Persone

Maurizio Martina

Maurizio Martina è nato a Calcinate (BG) il 9 settembre del 1978 e riveste dal 22 febbraio del 2014 la carica di Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, prima col Governo Renzi ed attualmente con quello Gentiloni.

Dopo aver conseguito il Diploma di maturità presso l'Istituto tecnico Agrario di Bergamo si è poi laureato in Scienze Politiche.

Martina ha mosso i suoi primi passi in politica all'interno del movimento studentesco del 1994 , diventando nel 1999, con una listia civica, consigliere comunale di Mornicco al Serio (BG).

Nel 2002 entra nelle fila della Sinistra Giovanile come segretario regionale e come membro della segreteria nazionale, assumendo la carica di responsabile "Lavoro".

Nel 2004 fa il suo ingresso nella segreteria regionale lombarda dei Democratici di Sinistra e diventa, sempre per i DS, segretario provinciale di Bergamo.

Nel 2006 assume l'incarico di Segretario regionale dei Democratici di Sinistra in Lombardia.

Nel 2009 viene nominato Responsabile Nazionale Agricoltura nella nuova segreteria PD.

Nel 2010 viene eletto Consigliere Regionale della Lombardia, incarico poi riconfermato nelle consultazioni elettorali del 2013. Sempre nel 2013 viene nominato sottosegretario alle politiche agricole, alimentari e forestali del Governo Letta .

Il 22 febbraio 2014 ottiene la nomina di Ministro della Politiche agricole, alimentari e forestali del Governo Renzi.

Durante il Semestre di Presidenza italiana dell'U.E. assume a partire dal 1° luglio 2014 la carica di Presidente di turno del Consiglio europeo dei Ministri dell'Agricoltura e della Pesca.

Nell'approssimarsi dell'appuntamento internazionale, Il suo ministero e la sua delega all'Expo, lo rende una delle figure istituzionale centrali sullo scenario internazionale.

E' sposato e padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Nomine nelle società | Segretario regionale | Bergamo | DS | Ministro delle Politiche Agricole | Consiglio Europeo | Governo Letta | Ministero delle Politiche Agricole e Forestali | Agricoltura | Pd | Governo Renzi | Maurizio Martina |

Ultime notizie su Maurizio Martina

    Nuovo partito di Renzi, ecco chi lo segue / Roberto Giachetti

    Deputato del Pd, qualche minuto dopo il giuramento dei viceministri e dei sottosegretari del Conte bis, il deputato del Pd Roberto Giachetti ha annunciato di voler rassegnare le dimissioni dalle Direzione del partito. Giachetti ha spiegato di aver preso questa decisione in quanto poco convinto

    Conte muove le sue pedine nel risiko della squadra di governo

    Per Giuseppe Conte che si avvia a ricevere l'incarico di formare un nuovo governo si aprono giornate intense, con trattative che assomiglieranno a una partita a scacchi: sul tavolo la questione vicepremier (uno, due o nessuno?) e gli equilibri tra i ministeri per M5S e Pd

    Da Veltroni a Zingaretti, scopri tutti gli uomini del Pd

    Nicola Zingaretti è da marzo il nuovo segretario del Partito Democratico. Se anche non si fosse letta la notizia sui giornali, potremmo trovare un indizio dell'avvenuto cambio al vertice leggendo le nuove proiezioni di voto. Gli esperti lo definiscono effetto novità. La missione di Zingaretti. Zingaretti prende le redini del partito nel momento più buio della sua storia. Un inesorabile crollo da quelle trionfali elezioni europee del 25 maggio 2014, che avevano portato il Partito Democratico al ...

    – Infodata

    Governo Pd-M5s? Convergenze su salario minimo e fisco. Ma Tav e democrazia diretta dividono

    In Parlamento i numeri ci sono e sia nel Pd che fra i Cinque stelle - nonostante distinguo e condizioni non manchino - comincia a prendere quota l'ipotesi di formare una nuova maggioranza alternativa a quella giallo-verde un po' sulla falsa riga dell'asse europeo che ha portato poi al voto comune su Ursula von Der Leyen. Ma su quali basi programmatiche potrebbe nascere un governo giallo-rosso?

    – di Mariolina Sesto

    Conflitto di interessi: cosa divide e cosa unisce le proposte di Pd e M5S

    Il conflitto di interessi approda in Parlamento dopo le elezioni europee. Dal 29 maggio le due proposte di legge del Movimento 5 stelle e le due del Pd saranno all'esame della commissione Affari costituzionali della Camera. I Democratici hanno annunciato infatti anche un provvedimento contro il

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

1-10 di 1068 risultati