Persone

Matteo Renzi

Matteo Renzi, nato l'11 gennaio del 1975 a Firenze, segretario del PD è stato presidente del Consiglio dei Ministri dal 22 febbraio 2014 al 5 dicembre 2016.

A seguito dell'esito contrario del referendum costituzionale (il 60% degli elettori ha bocciato la riforma da lui proposta) si è dimesso. Il 30 aprile 2017 con il 70% dei voti è stato rieletto alle primarie segretario del Pd. Gli altri due candidati erano Andrea Orlando (19.50%) e Michele Emiliano (10.49%).

E' stato nominato capo di Governo a soli 39 anni ed un mese di età, risultando il più giovane Premier della storia della Repubblica italiana.

Cresciuto a Rignano sull'Arno (FI), studia a Firenze, dove consegue il diploma di maturità classica al Liceo Ginnasio "Dante" e si laurea nel 1999 in Giurisprudenza.

Già da studente liceale comincia ad interessarsi all'attività politica ed acquisisce una formazione scout nell'Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani.

Prima di dedicarsi completamente all'attività politica, Renzi ha lavorato con varie responsabilità per la Chil srl, società di servizi di marketing (di proprietà della sua famiglia) di cui è dirigente in aspettativa.

Nel 1996 è tra i promotori dei Comitati Prodi in Toscana.

Nel 1999 diventa segretario provinciale del Partito Popolare Italiano.

Nel 2004 viene eletto Presidente della Provincia di Firenze, facendosi promotore della riduzione delle tasse in Provincia e del taglio dei costi dell'Ente.

Nel 2009 diventa il nuovo sindaco di Firenze e si fa portatore di un vento di novità, dimezzando la giunta e favorendo, con l'obiettivo di dire stop al cemento ed al consumo del suolo, un Piano strutturale a "volumi zero" per la città di Firenze.

Nel 2010 promuove la convention "Prossima Fermata: Italia", foriera dell'idea di una rottamazione della vecchia classe politica al potere.

Negli anni successivi le idee di rinnovamento promosse da Renzi si muovono sull'onda delle conventions "Big Bang" e "Italia Obiettivo Comune", che vedono l'adesione di diversi amministratori ed intellettuali italiani.

Nel 2012 Matteo Renzi si candida alle primarie del centrosinistra ma il 2 dicembre dello stesso anno perde il ballottaggio contro Pier Luigi Bersani.

Nel 2013 prende di nuovo parte alle primarie (questa volta del Partito Democratico) e l'8 dicembre vince la competizione con il 67,5% dei voti, diventando il nuovo segretario del Partito e battendo Gianni Cuperlo, Giuseppe Civati e Gianni Pittella.

Il 22 febbraio del 2014 diventa il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana risultando il più giovane in assoluto dall'Unità d'Italia ad oggi.

Per la Rizzoli ha pubblicato "Fuori!" (2011) e "Stilnovo" (2012).

Con la Mondadori invece ha dato alle stampe "Oltre la rottamazione" (2013).

Tra il 1° luglio ed il 31 dicembre 2014 ha assunto, quale presidente di turno, la carica di Presidente del Consiglio dell'Unione Europea.

Matteo Renzi è sposato con Agnese Landini dal 1999, hanno tre figli, Francesco (2001), Emanuele (2003) ed Ester (2006).

Ultimo aggiornamento 02 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Matteo Renzi | Associazione Guide | Scouts Cattolici Italiani | Gianni Cuperlo | Gianni Pittella | Giuseppe Civati | Mondadori | Rizzoli | Pier Luigi Bersani | Pd | PPI | Chil | Liceo Ginnasio | Presidente del Consiglio dei ministri | Agnese Landini | Toscana |

Ultime notizie su Matteo Renzi

    La cautela del Pd e di Conte: avanti con il riformismo ma senza «forzare» il M5s

    Fino a marzo si richiede dunque a Conte e Zingaretti, che in questi giorni stanno rinforzando il loro asse con contatti continui, l'arte dell'equilibrismo tra l'esigenza di mettere in campo un'agenda riformista che spinga la crescita, come peraltro chiede incalzando gli alleati Matteo Renzi con la sua Italia Viva, e l'esigenza di non spaccare il M5s.

    – di Emilia Patta

    Prescrizione a rischio modifica

    La soluzione proposta del premier Giuseppe Conte di fermare la prescrizione solo per i condannati è stata giudicata "incostituzionale" da Matteo Renzi.

    10 conseguenze della vittoria di Bonaccini in Emilia-Romagna

    ...scavalcare da Matteo Renzi e dalla sua Italia Viva sulla strada del riformismo anti-populista. ... 7) Il ridimensionamento di Renzi Il nuovo bipolarismo che si impone mette in difficoltà tutte le "terze vie", non solo quella evocata fin qui da Di Maio per il M5s ma anche quella su cui ha puntato Renzi uscendo dal Pd e fondando...

    – di Emilia Patta

    L'Emilia «rossa» ferma l'onda verde: Zingaretti si rafforza e rilancia l'asse con Conte

    E il segretario del Pd - fanno notare i suoi - ci ha messo la faccia partecipando a oltre 100 iniziative in questa campagna elettorale fra Emilia Romagna e Calabria, e il Pd a differenza di altri (leggasi Italia Viva di Matteo Renzi) è... ...scavalcare da Renzi sulla strada del riformismo anti-populista (è previsto per questa settimana il voto alla Camera sul Ddl dell'azzurro Costa che mira a cancellare la riforma Bonafede della prescrizione e che i renziani di Italia Viva...

    – di Emilia Patta

    Stipendi, solo quattro donne tra i 100 manager più pagati in Italia

    Nel 2018 i primi dieci uomini hanno guadagnato 126 milioni rispetto ai 27, 5 milioni delle prime dieci donne. Nella top ten degli stipendi tra le aziende quotate la prima è Miuccia Prada con 12,4 milioni lordi secondo le elaborazioni del Sole 24 Ore

    – di Gianni Dragoni

    Autostrade, il Governo e la revoca: perché lo Stato rischia un Vietnam

    Secondo i bene informati Autostrade per l'Italia (Aspi), il colosso che fa capo alla famiglia Benetton, resterà fuori dai giochi dopo il voto in Emilia-Romagna. Il Governo avrebbe deciso di passare il Rubicone e compiere un gesto estremo, alla luce soprattutto della tragedia del Ponte Morandi del 14 agosto 2018. Tuttavia, per comprendere la complessità della concessione ad Autostrade per l'Italia e cosa comporterebbe una sua eventuale revoca, non ci si può fermare ai sensazionalismi e occorre gu...

    – Accademia Politica

1-10 di 10790 risultati