Persone

Mauricio Macri

Mauricio Macri è nato l'8 febbraio del 1959 a Tandil (Argentina) ed è un politico ed imprenditore argentino di origine italiana.

Il 22 novembre del 2015 ha vinto le elezioni presidenziali diventando il 57° Presidente dell'Argentina.

Mauricio Macri è figlio di un imprenditore edile di origine calabrese, nato a Roma nel 1930 ed emigrato in Argentina nel 1948.

Dal 1995 al 2007 è stato presidente della squadra di calcio del Boca Juniors.

Nel 2003 ha fondato il partito di destra Compromesso per il Cambiamento, partito entrato a far parte nel 2005 della coalizione Proposta Repubblicana (PRO) da lui guidata.

Il 24 giugno del 2004 è stato eletto capo del governo della città di Buenos Aires, per poi essere riconfermato nel 2011.

Si è duramente schierato contro la linea politica dell'ex presidente dell'Argentina Cristina Fernández de Kirchner, dichiarandosi favorevole ad una politica di austerity finalizzata al raggiungimento di un equilibrio di bilancio sostenibile per gli Stati federali.

Dopo aver ottenuto al primo turno il 34,3% dei voti, contro il 38,8% diello sfidante Daniel Scioli, il 22 novembre del 2015, Mauricio Macri vince il ballottaggio, diventando il 57° Presidente dell'Argentina.

Macri ha due divorzi alle spalle ed è padre di quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Mauricio Macri | Argentina | Cristina Fernández de Kirchner | Daniel Scioli |

Ultime notizie su Mauricio Macri

    L'Argentina e le lezioni mai imparate

    L’attuale presidente Mauricio Macri è salito al timone nel 2015 sull’onda dell’insoddisfazione popolare per le politiche keynesiane della coppia Nestor e Christina Kirchner. ... La contro-rivoluzione liberista di Macri è stata brutale: la libertà di movimento dei capitali ha provocato la svalutazione del 30% del peso, riflessa in maggiore inflazione. Macri ha ridotto le tasse all'esportazione, salari ed occupazione pubblica ed aumentato le tariffe delle utilities, oltre ad...

    – di Marcello Minenna

    Argentina, il governatore della Banca centrale si dimette dopo 3 mesi. Il peso cade ancora

    L'Argentina del presidente Mauricio Macri vive settimane di passione. ... I negoziati proseguono e non è escluso che il direttore generale Christine Lagarde e il presidente argentino Macri si vedano, a margine dei lavori legati all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. In una intervista a Bloomberg TV Macri, proprio da New York ha detto che «l'Fmi aumenterà il suo sostegno all'Argentina» e che «non ci sono possibilità che l'Argentina finisca di nuovo in default».

    – di Roberto Da Rin

    Argentina di nuovo a rischio: possibile default in stile 2002

    Se c'è una data dalla quale l'economia argentina e il consenso politico al suo presidente Mauricio Macri hanno decisamente cambiato di segno è quella del 28 dicembre 2017. ... Il recente annuncio del presidente Macri di aver bisogno dei fondi Fmi più velocemente di quanto ipotizzato a giugno non ha fatto altro che rafforzare questi dubbi.

    – di Francesco Lenzi

    Debito e spread, gli extra-costi per chi comunica male

    Il presidente Mauricio Macri sta scoprendo di aver clamorosamente sbagliato la comunicazione della sua strategia di politica economica. ... Il presidente Macri ha allora pensato di mettere in atto una politica di comunicazione che fosse efficace, rispetto all’obiettivo di tranquillizzare i propri creditori: a sorpresa, con un video, ha annunziato di voler accelerare le modalità di un prestito già globalmente definito con il Fondo monetario internazionale, nell’ambito di un piano di...

    – di Donato Masciandaro

    L'Italia è diversa da Venezuela, Turchia e Argentina?

    Pubblichiamo un contributo di Guido Iodice, coautore di Keynes Blog - Di fronte alle crisi di diversi paesi emergenti (Venezuela, Argentina, Turchia) in corso in questi mesi, assistiamo ad un poderoso esercizio di mirror climbing da parte dei noeuro. A chi fa notare che l'Italia, in mano loro e fuori dall'euro, farebbe la stessa fine, la risposta è sempre la stessa: l'Italia è diversa. Ovviamente l'Italia è diversa. E' un paese del G7 (ormai più per tradizione che per Pil), non un'economia emer...

    – Econopoly

    Borse, torna lo spettro dazi. Spread sopra 290, tensione sui BTp 2 anni

    Le troppe incertezze innescate dalla politica commerciale degli Stati Uniti sia nei confronti della Cina, con possibili nuovi dazi, sia nei confronti del Canada sia verso l'Ue sull'import delle auto alimentano nuove vendite sui listini azionari europei che chiudono l'ultima seduta settimanale con

    – di S.Arcudi e A.Fontana

    Peso argentino e lira turca, tempesta d'agosto sulle valute emergenti

    All'epoca il presidente Mauricio Macri aveva dichiarato che era nella speranza del suo governo di non dover mai utilizzare quei fondi in quanto si faceva conto su una ripresa dell'economia nazionale, ripresa che non si è mai materializzata.

    – di Corrado Poggi

1-10 di 82 risultati