Persone

Nelson Mandela

Nelson Mandela fu un politico e attivista sudafricano deceduto nel 2013, ed è stato presidente del Sudafrica dal 1994 al 1999.

Alla carica di presidente del Sudafrica Mandela è stato eletto nel 1994, sconfiggendo De Klerk. Proprio con De Klerk era stato negli anni precedenti protagonista dello smantellamento del regime dell'apartheid che aveva dominato in Sudafrica per decenni. Per il loro operato Mandela e De Klerk hanno ottenuto nel 1993 il premio Nobel per la pace. Prima di riuscire a ottenere questi importanti successi Mandela ha passato ben 27 anni in prigione con l'accusa di cospirazione. Negli anni precedenti, infatti, Mandela era diventato un importante esponente dell'ANC, organizzazione che lottava per la liberazione dei neri del Sudafrica. In questa veste era particolarmente sgradito al governo, che nel 1963 lo arrestò.

Anche dal carcere Mandela è riuscito a guidare la lotta contro l'apartheid, diventando un simbolo, non solo in Sudafrica, ma in tutto il mondo. Prima di essere arrestato, dal 1961 al 1963 Mandela aveva guidato importanti azioni anche armate contro l'esercito, oltre a essere uno dei leader politici del movimento. Prima di far parte dell'ANC e della lotta armata, Mandela era già impegnato nel sostegno alle popolazioni nere, in particolare fornendo assistenza giuridica gratuita o a basso costo tramite il suo studio legale.

Mandela è considerato un simbolo della libertà, della fermezza di spirito ma anche della riconciliazione. Da presidente è riuscito infatti a riconciliare le diverse anime del Sudafrica che per tanti anni si erano opposte e persino odiate.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Nelson Mandela | Sudafrica | African National Congress | De Klerk |

Ultime notizie su Nelson Mandela

    Sentire. Sapere. Sostenere.

    Termina oggi la prima settimana di scuola. Una scuola sempre più colpita, attaccata e sofferente da una pandemia che non fa sconti a nessuno, nè ai 900.000 insegnanti né ai 8,3 milioni di studenti e studentesse che hanno varcato questa settimana le soglie delle scuole italiane. Un incipit che porta con sè il peso e le cicatrici di due lockdown, di prolungati distanziamenti fisici, di didattica a distanza, di profonde solitudini che in ragazzi ed adolescenti accresce fragilità e vulnerabilità. S...

    – Sara Roversi

    United World College: è l'istruzione l'arma più potente per cambiare il mondo

    Si dice spesso che le belle storie non facciano notizia e che sia difficile suscitare interesse raccontando vicende positive. Provo oggi a ribaltare questo luogo comune, raccontandovi una realtà più che bella e positiva. Innanzitutto la notizia: fino al primo di novembre sarà aperto il bando di selezione per i Collegi del Mondo Unito per il biennio 2022-24. A questo bando possono partecipare ragazze e ragazzi, iscritti alla terza superiore, cha abbiano tra i 15 e i 17 anni e molta voglia di viv...

    – Alberto Di Minin

    Israele - Palestina: miraggi di pace

    "Non c'è un processo diplomatico con i palestinesi né ce ne sarà uno", si era affrettato l'altro giorno a commentare il portavoce di Naftali Bennett, il premier israeliano. Hamas da Gaza aveva lanciato il suo anatema contro ogni dialogo con "l'occupante sionista". La causa di tanto trambusto nella calma palustre del conflitto israelo-palestinese, ignorato fino alla prossima fugace ma sanguinosa esplosione, era stato un incontro lunedì scorso a Ramallah fra il presidente dell'Autorità palestines...

    – Ugo Tramballi

    "State capture": il sogno sudafricano in pericolo

    Pubblico su Slow News il commento uscito sabato sulle pagine del Sole 24 Ore. All'inizio del suo primo mandato presidenziale, nel 2009, Jacob Zuma ammise pubblicamente di aver fatto l'amore con una giovane malata di Aids. Quando gli fu chiesto se avesse preso delle precauzioni, il presidente rispose: "Si, poi ho fatto una doccia". Pochi altri paesi al mondo erano stati colpiti dall'Aids: il Sudafrica aveva quasi perso un'intera generazione. La dichiarazione segnalava il disinteresse per le rego...

    – Ugo Tramballi

    Ripensare le città: da smart a safe city

    Il sempre attuale Italo Calvino ha scritto "D'una città non godi le sette o le settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda." Le nostre città rispondono alle nostre domande? Quali sono le domande che oggi ci poniamo e alle quali le città sono tenute a rispondere?Negli ultimi

    – di Massimo Roj

    Vaccini e brevetti: quello che le holding e i governi non dicono

    Post di Tancredi Buscemi, dottorando in Economics all'università di Perugia; l'autore si  occupa di Storia Economica e principalmente di Questione Meridionale e disuguaglianze regionali -  Il 12 dicembre 1997 è sicuramente una data che ai più non sortisce alcun effetto eppure è la pietra miliare di un'affermazione storica che in questi giorni dovrebbe essere più attuale che mai e invece non lo è per nulla. Si discute molto del problema dei vaccini e del fatto che non ci siano dosi sufficienti ...

    – Econopoly

1-10 di 457 risultati