Aziende

Moby

Compagnia di navigazione italiana, Moby opera con i suoi traghetti i collegamenti tra diversi porti della costa continentale italiana (Genova, Civitavecchia, Livorno e Piombino) e quelli della Sardegna (Olbia e Porto Torres), della Corsica (Bastia) e dell’Isola d’Elba (Portoferraio e Cavo), oltre che le tratte tra il porto francese di Tolone e Bastia (Corsica) e tra il porto sardo di Santa Teresa di Gallura e quello corso di Bonifacio. Della flotta di ferry targata Moby fanno parte 15 imbarcazioni che sono divise in 6 Fast Cruise Ferry (traghetti veloci e dalle grandi dimensioni per il trasporto di veicoli e passeggeri, dotati di cabine e servizi a bordo), 3 Cruise Ferry (traghetti con cabine per trasporto passeggeri e posti per veicoli) e 6 Ferry (traghetti di dimensioni ridotte per trasporto dei passeggeri, dotati di alcuni servizi). Fondata da Achille Onorato nel secolo scorso, partendo da una piccola attività di collegamento tra le coste della Toscana, La Maddalena in Sardegna e l’Isola d’Elba, Moby è attualmente guidata da Vincenzo Onorato, che è esponente della quarta generazione della famiglia di armatori e che ha anche legato il suo nome a diverse imprese sportive nel campo delle regate veliche, su tutte quelle concernenti la partecipazione alla America’s Cup con l’imbarcazione chiamata Mascalzone Latino. Nel 1991 una triste e sgradita notorietà è arrivata alla compagnia a causa del disastro che ha coinvolto il traghetto Moby Prince che, in circostanze ancora non chiarite, si è scontrato con la petroliera Agip Abruzzo all’ancora nel porto di Livorno e ha preso fuoco, causando la morte di 140 persone.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Trasporti e viabilità | Traghetto | Moby | Imbarcazione | Bastia | Achille Onorato | Vincenzo Onorato | Agip | Toscana | Sardegna |

Ultime notizie su Moby

    Moby, respinta l'istanza fallimentare dei fondi hedge

    La Sezione Fallimentare ha rilevato come per il futuro la strategia nell'affrontare la fase delicata dell'azienda si baserà ancora sulla vendita di navi di proprietà di Moby o della sua controllata Cin. Strategia che secondo i giudici «non mostra particolare attenzione alla continuità aziendale»

    Moby, hedge contro Onorato. Ecco perché in Tribunale sarà discusso un caso inedito del diritto fallimentare

    Il prossimo 3 ottobre, giovedì, sul tavolo del presidente del Tribunale fallimentare di Milano Alida Paluchowski, ci sarà un tema che, se avrà continuazione e non sarà bocciato, potrebbe rappresentare un modello da seguire su altre vicende simili. Il caso è complesso. Si tratta dell'istanza di fallimento sul gruppo Moby presentata dal gruppo di hedge fund bondholder della società armatoriale della famiglia Onorato, che ha in circolazione un'emissione da 300 milioni. I fondi lamentano un'insolve...

    – Carlo Festa

    Guerra aperta sui traghetti Moby tra hedge e la famiglia Onorato

    E' guerra aperta tra la famiglia Onorato e un gruppo di bondholders, che ha presentato istanza di fallimento per il gruppo dei traghetti al Tribunale di Milano. Alcuni hedge fund, possessori del bond da 300 milioni di Moby con scadenza 2023, si sono raggruppati e hanno presentato tramite lo studio

    – di Carlo Festa

    Moby denuncia fondi di investimento per «diffamazione»

    La Moby denuncia alla Procura della Repubblica alcuni fondi di investimento per una presunta «campagna diffamatoria». Il riferimento è alla recente cessione, da parte di Moby, di 2 traghetti alla danese Dfds in cambio di 2 navi più datate.

    – di R.E.I

    Moby cede due navi e sistema (per ora) i conti in vista del rimborso del bond

    Il gruppo Moby cede due delle sue navi più redditizie e capienti, la Wonder e la Aki, al gruppo danese Dfds. L'operazione consentirà di incassare una importante plusvalenza e di migliorare i conti dell'azienda, che era sotto pressione sui covenant finanziari. Il gruppo della famiglia Onorato sostituisce tuttavia due tra le navi più moderne (sono del 2001 e del 2005) in cambio delle due navi più datate King Seaways (1987) e Princess Seaways (1986). Sul mercato l'operazione viene vista con una ...

    – Carlo Festa

    La sensibilità della balena

    Era nato duecento anni fa, il 1° agosto 1819, ma il suo capolavoro, Moby Dick, ne ha fatto un autore del Novecento. Le ragioni per cui non piacque ai contemporanei, che pure consideravano Melville un eccellente scrittore di libri di viaggio, stanno probabilmente nella sua complessa impalcatura

    – di Luigi Sampietro

    Moby, obbligazionisti in allerta per un bond con scadenza 2023

    Mentre Moby presenta i risultati della trimestrale, si muovono gli obbligazionisti del gruppo della "balena blu". I bondholders secondo le indiscrezioni avrebbero infatti incaricato la banca d'affari Houlihan Lokey di affiancarli nei colloqui con la società (che fino a qualche settimana fa è stata

    – di Carlo Festa

1-10 di 265 risultati