Persone

Michelle Bachelet

Michelle Bachelet è un politico cileno, appartenente al Partito Socialista. È l'attuale Presidente del Cile, carica che ricopre per la seconda volta. È stata la prima donna a rivestire tale posizione in Cile. È stata anche Ministro della Sanità (dal 2000 al 2002) e della Difesa (dal 2002 al 2004) e Presidente pro tempore dell'Unasud (dal 2008 al 2009).
Michelle Bachelet si è laureata nel 1982 all'Università del Cile come medico chirurgo. Tra il 1983 ed il 1986 si è specializzata in pediatria e sanità pubblica. In questo periodo si è dedicata all'attività politica, diventando membro della Gioventù Socialista e negli anni settanta del Partito Socialista Cileno. Michelle Bachelet ha lavorato per il Ministero della Sanità, come consulente della Pan-American Health Organization e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Nel 1995 è entrata nel Comitato centrale del partito e tra il 1994 e il 1997 ha lavorato come Consigliere per la sottosegreteria del Ministero della Sanità. Nel 1998 ha prestato servizio al Ministero della Difesa come consigliere del Ministro. Dal 1998 al 2000 è diventata un membro attivo della sua commissione politica. La Bachelet è stata nominata Ministro della Sanità nel 2000 e 2 anni più tardi ha ottenuto il dicastero della Difesa. Dal 2006 al 2010 ha rivestito la carica di Presidente del Cile, sostituita da Sebastián Piñera.
Bachelet è stata di nuovo candidata alle presidenziali del 2013 per la coalizione di centro-sinistra Nuova Maggioranza dopo la vittoria alle primarie di coalizione del 30 giugno 2013. Il 15 dicembre 2013 ha vinto nuovamente le elezioni, divenendo Presidente eletto del Cile. È entrata in carica l'11 marzo 2014.
Michelle Bachelet è separata e ha tre figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Michelle Bachelet | Cile | Comitato centrale | Organizzazione Mondiale della Sanità | Pan-American Health Organization | Ministero della Sanità | Partito Socialista | Unasud |

Ultime notizie su Michelle Bachelet

    Colonie e antisemitismo

    La settimana scorsa la Commissione Onu per i diritti umani ha reso nota una lista di 112 imprese: 94 israeliane, 18 di altri sei paesi. Queste società di varia natura - agricoltura, banche, turismo, tecnologie, ecc - operano nelle colonie ebraiche dei territori palestinesi occupati. La Commissione non propone la loro punizione o il boicottaggio: si limita a ricordare implicitamente che operano contravvenendo al diritto internazionale e alle risoluzioni delle Nazioni Unite. L'uno e le altre dicon...

    – Ugo Tramballi

    Cosa sta succedendo a Hong Kong e i motivi dello scontro Trump-Cina

    A oltre sei mesi dall'inizio delle dimostrazioni di massa contro la proposta di legge sull'estradizione in Cina, la violenza non si placa. Ecco le ragioni e i possibili scenari. Gli arresti sono arrivati a 4.500 e gli interventi della polizia si fanno sempre più duri. La legga Usa pro Hong Kong rischia di alzare la tensione Usa-Cina

    – di Stefano Carrer

    America Latina in fiamme. I 5 focolai di una crisi profonda

    Cinque focolai di tensione che non sono accomunati da similitudini di politica interna ma meritano attenzione, non solo per il destino di chi ci abita, ma soprattutto per il pericolo di strumentalizzazioni internazionali

    – di Roberto Da Rin

    Climate change, una generazione in marcia per difendere la Terra

    Daniela ha 13 anni, ne avrà 43 nel 2050. E' una delle centinaia di migliaia di giovani in marcia a New York per invocare interventi urgenti contro il cambiamento climatico: «Sono qui perché penso che possiamo fare la differenza, se ci muoviamo tutti insieme. E dobbiamo iniziare dalle cose di tutti i giorni: meno aria condizionata nelle case, meno auto private, più mezzi pubblici»

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    Hong Kong, perché sono nate le proteste e i rischi di repressione

    Perché sono iniziate le maggiori proteste di massa a Hong Kong dalla fine del dominio britannico nel 1997?Le proteste popolari a Hong Kong sono cominciate agli inizi di giugno in opposizione a un disegno di legge che avrebbe consentito l'estradizione di persone da Hong Kong per essere processate

    – di Stefano Carrer

    Economist: l'Italia cede 12 posti in Indice di democrazia

    Gli analisti dell'Economist hanno bocciato il Governo italiano che, secondo i suoi analisti, ha fatto scendere nel 2018 l'Italia dal 21/o alla 33/o posto nella classifica globale del 'Democracy Index' (Indice della Democrazia). In ribasso anche il voto complessivo, da 7,98 a 7,71 punti: voto

    Il Papa in Cile e Perù: «Ho paura di una guerra nucleare, siamo al limite»

    E' il volo più lungo del pontificato, quasi 16 ore. Papa Francesco questa mattina è decollato da Roma verso Santiago del Cile, prima tappa di un viaggio che lo porterà anche in Perù. E' il ventiduesimo viaggio del suo pontificato, il sesto che tocca paesi dell'America Latina, tenendo fuori ancora una

    – di Carlo Marroni

1-10 di 74 risultati