Le nostre Firme

Montesquieu

    Il «ritorno» della fiducia e la funzione svilita del Parlamento

    Si riaffaccia sulla scena della politica il parlamento, vecchio primattore con il tempo un po' trascurato. Con un allarme lanciato a tutta pagina dal direttore dell'Espresso, "Il parlamento come uno zombie". E con il governo che chiede e ottiene la fiducia del Senato sul "decreto Salvini", il

    – di Montesquieu

    Maltempo, trasformare la calamità in opportunità

    C'è una sorta di macabra democraticità , in questa Italia flagellata (praticamente tutta, da nord a sud, da ovest ad est) dalla violenza indistinta e contestuale di precipitazioni smisurate, di pacifici rigagnoli impazziti , di costruzioni sbriciolate , di frane inarrestabili, di famiglie distrutte

    – di Montesquieu

    Le élites e la competenza nemici mortali del popolo

    I contrasti sulla manovra - praticamente un "uno contro tutti" senza precedenti - hanno lunghi e tenaci tentacoli istituzionali, non solo ovvie ragioni economiche. Quell'uno-noi, è solo e orgogliosamente isolato, salvo un paio di potenze intruse e senza titolo, che stanno sul fiume, in attesa di

    – di Montesquieu

    I "grillini" e il distacco dal padre

    Non chiamiamoli più "grillini". L'appellativo, già sgraziato in sé, oggi è proprio fuori luogo. Il distacco dal padre fondatore si è consumato alla grande festa del Movimento 5 stelle. Lì, Beppe Grillo, come avviene dalla nascita del movimento , pensa di lanciare la nuova parola d'ordine: è venuto

    – di Montesquieu

    Il taglio dei vitalizi e l'occupazione gialloverde dei palazzi

    Ricorderemo, di questo primo scampolo di governo gialloverde, la reiterata occupazione, eccitata e trionfale, dei palazzi della Repubblica -, i nostri palazzi, di noi tutti - per inneggiare ai successi politici di una parte, il movimento Cinque stelle. L'"abolizione della povertà ", grottesca e

    – di Montesquieu

    La "manina", tra finto stupore e lacrime di coccodrillo

    Per disgrazia, o per fortuna, nulla è solamente tragico, nulla è solamente comico, da quando a governarci è il governo gialloverde. La tonalità è di regola duplice, come si conviene ad un governo bicolore, e grottesco e drammatico viaggiano assieme. Il repertorio di gaffes, di retromarce, di

    – di Montesquieu

    Promesse spensierate a scadenza 5 marzo

    Sono bastati pochi giorni di campagna elettorale, l'applicazione di qualche analista terzo e competente, un po' di buon senso comune per smascherare millanterie e millantatori nei programmi dei partiti. Solo misure generiche, astratte, mirabolanti, prive di sostenibilità finanziaria,in un desolante

    – Montesquieu

    Destra e sinistra, pragmatismo e ideologie

    Mentre il movimento cinque stelle prosegue la sua marcia in nome dell'autosufficienza, interessanti manovre si registrano nelle aree un tempo tradizionali di centrodestra e centrosinistra. Studiare l'una e le altre rende possibile, anche nella perdurante incertezza sulla futura legge elettorale,

    – Montesquieu

1-10 di 22 risultati