Aziende

Moody's

Moody's Corporation, holding che gestisce Moody's Analytics e Moody's Investors Service, è una società con base a New York che esegue ricerche finanziarie ed analisi su attività commerciali e governati statali.

Fondata nel 1908 l'azienda si occupa tradizionalmente della trasparenza finanziaria. A tale scopo realizza un rating, ovvero un indice che misura la capacità degli enti analizzati di restituire i crediti ricevuti in base ad una scala standardizzata. Grazie ed una quota di mercato che si aggira attorno al 40% è considerata, insieme a Standard & Poor's e Fitch Ratings, una delle "Big Three" del rating.

Moody's Corporation fu creata da John Moody, giornalista economico interessato alla trasparenza finanziaria delle aziende, e quotata al New York Stock Exchange. Nello stesso anno, John Moody cominciò ad assegnare valutazioni alle obbligazioni emesse dalle imprese ferroviare degli Stati Uniti. Da quando egli ideò, un secolo fa, il primo sistema di valutazione dell'affidabilità creditizia delle obbligazioni, il sistema di rating di Moody's è andato evolvendosi in risposta al crescere dello spessore e dell'ampiezza dei mercati finanziari mondiali. Tra gli altri, Moody's assegna anche un rating sulla solidità delle banche (il bank financial strength rating o BFSR), che rappresenta una valutazione sulla sicurezza e solidità intrinseche delle banche.

Ultimo aggiornamento 30 marzo 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Ricerca e sviluppo d'impresa | Moody's | John Moody | Standard and Poor's | Fitch Ratings |

Ultime notizie su Moody's

    Titoli tech, il boom di buyback non ferma i ribassi in Borsa

    Le aziende hanno anche utilizzato i fondi per ripagare significative porzioni di debito, per l'esattezza stando ad analisi di Moody's 72 miliardi nel primo semestre dell'anno - un passo vicino a quello dei buyback guidato da protagonisti quai Apple e Microsoft.

    – di Marco Valsania

    Esselunga, cda per andare in Borsa. Rating più alto dell'Italia

    Summit per l'Ipo di Esselunga. Lo scorso 7 novembre si è riunito il Cda di Esselunga, la creatura di Bernardo Caprotti oggi controllata dalla moglie e dai figli. Nel corso del Cda è stato confermato l'impegno di proseguire nel percorso che porterà Esselunga ad essere quotabile nei tempi opportuni,

    – di Carlo Festa

    Con la fine del Qe effetto boomerang sui corporate bond

    Qualcuno fra gli analisti è arrivato in questi giorni perfino a parlare di «zombificazione», ma anche senza ricorrere a metafore colorite gli effetti provocati sul mercato europeo dei bond dall'ondata di liquidità creata dal piano di riacquisti della Banca centrale europea (Bce)sono innegabili. E

    – di Maximilian Cellino

    Hanno capito male. Forse anch'io

    Non hanno capito Standard & Poor's, Moody's e Fitch, agenzie di rating che hanno declassato la valutazione del nostro debito pubblico o ridotto l'outlook (lo ha fatto Fitch ad agosto, quando della manovra per la verità si sapeva ancora poco).

    – Luca Orlando

    Thegiornalisti cacio e pere: trionfo kitsch con alcuni lampi di trash

    Una volta l'indie italiano era Csi, Bluvertigo, Marlene Kuntz. Oggi il convento passa Thegiornalisti, trio col nome che è un calco di quello degli inglesi Editors e il cantante che è Tommaso Paradiso, paroliere piacione, ingombrante almeno quanto la sua barba. La critica s'è scappellata di fronte a

    – di Modesto Michelangelo Scrofeo

    Dall'euro alla prescrizione: Conte e l'esercizio della mediazione perpetua

    La politica, diceva il "cancelliere di ferro" Otto von Bismark, è l'arte del possibile. E il possibile è spesso sinonimo di mediazione, come dimostra la faticosa opera con cui è alle prese in queste ore Giuseppe Conte, a capo di un governo in cui, nonostante la stipula di un contratto, le

    – di Andrea Carli

    Elezioni Usa, perché Wall Street scommette sulla vittoria dei democratici

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTE - Nella girandola dei comizi elettorali Donald Trump continua a ripetere che presenterà presto un piano per nuovi tagli alle tasse. Questa volta dopo le aziende pensa alla classe media poco toccata dai tagli delle aliquote corporate dal 35 al 21 per cento. «I legislatori

    – di Riccardo Barlaam

1-10 di 3186 risultati