Aziende

Mondo TV

Mondo TV è un gruppo di numerose società attivo nel settore della produzione e della commercializzazione di serie televisive e di lungometraggi animati per il cinema e la televisione. Il gruppo occupa una posizione di leadership nel mercato italiano ed è uno dei principali operatori anche a livello europeo. Possiede una delle biblioteche più grandi di animazione composto da oltre 1.600 episodi di serie televisive e più di 75 film d'animazione.

La storia del gruppo Mondo TV comincia nel 1964 quando viene fondata la Dea S.n.c. con l’obiettivo di acquistare i diritti dei cartoni animati giapponesi. Tra gli anni ’70 e ’80, con lo sviluppo delle reti televisive private si registra una forte crescita della domanda di serie animate giapponesi e parallelamente di Dea S.n.c. che proprio in quegli anni dà il via alla creazione di quello che diventerà il Gruppo Mondo TV. All’inizio degli anni ’80 vengono create la Doro Tv Merchandising e la Italian TV Broadcasting srl, mentre nel 1985 nasce la Mondo TV srl con l’obiettivo di sviluppare l’attività di produzione di serie e cartoni animati. La sede principale è a Roma ma ha anche il controllo di tre società in Francia con Mondo Tv France(40%), in Svizzera Mondo Tv Suisse (73%) e Spagna MOndo Tv Spain (100%) che si occupano di produrre e distribuire prodotti audiovisivi nei rispettivi mercati.

La società è quotata alla Borsa di Milano al segmento FTSE Italia STAR. Tra i maggiori azionisti ci sono il fondatore Corrado Orlandi con il 45,5% e Yin Wei, ,socio di maggioranza della società Capital Media attiva dal 1997 nel campo dell'entertainment in Cina, con una quota del 10%.

Ultimo aggiornamento 06 febbraio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Gruppo Mondo TV | Mondo TV srl | Borsa Italiana | Italian TV Broadcasting | Borsa Valori | Dea S.n.c. | Mondo Distribution | Doro Tv Merchandising | Società per Azioni | MIM | Mondo He |

Ultime notizie su Mondo TV

    Tregua sui mercati: Milano rialza la testa con il risparmio gestito, giù il petrolio

    Dopo i ribassi dei giorni scorsi, a causa delle tensioni tra Stati Uniti e Iran, le Borse europee rimbalzano . In flessione il prezzo del petrolio, mentre l'oro rallenta la corsa. La Borsa spagnola sulla parità dopo l'ok alla formazione del nuovo Governo. A Piazza Affari bene Azimut e Diasorin, in coda Telecom. Spread sale a 167

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Borse alla finestra con Wall Street inchiodata, neanche Fca regala spunti

    Indici poco mossi dopo i recenti massimi. La Borsa americana guarda al voto della Camera sull'impeachment di Trump. Tiene banco in Borsa la maxi-fusione tra i due gruppi dell'auto. A Piazza Affari bene Poste Italiane ed Exor, in coda ancora Nexi. Spread chiude a 158 punti, uno più della vigilia, petrolio poco mosso. Ancora in calo la sterlina, scende anche l'euro

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Sulle Borse scattano i realizzi dopo i record, timori Brexit. Milano si salva

    Le Borse europee si sono indebolite dopo aver aggiornato nuovi massimi. Tornano le preoccupazioni per una possibile 'hard Brexit' dopo la vittoria schiacciante di Boris Johnson alle elezioni. In netto calo la sterlina. A Milano ben comprate le utility, deboli i bancari in attesa di capire i costi di cui il sistema si dovrà fare carico per il salvataggio della Popolare di Bari. Spread invariato a 157 punti, petrolio in rialzo

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Il petrolio frena le Borse europee, Piazza Affari giù con oil e banche

    Battuta d'arresto per le Borse europee che hanno chiuso in rosso la seduta (qui l'andamento degli indici) tra i timori della guerra commerciale sull'asse Washington-Pechino e il brusco calo del petrolio. A farne le spese il FTSE MIB, l'indice peggiore del Vecchio Continente, che ha chiuso in

    – di Paolo Paronetto ed Enrico Miele

1-10 di 50 risultati