Persone

Matteo Renzi

Matteo Renzi, nato l'11 gennaio del 1975 a Firenze, segretario del PD è stato presidente del Consiglio dei Ministri dal 22 febbraio 2014 al 5 dicembre 2016.

A seguito dell'esito contrario del referendum costituzionale (il 60% degli elettori ha bocciato la riforma da lui proposta) si è dimesso. Il 30 aprile 2017 con il 70% dei voti è stato rieletto alle primarie segretario del Pd. Gli altri due candidati erano Andrea Orlando (19.50%) e Michele Emiliano (10.49%).

E' stato nominato capo di Governo a soli 39 anni ed un mese di età, risultando il più giovane Premier della storia della Repubblica italiana.

Cresciuto a Rignano sull'Arno (FI), studia a Firenze, dove consegue il diploma di maturità classica al Liceo Ginnasio "Dante" e si laurea nel 1999 in Giurisprudenza.

Già da studente liceale comincia ad interessarsi all'attività politica ed acquisisce una formazione scout nell'Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani.

Prima di dedicarsi completamente all'attività politica, Renzi ha lavorato con varie responsabilità per la Chil srl, società di servizi di marketing (di proprietà della sua famiglia) di cui è dirigente in aspettativa.

Nel 1996 è tra i promotori dei Comitati Prodi in Toscana.

Nel 1999 diventa segretario provinciale del Partito Popolare Italiano.

Nel 2004 viene eletto Presidente della Provincia di Firenze, facendosi promotore della riduzione delle tasse in Provincia e del taglio dei costi dell'Ente.

Nel 2009 diventa il nuovo sindaco di Firenze e si fa portatore di un vento di novità, dimezzando la giunta e favorendo, con l'obiettivo di dire stop al cemento ed al consumo del suolo, un Piano strutturale a "volumi zero" per la città di Firenze.

Nel 2010 promuove la convention "Prossima Fermata: Italia", foriera dell'idea di una rottamazione della vecchia classe politica al potere.

Negli anni successivi le idee di rinnovamento promosse da Renzi si muovono sull'onda delle conventions "Big Bang" e "Italia Obiettivo Comune", che vedono l'adesione di diversi amministratori ed intellettuali italiani.

Nel 2012 Matteo Renzi si candida alle primarie del centrosinistra ma il 2 dicembre dello stesso anno perde il ballottaggio contro Pier Luigi Bersani.

Nel 2013 prende di nuovo parte alle primarie (questa volta del Partito Democratico) e l'8 dicembre vince la competizione con il 67,5% dei voti, diventando il nuovo segretario del Partito e battendo Gianni Cuperlo, Giuseppe Civati e Gianni Pittella.

Il 22 febbraio del 2014 diventa il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana risultando il più giovane in assoluto dall'Unità d'Italia ad oggi.

Per la Rizzoli ha pubblicato "Fuori!" (2011) e "Stilnovo" (2012).

Con la Mondadori invece ha dato alle stampe "Oltre la rottamazione" (2013).

Tra il 1° luglio ed il 31 dicembre 2014 ha assunto, quale presidente di turno, la carica di Presidente del Consiglio dell'Unione Europea.

Matteo Renzi è sposato con Agnese Landini dal 1999, hanno tre figli, Francesco (2001), Emanuele (2003) ed Ester (2006).

Ultimo aggiornamento 02 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Matteo Renzi | Associazione Guide | Scouts Cattolici Italiani | Gianni Cuperlo | Gianni Pittella | Giuseppe Civati | Mondadori | Rizzoli | Pier Luigi Bersani | Pd | PPI | Chil | Liceo Ginnasio | Presidente del Consiglio dei ministri | Agnese Landini | Toscana |

Ultime notizie su Matteo Renzi

    Coronavirus, dal Pd a M5s a Iv: pressing nella maggioranza per misure a sostegno delle famiglie di

    I Dem propongono di estendere il reddito di cittadinanza, i Cinque Stelle parlano di un «reddito di emergenza per tutti», mentre Renzi chiede di riaprire le fabbriche. ... Renzi: riaprire fabbriche Riaprire fabbriche e scuole: è l'idea di Matteo Renzi, espressa in una intervista ad Avvenire che ha innescato immediate reazioni. Lo stesso Renzi nella sua enews parla di creazione di lavoro più che estensione del reddito di cittadinanza.

    – di An.C.

    Chi decide tra Stato e Regioni? Perché il virus fa esplodere i conflitti

    Il dibattito (e la polemica) sulla necessità di mettere ordine tra i poteri dello Stato e quelli delle Regioni dura ormai da lustri, anche e soprattutto nel centrosinistra, e la riforma costituzionale approvata dal Parlamento nel 2016 che porta il nome dell'allora presidente del Consiglio Matteo Renzi e della allora ministra per le Riforme Maria Elena Boschi tentava una risposta: eliminazione dalla Costituzione delle materie concorrenti, introduzione della clausola di supremazia dello...

    – di Emilia Patta

    La maggioranza prova a tenere gli argini, ma è rischio smottamento su Mes e lockdown

    Renzi contro lo stile "Grande fratello" ... Perché poche ore prima dalla maggioranza era stato Matteo Renzi, insieme a molti esponenti di Italia Viva, a protestare contro le comunicazioni di Conte: «Ci aspettano ancora giorni difficili. ... Benissimo i provvedimenti del Governo, ma non bisogna abbandonare le aziende», ha sottolineato Renzi domenica 22 marzo.

    – di Manuela Perrone

    I compromessi al ribasso frenano l'Unione

    Non è certo una novità che ogni volta, quando si tratta di stabilire il budget dell'Unione europea, avvenga un duro braccio di ferro tra i suoi partner. E' quanto si è ripetuto nei giorni scorsi, a maggior ragione, perché occorreva coprire anche il grosso buco nel bilancio comunitario 2021-2027 (per

    – di Valerio Castronovo

    Le dimissioni di Scalfarotto sul tavolo, ma Renzi frena: non è il momento

    Per il sottosegretario la ripartizione delle deleghe assegnate alla Farnesina «rinnega gli accordi assunti al momento della formazione del governo». Ma le dimissioni sono congelate avendo raccolto "l'invito" di Italia Viva, «di non provocare in questo delicato momento una sia pur piccola crisi nella compagine governativa».

    – di Emilia Patta

    Un paese afflitto dal virus dell'inazione

    Né il coronavirus né il calendario permettono di comprare altro tempo sulla strada per strappare il Paese alla crescita zero

    – di Guido Gentili

1-10 di 10841 risultati