Aziende

Natuzzi

Natuzzi Spa è una holding italiana attiva nell’arredamento. Disegna, progetta e vende divani (settore in cui opera con il marchio Divani & Divani), poltrone, mobili e complementi d’arredo per uso residenziale. Guidata dal Presidente e Amministratore Delegato Pasquale Natuzzi, Natuzzi Spa è la più grande azienda italiana nel settore dell’arredamento ed è uno dei leader mondiali nei divani in pelle. È inoltre l’unica azienda non americana del settore arredamento a essere quotata a Wall Street dal 1993. Il gruppo Natuzzi esporta il 90% della produzione in 123 mercati e detiene la maggiore quota di mercato in Europa (il 59%) e il 31% in America. Con sede centrale in provincia di Bari, Natuzzi Spa ha uffici commerciali in Cina, Usa, Belgio, Spagna, Giappone e Regno Unito e 11 stabilimenti produttivi in Italia, Cina, Brasile e Romania. Conta complessivamente su una rete di 6.856 collaboratori.

Natuzzi Spa è nata nel 1959 a Taranto, per idea di Pasquale Natuzzi, apprendista tappezziere, che ha deciso di mettersi in proprio. Nel 1962 l’attività è stata trasferita a Matera, dove alcune difficoltà economica l’hanno costretta a chiudere. Nel 1967 il laboratorio è stato riaperto e nel 1973 Natuzzi ha cominciato a vendere anche all'estero. Dopo aver inaugurato il secondo impianto a Santeramo in Colle (Ba), negli anni ‘70 Natuzzi ha esportato in Asia e in Arabia Saudita. Successivamente Pasquale Natuzzi ha rilevato alcune attività in Italia, inaugurando il marchio Divani & Divani.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Natuzzi Spa | Pasquale Natuzzi | Asia | Bari | Wall Street |

Ultime notizie su Natuzzi

    Ovs, Natuzzi, Electrolux: così le aziende cominciano a riaprire

    Come ci hanno raccontato tre realtà diverse tra loro: Ovs, Natuzzi ed Electrolux. ... Natuzzi: «Il banco di prova dei protocolli? L'azienda a pieno regime» Natuzzi, gruppo pugliese che gestisce tutta la filiera (dalla concia alla vendita al cliente finale) della produzione di imbottiti, ha siglato il 17 aprile un protocollo con le rappresentanze sindacali.

    – di Marta Casadei, Michela Finizio e Valentina Melis

    Design, le aziende orfane del Salone mettono online le collezioni 2020

    Qualcuna sta avviando o accelerando lo sviluppo anche delle piattaforme e-commerce, come la stessa Paolo Castelli, o Poltrona Frau e Natuzzi, che proprio nei mesi precedenti alla pandemia avevano lanciato i nuovi siti con servizio di vendita online.

    – di Giovanna Mancini

    Natuzzi e Bosch riaprono, in Puglia inizia la Fase 2

    La Puglia avvia la sua fase 2 e riapre a partire da Natuzzi e Bosch. ... Parte dello stabilimento di Ginosa viene così riconvertito alla produzione dei dispositivi Dpi, in linea con quanto indicato dal gruppo Natuzzi che – in risposta alla call Riapro (Riconversione Aziendale per la Produzione di DPI) del politecnico di Bari per le aziende pugliesi interessate ad ampliare o riconvertire parte delle loro linee produttive – aveva deciso di essere della partita.

    – di Vincenzo Rutigliano

    Politecnico Bari: 200 Pmi pronte per la riconversione

    A cominciare da Natuzzi che ha risposto alla call del Politecnico di Bari chiamata "Riapro" (Riconversione Aziendale per la Produzione di Dpi) e ha candidato parte del suo stabilimento di Ginosa per questa produzione specifica, ha messo a punto i prototipi, ha fatto fare i test ed ora attende.

    – di Vincenzo Rutigliano

    Mediobanca e BonelliErede in campo per Natuzzi

    Il gruppo Natuzzi, famoso brand specializzato nella produzione e vendita di divani, poltrone, mobili e complementi d'arredo, si rivolge a Mediobanca per valutare possibili dismissioni di asset no-core. Natuzzi, che è quotata sul New York Stock Exchange dal 1993, ha registrato nel 2018 circa 428,5 milioni di euro di giro d'affari con un margine operativo lordo negativo per 15,5 milioni. Secondo Debtwire, la cessione di asset dovrebbe avvenire entro i prossimi 12-18 mesi e oltre a Mediobanca, at...

    – Carlo Festa

    Retail apocalypse: i negozi si salveranno con phygital e dopamina

    Qualche mese fa scrissi di Retail Apocalypse all'italiana. Con la premessa che non voglio terrorizzare alcuno ho pensato di capire, con numerosi esperti sul campo, se c'è una speranza di sopravvivenza all'apocalisse del retail. La risposta è SÌ. Ma non sarà una passeggiata di salute. E' importante comprendere che più si aspetta a cambiare, sperando in un deus ex machina (che non arriverà mai, meglio dirlo chiaramente!), più vittime ci saranno: licenziamenti di massa, fondi che scaricano vecchi c...

    – Enrico Verga

    Il viaggio, il lavoro e la visione di Domenico Romano

    Caro Diario, è da tanto che mi dico che devo raccontare il lavoro ben fatto di Domenico Romano, che lui da quella volta che aveva 19 anni e ci siamo ritrovati seduti di fianco sull'autobus della Sita direzione Fisciano di strada ne ha fatto davvero tanta. Ti dico a verità, quando ci siamo rivisti nei corridoi dell'università e gli ho dato la copia di Finzioni che gli avevo promesso lo sapevo già che quel ragazzo lì era speciale, però sapevo anche che il grande Jorge Luis Borges a 19 anni è diffi...

    – Vincenzo Moretti

    La robotica ha fame di addetti ma i giovani snobbano gli studi meccanici

    La meccatronica è oggi il comparto manifatturiero centrale per il passaggio alle nuove modalità produttive spinte da Industria 4.0. Le grandi imprese lo sanno bene; ma anche le pmi impegnate nella ricerca di un maggior numero di figure professionali legate proprio alla trasformazione in atto della

    – di Claudio Tucci

1-10 di 165 risultati