Persone

Nicolas Sarkozy

Nicolas Sarkozy è stato il Presidente della Repubblica francese dal 2007 al 2012.

A questa carica è stato eletto nel 2007 battendo la candidata socialista Ségolène Royal. Precedentemente aveva rivestito ruoli di spicco in diversi governi, in particolare sotto la presidenza di Jacques Chirac. Dal 2005 e 2007 è Ministro degli interni, incarico in cui si contraddistingue per la fermezza nei confronti degli scontri nelle periferie francesi (banlieu) scoppiati in quel periodo. Dal 2002 al 2005 è invece Ministro dell'economia e delle finanze in due governi Raffarin. Dal 1995 al 2002 Sarkozy era rimasto invece senza incarichi di rilievo nel governo a causa del suo sostegno a Balladur alle elezioni del 1995, vinte da Jacques Chirac. Precedentemente, dal 1993 al 1995, è stato Ministro del bilancio e portavoce del governo Balladur. Dal 2004 al 2007 è stato anche presidente del partito Ump, incarico che ha lasciato dopo l'elezione a presidente della Repubblica.

Prima dei numerosi incarichi ministeriali, Nicolas Sarkozy è stato eletto per quattro volte all'assemblea nazionale, dal 1988 al 2002. Dal 1983 al 2002 è stato inoltre sindaco di Neuilly-sur-Seine e presidente del consiglio generale di Hauts-de-Seine nel 2002 e dal 2004 al 2007. I suoi esordi in politica risalgono al 1976, anno in cui aderisce al partito neogollista fondato da Jacques Chirac.

Candidato nel 2012 per un secondo mandato alla testa dello Stato, è stato sconfitto al secondo turno dal candidato socialista, François Hollande,

E' tornato in politica alla guida della coalizione Ump-Udi alle elezioni provinciali del marzo 2015 dove,dopo un primo turno dove pareva trionfare il Front National di Marine Le Pen, conquista sette regioni (su tredici) mentre cinque regioni, vanno ai candidati socialisti e una, la Corsica, ai nazionalisti.

Ad agosto del 2016 ha annunciato di voler correre nuovamente come candidato per le elezioni presidenziali che si terranno il 23 aprile e il 7 maggio del 2017. Il 20 novembre del 2016 ha partecipato alle primarie del centro destra, battuto da Francois Fillon, ha annunciato che si ritirerà dalla vita politica.

Prima di essere presidente della Repubblica è stato anche avvocato e socio di un importante studio legale francese. Si è sposato tre volte, l'ultima con la ex modella italiana Carla Bruni, con la quale ha avuto una figlia.

Ultimo aggiornamento 21 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Presidenza della Repubblica | Presidente della Repubblica | Nicolas Sarkozy | Candidato | Jacques Chirac | Front National | Francois Fillon | Carla Bruni | Le Pen | Ségolène Royal | François Hollande | Raffarin | Ump | Balladur |

Ultime notizie su Nicolas Sarkozy

    Dietro i Gilets gialli l'ombra di Bernard Tapie

    E' come un'ombra che appare e scompare. Tormenta i Gilets Jaunes, li divide, ne asseconda una parte, quella con cui il vicepremier Luigi Di Maio cerca un accordo, la sostiene, anche. E' l'ombra di Bernard Tapie, discusso e controverso uomo d'affari francese, ex proprietario di Adidas, ex deputato

    – di Riccardo Sorrentino

    Perché l'asse franco-tedesco è la risposta sbagliata all'euroscetticismo

    Le regole bocciano la fusione Alstom-Siemens? «Cambiamo le regole». Non sorprende la presa di posizione francese sulla vicenda della fusione tra i due colossi ferroviari: l'intero modello economico del Paese si è basato sui campioni nazionali, che oggi non possono che avere una scala continentale.

    – di Riccardo Sorrentino

    Energia, la svolta della Francia: meno nucleare, più rinnovabili

    Energia e fiducia. Il presidente francese Emmanuel Macron - dopo le aspre contestazioni dei giorni scorsi da parte dei Gilet Jaunes - insiste su uno dei suoi grandi temi, la conversione energetica anche in vista del summit sul clima di Katowice che inizia domenica: la riduzione del peso del

    – di Riccardo Sorrentino

    Verso un G20 difficile con leader più fragili dei loro predecessori

    Il 15 novembre 2008, il presidente americano George W. Bush, ormai a fine mandato, convocò il G20 Summit on Financial Markets and the World Economy. Per la prima volta il vertice del gruppo delle systemically significant economies - creato nel 1999 per allargare oltre il G7 il dialogo intorno alle

    – di Andrea Goldstein

    Nel vagone di Rethondes la fine della guerra e l'illusione della pace

    Più di 60 capi di Stato e di governo e dirigenti delle grandi istituzioni internazionali si incontrano a Parigi nel centenario dell'armistizio del 1918 con la Germania, che suggellò la fine della Prima guerra mondiale. Un appuntamento che, nelle intenzioni del presidente francese Emmanuel Macron,

    – di Piero Fornara

    In Calabria il meeting degli operatori turistici tedeschi con Schulz e Müller

    Cos'è oggi l'Unione Europea? Cosa sarà domani? «Una nuova utopia, un segno di speranza per difendere il nostro spazio di democrazia». Sono parole di Martin Schulz, ex presidente del Parlamento europeo, deputato del Bundestag tedesco, a Reggio Calabria in occasione del primo meeting italiano di Drv,

    – di Donata Marrazzo

    Non solo migranti: che cosa ha deciso il vertice Ue sulla riforma dell'Eurozona

    La montagna ha partorito il topolino? La dichiarazione finale sui temi finanziari è una paginetta. Cosa è stato deciso al Summit su Unione bancaria e riforma del Meccanismo di stabilità (Mes) meglio noto come fondo salva-Stati?Il Summit ha deciso che sarà il Mes a dare il backstop, la garanzia di

    – dal corrispondente Isabella Bufacchi

1-10 di 2455 risultati