Ultime notizie:

Miguel Indurain

    La meteora Berzin trionfa a Campitello

    Il Giro d'Italia del 1994 viene ricordato come uno dei più belli ed emozionanti di sempre. Un concentrato di campioni e di emozioni che raramente si vede in una corsa a tappe. Fu il Giro in cui si rivelò il talento sconfinato di Marco Pantani, che trionfò all'Aprica in una tappa rimasta alla storia

    La beffa a "Coppino" firmata Bugno

    Sono 27 anni fa, eppure sembra ieri: era il Giro d'Italia del 1991, quello di Franco Chioccioli, lo scalatore toscano soprannominato "Coppino" per la somiglianza fisica con il leggendario Fausto e, in quella stagione, anche per i ripetuti trionfi in salita. Chioccioli non solo dominò la classifica

    Le mani di sua maestà Tom Dumoulin sul Giro d'Italia

    Niente da fare. In una tappa col diavolo in corpo, arrivata a Bergamo con mezz'ora di anticipo, con discesa e risalite ubriacanti e un sole quasi africano, l'olandese Tom Dumoulin ribadisce che il leader del Giro è lui. Che la maglia rosa non ha nessuna intenzione di cederla. Che gli avversari

    – di Dario Ceccarelli

    Giro d'Italia, al via l'edizione numero cento. Sfida tra Nibali e Quintana

    Giro giro tondo. Che più tondo non si può, visto che questa è l'edizione numero cento e che, partendo oggi dalla Sardegna (Alghero), passa dalla Sicilia per risalire la Penisola fino all'arrivo di Milano (28 maggio): da dove il Giro d'Italia il 13 maggio 1909 cominciò la sua storia con la prima

    – di Dario Ceccarelli

    Pinarello passa al fondo di private equity L.Catterton

    Giovanni Pinarello, detto Nani, conquistò la maglia nera al Giro d'Italia 1951. L'anno dopo la sua squadra lo sostituì all'ultimo momento e lo ricompensò con 100mila lire. Con quei soldi Nani fondò la sua fabbrica di biciclette a Catena di Villorba, vicino Treviso. Le prime bici erano da passeggio.

    – di Riccardo Barlaam

    Froome trionfa al Tour, troppo forti lui e la squadra. Le pagelle

    Au revoir caro vecchio Tour de France. Una cartolina da Parigi con lo sprint vincente sui Campi Elisi del tedesco André Greipel e l'incoronazione di Chris Froome, 31 anni, capitano del Super Team Sky, per la terza volta in quattro anni sul trono della Grande Boucle. Una vittoria senza sbavature, a

    – Dario Ceccarelli

    Froome in giallo forte di distacchi cumulati giorno per giorno

    Giornataccia per i colori italiani. Doveva essere l'ultima occasione per Fabio Aru per cercare di salire sul podio e invece è crollato sulla salita finale arrivando al traguardo con 17 minuti di ritardo: esce anche dalla top ten e deve accontentarsi del 13° posto nella classifica generale. Il

    – Giorgio Squinzi

    Chris Froome verso la vittoria, Aru a un passo dal podio

    Ieri abbiamo parlato della politica dei piccoli passi scelta quest'anno da Chris Froome per mettere il sigillo sul suo terzo Tour de France. E puntuale è arrivata la conferma di questa tattica nella cronoscalata (17 chilometri da Sallanches a Megève) vinta dall'inglese che ha inflitto ritardi non

    – Giorgio Squinzi

1-10 di 41 risultati