Persone

Michele Ferrero

Figlio di Pietro, fondatore nel 1946 dell’azienda dolciaria e alimentare Ferrero, Michele Ferrero ha iniziato a guidare l’impresa di famiglia nel 1957, dopo la morte del padre e dello zio Giovanni. Nato a Dogliani (Cuneo) nel 1925, Michele Ferrero ha contribuito fin da subito con la sua abilità manageriale alla grande crescita dell’azienda: sue le intuizioni che hanno portato alla creazione di prodotti e brand oggi famosi in tutto il mondo, come Nutella, nata nel 1964, e Kinder Cioccolato, prodotto dal 1968. Grazie alla politica di espansione territoriale e di prodotto, Michele Ferrero ha condotto la Ferrero ad essere una delle principali industrie dolciarie a livello mondiale, con 78 società e 22 stabilimenti produttivi, nei quali sono occupati più di 25 dipendenti (dati 2015). Nella classifica degli uomini più ricchi d'Italia, stilata nel 2014 dalla prestigiosa rivista americana Forbes, Michele Ferrero è risultato essere al primo posto in Italia con un patrimonio stimato in 23,4 miliardi di dollari. Per sua volontà nel 1983 è nata la Fondazione Ferrero, attiva in campo sociale e culturale. Micele Ferrero è morto dopo una lunga malattia all'età di 89 anni a Montecarlo.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Michele Ferrero | Azienda | Cuneo | Fondazione Ferrero | Micele Ferrero | Kinder |

Ultime notizie su Michele Ferrero

    Nel marketing chi propone uno sconto va licenziato sul posto!

    Negli ultimi vent'anni il mare della gestione aziendale è stato calmo e molti manager pensano di essere oggi bravi marinai. Certo siamo passati in mezzo a molte crisi, dalle torri gemelle alla bolla di internet, dai mutui subprime alla Pandemia. Tutte le economie avanzate sono comunque cresciute e

    – di Bernardo Bertoldi

    Giovanni Battistini: un Open Innovator si racconta

    Nonostante la distanza fisica, mediata dallo schermo, è quasi impossibile non meravigliarsi e farsi contagiare dalla passione genuina con cui Giovanni Battistini parla di innovazione. Nel terzo appuntamento della seconda edizione delle "Innovation Restart Chats", organizzate dalla Scuola Superiore Sant'Anna e dalla MIND Community, l'attuale Managing Director di Better Gambit ed ex vicepresidente del dipartimento di Open Innovation di Ferrero, racconta della sua esperienza nel campo dell'innovaz...

    – Alberto Di Minin

    Quale sarà il cibo del futuro? In Italia il modello alimentare è arretrato

    Post di Marco Ceriani, scrittore e giornalista, laurea a Milano in Scienze delle preparazioni alimentari, esperienze in nuovi alimenti, cibi nutraceutici e sport food - Quale sarà il cibo del futuro? Molto dipende da dove si trova la cucina e chi lo cucinerà. Partiamo subito da una considerazione fondamentale: il cibo della tradizione non è quello del nostro passato ma del presente, cucinato dalle aziende e servito a tavola dalla signorina réclame. Nel nostro recente passato però a cucinare n...

    – Econopoly

    Quell'Italia dei nonni e del boom economico spazzata via dal coronavirus

    L'85% dei morti da coronavirus ha più di 70 anni. E' la generazione che ha animato il boom economico degli anni Cinquanta, la crescita degli anni Sessanta e Settanta, il Made in Italy e l'approdo alla globalizzazione. Ma è anche il sostegno, economico e non solo, di molte famiglie. Cosa cambierà adesso?

    – di Paolo Bricco

1-10 di 124 risultati