Aziende

Mediobanca

Mediobanca è una banca fondata nel 1946 da Enrico Cuccia e oggi una delle principali banche italiane.

E’ quotata nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano.

Originariamente Mediobanca si occupava esclusivamente di credito a medio termine, da cui il nome stesso della banca, ampliando in seguito l'attività al credito al consumo, all'intermediazione mobiliare, alla gestione patrimoniale e ad altri servizi finanziari, diventando così una delle più grandi banche italiane.

Per oltre un cinquantennio è stata guidata dal fondatore Enrico Cuccia, prima come amministratore delegato poi come presidente onorario. Il legame tra Cuccia e la banca da lui fondata è stato talmente stretto da venire in pratica identificati.

Negli anni Cuccia ha dato un'impronta molto forte a Mediobanca, riuscendo anche a tenerla fuori dai contenziosi politici e dandole una forte indipendenza. Mediobanca è al centro di una rete di partecipazioni che riguardano le più grandi aziende italiane: basti pensare che i più grandi azionisti di Mediobanca sono altre banche italiane e che Mediobanca ha partecipazioni in gruppi come Generalie Rcs.

Oggi Mediobanca affianca alle attività tradizionali anche attività rivolte al grande pubblico. In particolare è presente sul mercato dei prestiti al consumo con la controllata Compass SpA e nel mercato delle banca retail con CheBanca! Quest'ultima è stata fondata nel 2008 ed è entrata sul mercato con una fortissima campagna pubblicitaria che l'ha resa nota subito al grande pubblico. La sua offerta si basa su un modello multicanale su internet, tramite call center e tramite le relativamente poco numerose filiali presenti nelle più grandi città italiane. CheBanca! si è distinta per l'offerta di prodotti innovativi che hanno attirato subito l'interesse dei clienti.

Nel novembre del 2014 CheBanca risultava essere la terza banca italiana nella classifica delle 18 banche più capitalizzate quotate sulla borsa italiana.

Presidente di Mediobanca è Renato Pagliaro, mentre amministratore delegato è Alberto Nicola Nagel.

Ultimo aggiornamento 23 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Partecipazioni societarie | Mediobanca | Enrico Cuccia | RCS | Generali |

Ultime notizie su Mediobanca

    Il patron di Vivendi. Fra alleanze industriali e tentate scalate

    Il finanziere Il finanziere Vincent Bolloré, da quasi vent'anni, fa parte della storia della finanza italiana: è il secondo azionista di Mediobanca (8%) e il primo azionista di Telecom (23,94%). ... Il finanziere Vincent Bolloré, da quasi vent'anni, fa parte della storia della finanza italiana: è il secondo azionista di Mediobanca (8%) e il primo azionista di Telecom (23,94%).

    Unicredit. Il primo azionista di Mediobanca

    I rumors su SocGenJean Pierre Mustier, 58 anni, è il numero uno di UniCredit, la banca italiana con la più spiccata propensione internazionale. Il banchiere francese, che ha lavorato dal 1987 al 2009 in Société Générale, è al timone della banca di piazza Gae Aulenti dal luglio 2016, dove ha

    Carige, ecco perché servono subito 500 milioni

    Se lo scoglio contro il quale hanno sbattuto le banche regionali finite in secca sono i prestiti facili non restituiti, va dato atto agli ultimi timonieri di Carige di aver tentato di correggere la rotta. Non ancora abbastanza per mettere al sicuro la banca genovese, ma almeno per darle la speranza

    – di Antonella Olivieri

    La fiducia, dal basso, decisiva per la crescita. E invece cola a picco

    Fulvio Coltorti, già direttore della ricerca di Mediobanca, ha ricordato - in un pregevole saggio su "La Nuova Antologia" - una lettera del 1933 di John Maynard Keynes al presidente americano Franklin D. Roosevelt in cui sottolineava - per far ripartire la crescita economica - la necessità di agire su tre fattori: gli individui devono essere indotti a spendere una parte maggiore del loro reddito disponibile; le imprese devono essere stimolate ad aumentare gli investimenti tramite minori tassi...

    – Beniamino Piccone

    Tim ai minimi da 2013, in Borsa vale meno di 10 miliardi di euro

    Secondo Mediobanca Securities, visto che la pronuncia finale dell'authority potrebbe cambiare sulla base del piano definitivo di Telecom, il documento diffuso venerdì è da leggersi come un incentivo indiretto a una proposta più aggressiva da parte di Tim nel percorso di separazione e non è escluso che questo sia il tenore del progetto che il ceo Gubitosi potrebbe svelare il prossimo 21 febbraio.

    – di Andrea Fontana

    Davos, il parterre degli italiani: i presenti e gli assenti

    La mano pubblica nel settore economico-finanziario sarà rappresentata dal presidente della Cassa Depositi e Prestiti Massimo Tononi, mentre il settore finanziario privato presenterà numerosi esponenti di vertice: da Carlo Messina (IntesaSanpaolo) a Alberto Nagel (Mediobanca), da Philippe Roger Donnet e Timothy Ryan (Generali) a Carlo Cimbri (Unipol) e Giovanni Bossi (Ifis).

    – di Stefano Carrer

    Rcs Mediagroup al top da settembre 2017, attesa per dividendo e debito

    Al termine della Mediobanca Mid Cap Conference, l'imprenditore ha confermato che il gruppo ha raggiunto nel 2018 l'obiettivo di portare l'indebitamento sotto i 200 milioni di euro. ... Le dichiarazioni, secondo Mediobanca Securities, confermano che Rcs è sulla strada giusta per mantenere le promesse sulla crescita e ridurre la leva finanziaria, obiettivo quest'ultimo fondamentale per aumentare la profittabilità e tornare alla distribuzione di utili agli azionisti.

    – di Andrea Fontana

1-10 di 6572 risultati