Aziende

Monte dei Paschi di Siena

La banca Monte dei Paschi di Siena (Mps) è la più antica banca italiana e del mondo ancora in attività. Il 25 ottobre del 2017 è rientrata nella contrattazione a Piazza Affari dopo una pausa forzata disposta da Consob il 22 dicembre 2016.

Dal 2011 è stata interessata da una profonda crisi finanziaria (dovuta anche all'acquisizione di banca Antonveneta costata 9 miliardi di euro). Dopo vari piani di riassetto (riconversione dei bond) e aumenti di capitale falliti, la banca è stata salvata il 22 dicembre dal governo con il decreto salva banche. L’assetto azionario al 19 dicembre 2017 vede il Tesoro azionista di maggioranza con il 68,2% del capitale.

La sua fondazione risale addirittura al 1472. Inizialmente era un Monte di Pietà, con finalità di assistenza ai poveri. La banca riceve poi la denominazione attuale quando nel 1627 il Granducato di Toscana concede ai depositanti come garanzia le rendite dei pascoli della Maremma (Paschi) da cui deriva il suo nome. Monte dei Paschi prosegue poi la sua storia ampliando e diversificando la sua attività.

Dal 1936 è stata una banca di diritto pubblico, trasformandosi poi in società per azioni nel 1995. Nel 1999 è quotata in Borsa con un'offerta pubblica iniziale.

Accanto alla banca vive ancora oggi la Fondazione Monte dei Paschi di Siena, che mantiene la sua vocazione di assistenza e beneficenza. La fondazione si occupa di attività di utilità sociale come l'istruzione, la ricerca, la sanità e in particolar modo l'arte. Alla fondazione appartengono infatti numerose opere di importanti artisti dal '300 fino ad oggi.

Ultimo aggiornamento 19 dicembre 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Banca del Monte dei Paschi di Siena | Società per Azioni | Antonveneta | Borsa Valori |

Ultime notizie su Monte dei Paschi di Siena

    Tanzi, Craxi, Casaroli e quel vertice segreto per il Concordato tra Italia e Vaticano

    Calisto Tanzi, fondatore della Parmalat, è morto il 1� gennaio 2022 all'età di 83 anni, quasi vent'anni dopo la bancarotta del gruppo che aveva fondato. Di Tanzi e dei suoi rapporti politici e finanziari abbiamo parlato nel libro "Opus Dei, il segreto dei soldi" (Feltrinelli), scritto con Giuseppe Oddo e pubblicato nell'ottobre 2011. Il libro è un'inchiesta sulla vita e la morte del finanziere dell'Opus Dei, Gianmario Roveraro, protagonista per decenni della finanza italiana, ucciso e fatto pezz...

    – Angelo Mincuzzi

    I giornali al Quirinale per aiutare a formare cittadini indipendenti

    L'illustrazione della partnership strategica che lega l'Osservatorio Permanente Giovani-Editori ad Apple con l'obiettivo di lanciare un progetto di technology-media literacy, a livello internazionale. Ma anche la presentazione, in anteprima, del programma dei lavori del convegno "Young Factor: un

    – di Andrea Biondi

    Formaggio Montasio in pegno per avere credito, l'accordo fra Consorzio e MPS

    Banca Monte dei Paschi di Siena e Consorzio per la Tutela del Formaggio Montasio hanno stretto un accordo per il pegno rotativo sui prodotti lattiero caseari DOP, con una ricaduta positiva sulle imprese del territorio della denominazione, che comprende il Friuli-Venezia Giulia ed il Veneto, nelle province di Belluno, Treviso, Padova e Venezia. La collaborazione è finalizzata a sostenere il processo di valorizzazione della produzione del formaggio Montasio, nell'attuale momento di grave crisi di...

    – Barbara Ganz

    Il passaggio generazionale, un momento delicato superabile con la pianificazione

    Per affrontare con serenità questa fase essenziale nella vita delle aziende (solo il 25% sopravvive alla transizione), sempre più spesso le imprese si rivolgono ai Private Banker Mps, che diventano figure essenziali nel processo. E che ora hanno uno strumento in più per rispondere alle esigenze degli imprenditori e delle loro famiglie

    – CREATO PER BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA

    Mps-UniCredit al capolinea: interrotti i negoziati

    Addio formale alla compravendita di Mps. I colloqui si sono interrotti sotto il peso di un'irriducibile distanza tra le condizioni poste dal ceo di UniCredit, Andrea Orcel, e ciò che era disposto ad offrire il Tesoro, azionista di controllo di Siena con il 64% del capitale

    – di Luca Davi e Marco Ferrando

    Orcel, ceo Unicredit, apre i negoziati sulle alleanze

    Il nuovo ceo al bivio: riportare all'interno del proprio perimetro, magari acquisendole, nuove società in grado di creare prodotti da vendere oppure mantenere l'attuale assetto, basato su società esterne, e regolato da accordi commerciali

    – di Luca Davi

1-10 di 1300 risultati