Aziende

Mondo TV

Mondo TV è un gruppo di numerose società attivo nel settore della produzione e della commercializzazione di serie televisive e di lungometraggi animati per il cinema e la televisione. Il gruppo occupa una posizione di leadership nel mercato italiano ed è uno dei principali operatori anche a livello europeo. Possiede una delle biblioteche più grandi di animazione composto da oltre 1.600 episodi di serie televisive e più di 75 film d'animazione.

La storia del gruppo Mondo TV comincia nel 1964 quando viene fondata la Dea S.n.c. con l’obiettivo di acquistare i diritti dei cartoni animati giapponesi. Tra gli anni ’70 e ’80, con lo sviluppo delle reti televisive private si registra una forte crescita della domanda di serie animate giapponesi e parallelamente di Dea S.n.c. che proprio in quegli anni dà il via alla creazione di quello che diventerà il Gruppo Mondo TV. All’inizio degli anni ’80 vengono create la Doro Tv Merchandising e la Italian TV Broadcasting srl, mentre nel 1985 nasce la Mondo TV srl con l’obiettivo di sviluppare l’attività di produzione di serie e cartoni animati. La sede principale è a Roma ma ha anche il controllo di tre società in Francia con Mondo Tv France(40%), in Svizzera Mondo Tv Suisse (73%) e Spagna MOndo Tv Spain (100%) che si occupano di produrre e distribuire prodotti audiovisivi nei rispettivi mercati.

La società è quotata alla Borsa di Milano al segmento FTSE Italia STAR. Tra i maggiori azionisti ci sono il fondatore Corrado Orlandi con il 45,5% e Yin Wei, ,socio di maggioranza della società Capital Media attiva dal 1997 nel campo dell'entertainment in Cina, con una quota del 10%.

Ultimo aggiornamento 06 febbraio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Gruppo Mondo TV | Mondo TV srl | Borsa Italiana | Italian TV Broadcasting | Borsa Valori | Dea S.n.c. | Mondo Distribution | Doro Tv Merchandising | Società per Azioni | MIM | Mondo He |

Ultime notizie su Mondo TV

    Caleido Group, una società in viaggio

    Questo accordo si pone nella scia di diverse operazioni analoghe effettuate da società quotate all’Aim e anche al Mta (fra queste ultime Mondo Tv),

    – di Valeria Novellini

    Europa volatile, giù Madrid. Piazza Affari debole, ma brilla Ferragamo

    Seduta a doppia velocità e con volumi di scambio non particolarmente elevati per le Borse europee. Milano ha terminato attorno alla parità (+0,11%), Londra ha chiuso in aumento dello 0,05%, Parigi ha guadagnato lo 0,67% e Francoforte lo 0,53%, nonostante l'indice tedesco Zew, che misura le

    – di E. Micheli e S. Arcudi

    Borse, promossa la strategia soft di Draghi. Euro sotto quota 1,17 dollari

    Chiusura in rialzo per le Borse europee (segui qui i principali indici), nel giorno della Bce e delle notizie provenienti dalla Catalogna. L'Eurotower a partire da gennaio dimezzerà a 30 miliardi di euro ogni mese gli acquisti di asset, che andranno avanti fino a settembre e, se necessario, anche

    – di Eleonora Micheli

    Cosa non sappiamo quando dobbiamo cambiare gli euro con dollari

    Gli studiosi lo definiscono "home bias", oss ail legame con la propria casa, il proprio nido, il proprio specifico. Una nozione declinabile ogni volta in città, quartiere, patria, casa. Casa nostra ha una forza emozionale impareggiabile con ciò che ci risulta "straniero" o "estero". Per non parlare di ciò che è a noi sconosciuto. Sto parlando di psicologia, antropologia culturale o politica? Poco importa (almeno secondo me). Sto cercando di descrivere come funziona la nostra mente di fronte ad...

    – Marco lo Conte

    Piazza Affari, le mid-cap battono le altre azioni: 8,5% l'anno dal '96

    L'Italia è Paese di medie imprese. Ora anche in Borsa. Lo certifica la pubblicazione Indici e Dati dell'ufficio studi di Mediobanca, che ha calcolato come siano le aziende di medie dimensioni ad avere dato le maggiori soddisfazioni agli investitori negli ultimi vent'anni: 8,5% il rendimento medio

    – di Antonella Olivieri

    Presidenti e ad donna sotto il 7% nelle quotate

    Consiglieri sì, ma senza deleghe. La carica delle nuove nomine al femminile è innegabile e anche ineluttabile vista la legge Golfo-Mosca del 2011 che obbliga al rispetto delle quote di genere nelle società quotate e pubbliche. Altra cosa è invece avere nel board consiglieri donna che non siano

    – Monica D'Ascenzo

    Presidenti e ad donna sotto il 7% nelle quotate

    Consiglieri sì, ma senza deleghe. La carica delle nuove nomine al femminile è innegabile e anche ineluttabile vista la legge Golfo-Mosca del 2011 che obbliga al rispetto delle quote di genere nelle società quotate e pubbliche. Altra cosa è invece avere nel board consiglieri donna che non siano

    – di Monica D'Ascenzo e Chiara De Cristofaro con un articolo di Serena Uccello

    Azioni gioiello / La Doria: il boom di pomodori pelati e conserve (+484%)

    A una spanna da Mondo Tv c'è La Doria, industria alimentare nata nel lontano 1954 ad Angri, la capitale mondiale del San Marzano, quasi ai piedi del Vesuvio. Diventata una corazzata tascabile delle conserve alimentari, la società campana nel 1995 si è quotata a Piazza Affari, inaugurando una

1-10 di 37 risultati