Ultime notizie:

Milton Friedman

    La verità, vi scongiuriamo, sul neoliberismo nell'università

    Post di Matteo Hallissey, Matteo Fatale, Giulio Anichini. Con la collaborazione di Nazareno Lecis - "In un mondo in cui ogni giorno si alzano nuovi muri e lo scontro politico si fa sempre più acceso, un nemico comune unisce destra e sinistra, populisti e democratici, reazionari e progressisti. Che siano le aziende a delocalizzare, l' 'immigrazione selvaggia', la precarietà del lavoro o il diffondersi del virus Ebola, il libero mercato, il capitalismo o, nella sua definizione più abusata, il 'neo...

    – Econopoly

    Perché occorre «liberare» il liberalismo

    E' l'ora del liberalismo. Purché esca dalla gabbia in cui si è rinchiuso. Il panorama politico sta cambiando rapidamente. A destra, il vecchio conservatorismo sta mostrando il suo vero volto, assai poco moderato: quello di un sovranismo a tinte populiste, decisamente illiberale, anche se sopravvive, a stento, al suo interno qualche voce dai toni liberali. A sinistra la socialdemocrazia è diventata una confusa proposta in cui si mescolano elementi di solidarismo di matrice cristiana o vagamente s...

    – Riccardo Sorrentino

    Nuova energia, nuove disuguaglianze

    Gli investitori si soffermano troppo su alcune aree della sostenibilità, senza considerare gli effetti più ampi o addirittura controproducenti

    – CONTENUTO PUBBLICITARIO

    Quello che sappiamo di non sapere sul boom di liquidità

    Arrivata la ripresa economica è subito partito il dibattito: cosa accadrà alla politica monetaria? La risposta, se la Banca centrale europea continuerà a essere prudente, è immediata: nulla, per il momento. Le ragioni sono almeno due: quello che sappiamo e quello che sappiamo di non sapere, sul

    – di Donato Masciandaro

    Reddito universale di base, una misura (neo)liberale

    E' considerata una proposta populista, soprattutto in Italia. Socialista, anche. Ai conservatori sicuramente non piace. Ai liberali? Ai liberali autentici, e persino neoliberali, piace, e fin dai tempi di Thomas Paine. Anche perché è, da tempo, una loro proposta[1], da attuare in sostituzione di gran parte di un welfare state considerato molto invasivo, in fondo di ispirazione bismarkiana, quindi illiberale. Il reddito di base (o reddito minimo, o reddito universale: le formulazioni sono molto di...

    – Riccardo Sorrentino

    Gli attacchi a Danone, la lezione di Henry Ford e l'etica del profitto

    Gli attacchi a un'azienda quotata da parte dei fondi attivisti sono sempre interessanti, a volte eccitanti: per gli azionisti, perché nell'aspettativa di successo il corso del titolo in Borsa sale, e per il pubblico in generale, perché a essere messe alla prova sono strategie e assetti di comando

    – di Franco Debenedetti

    Il dirittismo italico e il rischio zero che non esiste. Serve un nuovo Muccioli

    "Come siamo arrivati fino a questo punto, Dylan?". "Un passo alla volta nella direzione sbagliata". Un popolo che non fa figli, adagiato pigramente sul passato, con la nostalgia di un miracolo economico che non tornerà più. L'italiano pretende diritti ad ogni piè sospinto. Non vuole costi. Solo vantaggi. Non conosce il "do ut des". Dopo una stagione lunghissima di crescita indefessa di debito pubblico e svalutazioni competitive (che nascondevano la perdita di competitività), non sappiamo a qual...

    – Beniamino Piccone

    La società Benefit, uno status giuridico per le imprese del futuro

    Cinquant'anni fa Milton Friedman presentò al mondo la sua dottrina, in base alla quale le imprese socialmente responsabili devono concentrarsi su un unico obiettivo: massimizzare il valore creato per i loro azionisti. L'imperativo per i manager diventa dunque quello di concentrarsi esclusivamente

    – di Paolo Di Cesare e Eric Ezechieli

1-10 di 294 risultati