Persone

Matteo Renzi

Matteo Renzi, nato l'11 gennaio del 1975 a Firenze, segretario del PD è stato presidente del Consiglio dei Ministri dal 22 febbraio 2014 al 5 dicembre 2016.

A seguito dell'esito contrario del referendum costituzionale (il 60% degli elettori ha bocciato la riforma da lui proposta) si è dimesso. Il 30 aprile 2017 con il 70% dei voti è stato rieletto alle primarie segretario del Pd. Gli altri due candidati erano Andrea Orlando (19.50%) e Michele Emiliano (10.49%).

E' stato nominato capo di Governo a soli 39 anni ed un mese di età, risultando il più giovane Premier della storia della Repubblica italiana.

Cresciuto a Rignano sull'Arno (FI), studia a Firenze, dove consegue il diploma di maturità classica al Liceo Ginnasio "Dante" e si laurea nel 1999 in Giurisprudenza.

Già da studente liceale comincia ad interessarsi all'attività politica ed acquisisce una formazione scout nell'Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani.

Prima di dedicarsi completamente all'attività politica, Renzi ha lavorato con varie responsabilità per la Chil srl, società di servizi di marketing (di proprietà della sua famiglia) di cui è dirigente in aspettativa.

Nel 1996 è tra i promotori dei Comitati Prodi in Toscana.

Nel 1999 diventa segretario provinciale del Partito Popolare Italiano.

Nel 2004 viene eletto Presidente della Provincia di Firenze, facendosi promotore della riduzione delle tasse in Provincia e del taglio dei costi dell'Ente.

Nel 2009 diventa il nuovo sindaco di Firenze e si fa portatore di un vento di novità, dimezzando la giunta e favorendo, con l'obiettivo di dire stop al cemento ed al consumo del suolo, un Piano strutturale a "volumi zero" per la città di Firenze.

Nel 2010 promuove la convention "Prossima Fermata: Italia", foriera dell'idea di una rottamazione della vecchia classe politica al potere.

Negli anni successivi le idee di rinnovamento promosse da Renzi si muovono sull'onda delle conventions "Big Bang" e "Italia Obiettivo Comune", che vedono l'adesione di diversi amministratori ed intellettuali italiani.

Nel 2012 Matteo Renzi si candida alle primarie del centrosinistra ma il 2 dicembre dello stesso anno perde il ballottaggio contro Pier Luigi Bersani.

Nel 2013 prende di nuovo parte alle primarie (questa volta del Partito Democratico) e l'8 dicembre vince la competizione con il 67,5% dei voti, diventando il nuovo segretario del Partito e battendo Gianni Cuperlo, Giuseppe Civati e Gianni Pittella.

Il 22 febbraio del 2014 diventa il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana risultando il più giovane in assoluto dall'Unità d'Italia ad oggi.

Per la Rizzoli ha pubblicato "Fuori!" (2011) e "Stilnovo" (2012).

Con la Mondadori invece ha dato alle stampe "Oltre la rottamazione" (2013).

Tra il 1° luglio ed il 31 dicembre 2014 ha assunto, quale presidente di turno, la carica di Presidente del Consiglio dell'Unione Europea.

Matteo Renzi è sposato con Agnese Landini dal 1999, hanno tre figli, Francesco (2001), Emanuele (2003) ed Ester (2006).

Ultimo aggiornamento 02 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Matteo Renzi | Associazione Guide | Scouts Cattolici Italiani | Gianni Cuperlo | Gianni Pittella | Giuseppe Civati | Mondadori | Rizzoli | Pier Luigi Bersani | Pd | PPI | Chil | Liceo Ginnasio | Presidente del Consiglio dei ministri | Agnese Landini | Toscana |

Ultime notizie su Matteo Renzi

    Swg: Fratelli d'Italia tallona il M5S. Forza Italia in crescita

    Azione di Calenda supera Italia viva di Renzi La Sinistra/Mdp è al 3,4% (scende dello 0,3% rispetto alla rilevazione del 18 maggio), mentre guadagna lo 0,3% Azione di Carlo Calenda che si attesta al 2,9% e supera Italia viva di Matteo Renzi che segna il 2,7 per cento.

    – di Nicoletta Cottone

    Conti pubblici, addio a 47,2 miliardi di clausole fiscali su Iva e accise

    I rinvii con Renzi premier Con l'approdo a palazzo Chigi nel febbraio 2014 dell'esecutivo a guida Matteo Renzi si apre un triennio in cui la sterilizzazione e il sostanziale rinvio all'anno successivo delle clausole fiscali diventa una costante facendo leva prevalentemente sugli spazi di flessibilità (deficit) concordati di volta in volta con Bruxelles.

    – di Marco Rogari

    Respinte dal Senato le mozioni di sfiducia a Bonafede

    Matteo Renzi alla fine si decide per il no ... Matteo Renzi che aveva lasciato in sospeso la maggioranza alla fine ha votato per "salvare" l'esponente del Movimento 5 Stelle. ... L'intervento più atteso era quello di Matteo Renzi: senza i voti di Italia viva la tenuta della maggioranza era a rischio. ... Anche se, rivolto al presidente del Consiglio nella dichiarazione di voto, Renzi ha scandito: «Non ci interessa un sottosegretario ma sbloccare i cantieri.

    Prova di tenuta per il governo sulla sfiducia a Bonafede. Pd e M5S avvertono Italia Viva

    L'atteggiamento del partito di Matteo Renzi con i suoi 17 senatori risulterà il fattore chiave per determinare le sorti del ministro ... E l'atteggiamento del partito di Matteo Renzi con i suoi 17 senatori risulterà il fattore chiave per determinare le sorti del ministro, bersaglio da mesi dell'ex premier. ... Molti dubitano che alla fine Matteo Renzi decida di andare fino in fondo dal momento che sfiduciare il capo delegazione del Movimento vorrebbe dire mandare a casa...

    – di Nicola Barone

    Accordo sui migranti anche per colf e badanti: oggi il decreto Rilancio da 55 mld

    Ancora nella mattina di martedì, quando la riunione del preconsiglio presieduta dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro con i tecnici di tutti i ministeri per vagliare il testo del decreto Rilancio era già in corso, il Movimento 5 Stelle aveva ribadito la propria contrarietà alla regolarizzazione dei migranti, misura sulla quale insistevano invece il Partito democratico, Leu e Italia viva di Matteo Renzi con il ministro dell'Agricoltura Teresa Bellanova...

    M5S indebolito, da Conte « totale disponibilità» sulle proposte dei renziani

    Anche Matteo Renzi, in serata, si è detto contento per l'incontro con il Premier. ... Ma il gesto distensivo nasconde il timore che Matteo Renzi possa realmente fare ciò che minaccia, in primis votare la mozione di sfiducia a Bonafede annunciata dal leader della Lega, Matteo Salvini, e pronta a essere presentata in Senato. ... Proverà a spegnere le tentazioni dei renziani di sfiduciarlo, contando anche sui dubbi nei gruppi parlamentari di Iv sulle mosse di Renzi.

    – di Manuela Perrone

1-10 di 10867 risultati