Persone

Nicola Zingaretti

Nicola Zingaretti è un politico italiano, attuale Presidente della provincia di Roma per la lista del Pd.

Nel 1982 Nicola Zingaretti si è avvicinato per la prima volta all'associazionismo laico e di sinistra, prendendo parte al movimento per la pace. Nel 1991 è stato eletto Segretario Nazionale della Sinistra Giovanile e l'anno successivo Consigliere Comunale di Roma. Dal 1995 al 1997 è stato Presidente dell'Unione Internazionale della Gioventù Socialista e Vice Presidente dell'Internazionale Socialista. Nel 1996 Nicola Zingaretti è stato nominato Rappresentante nel Comitato delle Nazioni Unite per l'Anno mondiale della Gioventù e tra il 1998 e il 2000 ha rivestito la carica di Responsabile delle Relazioni Internazionali alla Direzione Nazionale dei Democratici di Sinistra. Nel 2000 è stato eletto Segretario dei Democratici di Sinistra di Roma, deputato del Parlamento europeo per la lista di Uniti nell'Ulivo nella circoscrizione centro (fino al 2008) ed è stato iscritto al gruppo parlamentare del Partito del Socialismo Europeo. Segretario del Pd nel Lazio, nel 2008 ha vinto la corsa alle amministrative diventando Presidente della provincia di Roma.

Nicola Zingaretti è il fratello minore dell'attore Luca Zingaretti. È sposato e ha due figlie.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Nicola Zingaretti | Segretario | Luca Zingaretti | Internazionale Socialista | Onu | DS | Lazio | Pd | Nazionale | L'Ulivo |

Ultime notizie su Nicola Zingaretti

    M5s e Pd: cautela della vigilia, ma la trattativa va avanti

    Dall'altra il segretario del Pd Nicola Zingaretti: «Come abbiamo sempre detto: aspettiamo le dichiarazioni di Giuseppe Conte e l'apertura della crisi. ... Più che frenata si può dunque parlare di una comprensibile reticenza della vigilia da parte dei due gruppi dirigenti interessati: da parte di Di Maio perché, essendo lui l'uomo dell'accordo con Salvini, teme di vedere la sua leadership ridimensionata se parte il treno del governo con il Pd; da parte di Zingaretti perché...

    – di Emilia Patta

    Zingaretti: governo forte o meglio votare. Di Maio: decide il Colle

    Per il segretario dem Nicola Zingaretti «o nel corso delle consultazioni si verificano le condizioni per un governo forte e di rinnovamento anche nei contenuti o è meglio il voto». Ieri il M5S ha chiuso definitivamente la porta alla riconciliazione con Matteo Salvini, nonostante il suo tentativo di ricucire con gli alleati con un appello in diretta Facebook perché si ritorni al «tavolo e si lavori».

    Crisi, si fa strada (tra molti ostacoli) un governo giallo-rosso tra M5S e Pd

    ...del segretario Nicola Zingaretti di tornare al voto senza apparecchiare «governicchi». ... Zingaretti, in sintonia con il presidente del partito ed ex premier Paolo Gentiloni, continua ad avere più di una perplessità rispetto al dialogo in questa legislatura con il M5s e a preferire la strada del ritorno davanti agli elettori.

    – di Emilia Patta

    M5S: Di Maio premier? Fake news, non vogliamo poltrone

    In una nota il Movimento smentisce le voci di trattativa M5s-Lega per dare la premiership al leader Cinquestelle. Di Maio: chi sfiducia Conte lo farà per evitare il taglio dei parlamentari. Salvini: Lega ha già votato taglio parlamentari, Pd no

    Da Veltroni a Zingaretti, scopri tutti gli uomini del Pd

    Nicola Zingaretti è da marzo il nuovo segretario del Partito Democratico. Se anche non si fosse letta la notizia sui giornali, potremmo trovare un indizio dell'avvenuto cambio al vertice leggendo le nuove proiezioni di voto. Gli esperti lo definiscono effetto novità. La missione di Zingaretti. Zingaretti prende le redini del partito nel momento più buio della sua storia. Un inesorabile crollo da quelle trionfali elezioni europee del 25 maggio 2014, che avevano portato il Partito Democratico al ...

    – Infodata

    Renzi: folle votare subito, ora governo istituzionale

    La proposta è subito respinta dal segretario dem Nicola a Zingaretti «per non dare uno spazio immenso a Salvini», mentre Luigi Di Maio detta le sue condizioni, rilanciando la priorità dei grillini: approvare subito il taglio dei parlamentari. Richiesta accettabile, secondo Renzi, dal momento che «se si discute del futuro dell'Italia, dico a tutti i partiti di buona volontà: mettiamo a posto i conti e tagliamo i parlamentari»

    – di Vittorio Nuti

1-10 di 686 risultati