa più vivida dalla prospettiva della Brexit, soprattutto agli occhi degli euroscettici (non solo inglesi). Un trattato di libero scambio sarebbe il

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    Brexit, Trump esorta il Regno Unito: mandate Farage a negoziare con l'Ue

    La Gran Bretagna dovrebbe mandare il leader del Brexit party Nigel Farage a negoziare con Bruxelles, e se Londra non otterrà quel che chiede all'Unione Europea, dovrebbe semplicemente uscire con un "no deal". Donald Trump entra a piedi uniti nel complesso scenario della Brexit in un'intervista al

    Conservatori e Laburisti verso un declino fatale

    Alle elezioni europee i conservatori e i laburisti britannici hanno subito una terribile batosta, da cui difficilmente potranno rialzarsi. La sconfitta è stata cocente, al punto da evidenziare un trend strutturale, con connotazioni irreversibili. Come mai tanto pessimismo verso i due partiti che hanno dominato la politica britannica per tutto il dopoguerra, dando stabilità al Paese? Non è forse un'interpretazione un po' troppo catastrofica? Nella vita, in fondo, nulla è veramente irreversibile e...

    – Marco Niada

    Orbán: improbabile una collaborazione con Salvini

    Resta in salita la costituzione della «internazionale sovranista» di Matteo Salvini. Gergely Gulyas, capo di gabinett0 del primo ministro ungherese Viktor Orbán, ha liquidato come «molto improbabile» una collaborazione con il vicepremier italiano a Bruxelles e Strasburgo. Gulyas ha precisato che

    – di Alb.Ma.

1-10 di 369 risultati