Persone

Matteo Arpe

Matteo Arpe è un banchiere, azionista di maggioranza del gruppo finanziario Sator, che lui stesso ha contribuito a fondare, e che si occupa di private equity e asset management. In precedenza, fino al 2007 è stato amministratore delegato di Capitalia, dimettendosi dopo la decisione della fusione con UniCredito Italiano. Già nel 2006 Arpe si era opposto alla fusione tra la banca romana e quella milanese. Per bloccare una possibile scalata aveva acquistato il 2% delle azioni di UniCredito, impedendo di fatto l'acquisizione. È stato inoltre nel consiglio di amministrazione di Banca di Roma e Mediobanca e nel comitato esecutivo dell'Associazione bancaria italiana.

Alla carica di amministratore delegato di Capitalia era giunto nel 2003, dopo essere stato in precedenza direttore generale a partire dal 2002. Nel gruppo Banca di Roma era entrato nel 2001 in qualità di amministratore delegato del Mediocredito Centrale. Prima di approdare al Gruppo Banca di Roma aveva lavorato dal 2000 per Lehman Brothers occupandosi dell'area strategic equity a livello europeo.

Gli esordi professionali di Matteo Arpe sono in Mediobanca, dove entra nel 1987 e vi rimane fino al 2000, rivestendo incarichi sempre più importanti fino a quello di direttore centrale della finanza straordinaria.

Nell'estate del 2016 lancia Tinaba, acronimo di "This is not a bank", piattaforma per i pagamenti digitali tramite il Sator Private Equity Fund con un investimento da 30 milioni di euro

Matteo Arpe è laureato in economia aziendale all'Università Bocconi di Milano e dal 2004 è docente a contratto presso la facoltà di economia della LUISS Guido Carli, dove insegna economia delle aziende di credito.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Management | Amministratore delegato | Matteo Arpe | Private equity | Mediobanca | Banca di Roma | Abi | Mediocredito Centrale | Gruppo Banca | This is not a bank | Comitato Esecutivo | Libera Università Internazionale degli Studi Sociali | Bocconi | Guido Carli | Sator |

Ultime notizie su Matteo Arpe

    Aedes, i soci trovano l'accordo. In vendita Siiq immobiliare

    Dopo Beni Stabili, entrata nell'orbita dei francesi di Covivio, un'altra società immobiliare storica di Piazza Affari si prepara a cambiare proprietà. Aedes, sul listino dal 1905 ma diventata Siiq nel 2018, è ufficialmente in vendita, come riporta un comunicato emesso ieri nel quale i soci di

    – di Paola Dezza

    Intesa Federalberghi con Tinaba (Banca Profilo) e Alipay per i turisti cinesi

    Accordo tra Tinaba (Banca Profilo), Alipay e Federalberghi per i turisti cinesi in Italia. Come sottolinea una nota, Tinaba tramite la partnership con Banca Profilo consente ai turisti cinesi di pagare in Italia con il proprio smartphone, il sistema Alipay fa capo ad Ant Financial Services Group,

    – di Vincenzo Chierchia

    Scontro in assemblea ePrice tra Arpe e il fondatore Ainio

    Matteo Arpe non vuole perdere la scommessa che aveva fatto quando ha deciso di investire su Banzai (oggi ePrice). Lo scontro con il socio fondatore Paolo Ainio si fa aperto, "la strategia stand alone è fallita" dice il finanziere che all'assemblea del 16 aprile vuole sostituire la maggioranza del consiglio. Sator, con il 20,8%, candida Moshe Sade Bar (48 anni israeliano, venture capitalist ed esperto di tecnologia) alla presidenza e propone un nuovo piano di crescita che punta su "una fusione co...

    – Carlo Festa

    L'Autre Chose, il fondo Sator sale al 100 per cento

    Il fondo di private equity Sator, fondato da Matteo Arpe, ha acquisito il 100% de L'Autre Chose, azienda marchigiana di calzature e abbigliamento femminile cui fa capo l'omonimo brand e di cui il fondo già dal 2016 deteneva la quota di maggioranza (84%). Confermando così il proprio impegno nello

    Taxi, per i turisti cinesi pagamento con il cellulare

    Da oggi, mercoledì 16 gennaio, i turisti cinesi utenti Alipay potranno pagare direttamente con il cellulare le corse sui taxi associati a URI (Unione Radiotaxi Italiana) nelle principali città turistiche italiane. Lo hanno reso noto Tinaba, Alipay e IT Taxi. L'accordo è al momento operativo in

    Alipay, accordo con Tinaba e Banca Profilo per i pagamenti dei turisti cinesi

    Alipay, la piattaforma di pagamento mobile gestita da Ant Financial, il braccio finanziario di Alibaba, ha concluso una partnership con Tinaba, la app per la gestione del denaro supportata dai servizi finanziari di Banca Profilo, con l'obiettivo di permettere ai sempre più numerosi visitatori

    I grandi soci di Aedes discutono sull'assetto azionario: l'interesse dei fondi per Torino Caselle

    Stanno ragionando sulle clausole del patto statutario i grandi soci di Aedes Siiq, raccolti nella holding Augusto, società che fa capo per il 33% alla Sator di Matteo Arpe, per un altro 33% alla famiglia Amenduni e, infine, alla Praga Holding dell'amministratore delegato Giuseppe Roveda. Il patto di sindacato tra i soci, che complessivamente detengono il 51% di Aedes, è stato prorogato al 2021, ma tra le righe del patto statutario esistono al contrario alcune clusole che prevedono le modalità...

    – Carlo Festa

    I soci di Nextam danno mandato esplorativo a Mediobanca per un partner: contatti con Banca Profilo

    rocede verso un consolidamento il settore del private banking e della gestione dei grandi patrimoni. I riflettori sono ora puntati su Nextam Partners. Secondo indiscrezioni, infatti i soci del gruppo avrebbero affidato a Mediobanca un mandato esplorativo per valutare opportunità di espansione e di partnership, in modo da crescere in un settore dove oggi è importante fare un salto dimensionale, un'esigenza sentita soprattutto per le strutture indipendenti. Con sede a Londra, Milano e Firenze, N...

    – Carlo Festa

    Più peso ai fondi, in Borsa sale la voglia di «ribaltone»

    L'offensiva del fondo Elliott su Tim, per ribaltare gli equilibri in consiglio di amministrazione e incidere sulla governance, arriva a pochi giorni di distanza da quella del fondo Capital Management su Carige per chiedere l'ingresso di propri rappresentanti nel board (richiesta per ora rifiutata).

    – di Alessandro Graziani

    Bancarotta, pene accessorie alla Consulta

    Non convincono la Cassazione le sanzioni per la bancarotta. Tanto da rinviare la questione alla Corte costituzionale. Il dubbio sollevato ieri con la sentenza n. 52613 della Quinta sezione riguarda la durata delle misure accessorie, i 10 anni cioè previsti di inabilitazione all'esercizio di una

    – di Giovanni Negri

1-10 di 314 risultati