Aziende

Morgan Stanley

Storica banca d’affari americana fondata da Henry S. Morgan e da Harold Stanley a New York nel 1935, Morgan Stanley è attiva nei settori dell’investment management, della gestione di portafogli individuali, del mercato dei capitali e dei servizi di credito. Presente sul mercato finanziario globale con più di 600 uffici distribuiti in 28 paesi (tra i quali Germania, Gran Bretagna, Giappone, Australia, Hong Kong, Svizzera, Italia e Lussemburgo), Morgan Stanley ha in organico oltre 60.000 dipendenti. Da sempre considerata tra gli istituti di credito più affidabili e responsabili per la grande esperienza e competenza maturate nel settore degli investimenti, Morgan Stanley ha svolto la supervisione di alcune tra le più importanti operazioni finanziare avvenute sul mercato americano: tra queste, nel 2004, l’entrata in borsa del colosso di internet Google.

Quotata sul listino di Wall Street, dal 2008 Morgan Stanley è divenuta una holding bancaria con facoltà di raccogliere anche depositi a risparmio, anche se questa trasformazione ha comportato l’assoggettamento della società alla supervisione della Federal Reserve Bank e della Federal Deposit Insurance Corporation, istituti di controllo del mondo finanziario americano. Questa operazione, che ha permesso alla banca d’affari di ottenere liquidità e assicurazione sui depositi, fino al massimo consentito, da parte della Fdic, è stata decisa in seguito allo scoppio della crisi finanziaria del 2007 e dell’insolvenza dei mutui “subprime”, ovvero finanziamenti concessi a clientela con scarso merito di credito, che ha colpito le principali banche commerciali e d’investimento americane ed europee.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Depositi bancari | Banca d'affari | Harold Stanley | Henry S. Morgan | Wall Street | Borsa Valori | Federal Deposit Insurance Corporation |

Ultime notizie su Morgan Stanley

    BlackRock, Morgan Stanley e Goldman battono le stime

    Anche Morgan Stanley chiude il terzo trimestre con un utile in aumento del 20% a 2,15 miliardi di dollari su 9,87 miliardi di dollari di ricavi, sopra le attese degli analisti. ... Sul trading Morgan ha battuto i concorrenti nel periodo.

    – di Riccardo Barlaam

    Goldman: utile (per azione) più alto di sempre. Per Morgan Stanley +19%

    Oggi si sono presentate all’appuntamento con gli analisti Morgan Stanley e Goldman Sachs. ... Più nel dettaglio, Morgan Stanley ha registrato nel terzo trimestre un utile in crescita del 19%, principalmente grazie alle sue ottime performance nel mercato azionario che hanno compensato la debolezza sull'obbligazionario.

    – di Vito Lops

    Per le banche italiane un novembre nero di stress test e conti

    Se nel secondo trimestre i 106 punti di caro-spread hanno “mangiato” alle banche 36 punti di Cet 1 (circa 3,5 mliliardi dì patrimonio netto), l'allargamento del terzo trimestre potrebbe costare in media 8 punti capitale, secondo le stime di Morgan Stanley.

    – di Luca Davi

    Piazza Affari brilla, ma banche incerte dopo la manovra. Spread sotto 300

    Rimbalzo generalizzato per Piazza Affari, all'indomani del via libera del Governo Conte al Documento programmatico di bilancio e al decreto fiscale, e per le altre Borse europee sostenute dal pomeriggio vivace di Wall Street dopo le trimestrali di Goldman Sachs e Morgan Stanley e l'aumento delle

    – di C. Di Cristofaro e A.Fontana

    In vendita 5mila torri di Wind Tre. Operazione da un miliardo di dollari

    Secondo indiscrezioni un incarico sarebbe infatti stato affidato alla banca d’affari Morgan Stanley che già dalla prossima ... Secondo indiscrezioni un incarico sarebbe infatti stato affidato alla banca d’affari Morgan Stanley che già dalla prossima settimana dovrebbe avviare incontri con soggetti potenzialmente interessati.

    – di Andrea Biondi e Carlo Festa

    Più di Alitalia o Carige mi preoccupa Jp Morgan, con Ferrari e Moncler

    I due titoli hanno seguito le sorti del comparto del lusso, che in tutto il mondo ha preso una sberla notevole per i timori legati alla guerra dei dazi tra Usa e Cina, che ridurrà le capacità di acquisto dei principali mercati globali di prodotti assai costosi, come ha gufato Morgan Stanley.

    – Marco Ferrando

    In una settimana Piazza Affari ha ceduto il 5,36%, spread passato da 284 a 309 punti

    La settimana di Piazza Affari si è chiusa con toni negativi, sulla scia dell'allargamento dello spread tra i rendimenti dei BTp decennali e i Bund di pari scadenza, innescato dallo scontro tra il Governo italiano e Bruxelles sulla manovra e dalle turbolenze dei mercati (segui qui l'andamento degli

    – di Andrea Fontana e Stefania Arcudi

1-10 di 2859 risultati