Aziende

Merck

Merck & Co è una multinazionale chimico-farmaceutica americana, una delle più grandi società farmaceutiche del mondo. Con quartiere generale a Readington, nel New Jersey, Merck & Co Inc conta complessivamente circa 33.000 dipendenti, distribuiti in 60 Paesi nel mondo. Con un fatturato complessivo di circa € 7.6 miliardi di euro, la multinazionale è divisa nei settori: farmaceutico (farmaci innovativi e prodotti da banco) e chimico (per i settori dell'elettronica, della stampa, delle vernici, della cosmetica, dell’industria farmaceutica e biotech). Il gruppo pubblica inoltre il Merck Manual of Diagnosis and Therapy (Manuale Merck di diagnosi e terapia) e il Merck Index, una raccolta di informazioni sui composti chimici. Circa il 30% del capitale della società è pubblico, mentre la famiglia Merck detiene un interesse di circa il 70% attraverso il General Partner E. Merck Kg.

Le sue radici risalgono al 1668. Nel 1891 è stata inaugurata la filiale statunitense della società tedesca ora nota come Merck KGaA. Come per molte altre attività tedesche negli Stati Uniti, Merck & Co Inc è stata confiscata nel 1917 durante la I Guerra Mondiale, costituendosi così come società indipendente. Nel 1957 è stata fondata la Fondazione Merck.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Multinazionale | Stati Uniti d'America | Fondazione Merck |

Ultime notizie su Merck

    Ecco le terapie digitali, valgono già 8 miliardi l'anno

    Gli autori sono Elia Stupka e Nicola Marino. Stupka è senior vice president e direttore generale della divisione Life Sciences di Health Catalyst. Marino è laureato presso l'Università Cattolica, laureando in medicina e chirurgia, imprenditore con esperienza di ricerca presso Harvard Medical School -  Il padre di Carlo, che da poco è sopravvissuto ad un ictus, guarda le cuffie con sospetto. Carlo gli spiega che si tratta di una nuova terapia digitale che lo aiuterà durante la sua riabilitazione...

    – Econopoly

    Sprint dell'Europa, Piazza Affari supera primo test trimestrali

    Borse europee ai massimi da inizio dicembre scorso (+1,2% lo Stoxx Europe 600) spinte da una serie di trimestrali convincenti, che hanno messo il turbo al comparto energia (Bp a Londra ha guadagnato il 5,2% dopo i conti), costruzioni e beni di consumo e nonostante il rallentamento di vendite al

    – di Eleonora Micheli e Stefania Arcudi

    Borse deboli, Piazza Affari rialza la testa sul finale. Spread scende a 257

    Seduta debole per le Borse europee che aprono in modo incolore una settimana all'insegna delle trimestrali (Intesa Sanpaolo e Unicredit sono attese rispettivamente domani e giovedì) e senza grandi spunti macroeconomici. Piazza Affari - grazie a un colpo di reni finale - chiude in leggero rialzo

    – di Andrea Fontana e Cheo Condina

    Bristol-Myers Squibb: conti sotto pressione, scommette sulla mega-fusione con Celgene

    NEW YORK - Bristol-Myers Squibb ha riportato un bilancio in crescita, ma il colosso farmaceutico americano e internazionale cerca adesso la vera cura alla sua malattia - scadenza di brevetti, passi falsi nella ricerca e crescente concorrenza - altrove: nell'acquisizione da 74 miliardi di dollari da

    – di Marco Valsania

    Borsa, i 5 titoli che hanno fatto faville nel 2018 nero dei mercati

    Il 2018 è stato un anno da dimenticare per i mercati. Il peggiore dalla grande crisi del 2008 per Wall Street e, circostanza decisamente rara, sia le obbligazioni sia le azioni hanno fatto registrare performance negative. In un contesto generalmente ribassista per le Borse mondiali (l'indice

    – di Andrea Franceschi

    E' l'Rna il nuovo Dna: arrivano le prime terapie. E gli investimenti

    Se il 2017 è stato l'anno del Dna, con i successi della terapia genica e il continuo perfezionamento della tecnica di editing genetico Crispr, il 2018 è all'insegna del cugino meno noto: l'Rna, o acido ribonucleico. Pur sullo sfondo, quello che si chiama silenziamento genico tramite l'interferenza

    – di Francesca Cerati

    Bayer annuncia il taglio di 12mila posti dopo l'operazione Monsanto

    Nell'ambito delle operazioni legate all'integrazione tra Bayer e Monsanto, il gruppo tedesco prevede di tagliare circa 12mila posti di lavoro (su un totale di 118.200), «un numero significativo di questi in Germania». Lo spiega la società in una nota in cui descrive nel dettaglio le sinergie attese

    Borse, pesa lo scontro Italia-Ue. Milano chiude in rosso, spread a 313

    Le Borse europee chiudono in territorio negativo una seduta nervosa in parallelo all'inversione di rotta (in rosso) di Wall Street. Pesa, a Piazza Affari e non solo, anche il perdurare dello scontro tra Italia e Commissione Ue sulla manovra con Austria e Olanda che hanno chiesto l'avvio della

    – di Cheo Condina

1-10 di 213 risultati