Le nostre Firme

Morya Longo

Vicecaposervizio |  @MoryaLongo |  m.longo@ilsole24ore.com |

Morya Longo dal 2000 è giornalista del Sole 24 Ore, testata per la quale ha seguito tutte le maggiori vicende finanziarie degli ultimi anni: dai crack Cirio (che ha denunciato per primo nel novembre 2002) e Parmalat (alcuni suoi articoli furono usati nella requisitoria dei Pm milanesi nel processo alle banche) fino alle scalate bancarie del 2005. Dal 2008, anno del crack Lehman, ha raccontato le dinamiche sempre più complesse dei mercati finanziari anche come commentatore ed editorialista. Prima di approdare al Sole 24 Ore, aveva lavorato per brevi periodi alla Reuters, al Mondo e a Radio 24. Parla inglese fluente, grazie a un anno di studio passato negli Stati Uniti, ed è ospite frequente di trasmissioni Tv, convegni ed eventi di formazione. Ha tenuto saltuarie docenze in alcuni Master della Business School del Sole 24 Ore.

Morya Longo is a financial journalist for the daily newspaper Il Sole 24 Ore since 2000. He wrote about the major Italian crack (from Cirio to Parmalat) and about all the major financial events in Italy and worldwide. Since 2008 he describes the complex dynamics of the financial markets, also as columnist. Before working for Il Sole 24 Ore, he had short experiences in the Italian office of the press agency Reuters, in the weekly newspaper Il Mondo and in Radio 24. Public speaker in events and Tv.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: Italiano, inglese
  • Argomenti: Finanza, mercati azionari e obbligazionari

Ultimo aggiornamento 10 ottobre 2018

Ultimi articoli di Morya Longo

    Beijing's Unknown Bonds Usage

    The United States may not have noticed yesterday due to Labor Day, but the drastic reduction of Chinese reserves could have a far reaching impact-namely, it could raise the rates of US national bonds way over expectations.

    – Morya Longo

    Cmc non rimborsa la cedola del bond: corsa contro il tempo per evitare il default

    «Cmc rende noto che non sarà pagata puntualmente alla scadenza del 15 novembre 2018 la rata di interessi in favore dei titolari del prestito obbligazionario emesso in data 16 novembre 2017». Il gruppo di costruzioni Cmc alla fine getta la spugna sui bond: nella serata di venerdì, a mercati ormai

    – di Morya Longo

    Borse alla svolta, così traballano i quattro pilastri del grande rally

    Il fatto che Wall Street e le Borse mondiali a caldo abbiano reagito bene alle elezioni di metà mandato statunitensi, semp licemente perché il risultato uscito dalle urne era quello atteso, non ha un grande significato. I rialzi di ieri delle Borse (+1,33% a Milano, +0,74% a Francoforte e oltre

    – di Morya Longo

    Elezioni Usa di midterm: come reagirà Wall Street

    A giudicare da quanto le aspettative sui super stimoli fiscali di Donald Trump abbiano galvanizzato Wall Street nel 2017 e da quanto la pseudo-guerra commerciale stia pesando nel 2018, c'è da scommettere che anche le elezioni di metà mandato (che rinnovano la Camera e un terzo del Senato Usa) non

    – di Morya Longo

    Tregua per i BTp, aste «light» ma solo fino alla Befana

    Il fatto che l'ultimo giorno di questo ottobre nero per i mercati sia finito con spread in lieve calo a 305 punti base e Piazza Affari in minimo rialzo (+0,27%) regala un pizzico di sollievo. Anche perché i titoli di Stato italiani trovano d'ora in avanti un alleato: il calendario. A novembre e

    – di Morya Longo

    Pil, ecco perché la crescita zero spaventa i mercati

    Non è tanto lo zero a preoccupare gli investitori. Ma è il fatto che la "gelata" del Pil italiano nel terzo trimestre dell'anno (crescita zero non si vedeva dal 2014) pone un ulteriore serio interrogativo sul 2019. Il Governo prevede infatti che l'Italia crescerà dell'1,5% l'anno prossimo, ma lo

    – di Morya Longo

    Rating e mercati globali: ecco da dove arrivano i pericoli per l'Italia

    Quando il gioco si fa duro, si diceva una volta, i duri cominciano a giocare. Proprio ora che le Borse mondiali sembrano farsi dure davvero (Wall Street ha perso il 9% dai massimi toccati il 3 ottobre), non è dunque positivo farsi trovare già indeboliti sui mercati. Anche se la decisione di

    – di Morya Longo

    Sui bond del credito c'è anche il rischio-Brexit

    Non c'è solo lo spread dei BTp. Sulle banche italiane potrebbe cadere prima o poi anche un'altra "tegola" politica. Questa volta dall'estero: qualora la Gran Bretagna uscisse dall'Unione europea sbattendo la porta (in caso cioè di «hard Brexit») i danni potrebbero infatti arrivare fino alle banche

    – di Morya Longo

    Spread, quali rischi corrono davvero le banche se va a 400

    «E' evidente che se lo spread veleggia verso quota 400 gli attivi delle banche vanno in sofferenza ed è necessaria la ricapitalizzazione». Con le quotazioni delle banche nei giorni scorsi in difficoltà (soprattutto Mps e Banco Bpm) e con lo spread BTp-Bund salito fino a 324 punti base, non possono

    – di Morya Longo

    La scure di Moody's colpisce la corporate Italia

    Dopo aver declassato il rating dell'Italia, venerdì scorso, Moody's passa ora alle banche, alle istituzioni finanziarie come la Cassa Depositi e Prestiti, Invitalia e Banca del Mezzogiorno e a dieci aziende tra le quali Eni, Poste, Terna, Snam e Italgas. Come di consueto dopo un'azione sulla

    – di Morya Longo

1-10 di 1103 risultati