Persone

Massimiliano Dona

Massimiliano Dona è nato il 9 settembre del 1970 a Roma ed è l'attuale Segretario generale dell'Unione Nazionale Consumatori.

Laureato con lode in giurisprudenza presso la LUISS Guido Carli, è avvocato del foro di Roma e giornalista pubblicista.

È componente del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti (CNCU) presso il Ministero dello Sviluppo Economico e, su nomina governativa, è rappresentante italiano nel Gruppo Consultivo Consumatori (ECCG) presso la Commissione Europea.

Ha fortemente sostenuto l'introduzione della Class-action in Italia, avvenuta con la Legge 24 dicembre 2007, n. 224 (legge finanziaria per il 2008).

E' stato insignito dell'onorificienza di Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica.

Docente presso la facoltà di Economia dell'Università degli studi di Roma Tre e quella di Giurisprudenza della Università Europea di Roma, tiene lezioni in diversi Master di primo e secondo livello presso l'Università degli studi di Roma "La Sapienza", l'Università degli Studi di Roma Tre e l'Università degli Studi di Siena, sede di Arezzo.

Massimo Dona ha pubblicato diversi lavori, quali "Il Codice del Consumo, regole e significati" (Giappichelli 2005), "Pubblicità, pratiche commerciali e contratti nel Codice del Consumo" (UTET 2008), "I singoli contratti del consumo" (UTET 2008)" e "Diritto dei consumi, soggetti, contratti, rimedi" (con altri, a cura di Liliana Rossi Carleo, Giappichelli 2012) .

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Formazione | Consumo | Massimiliano Dona | Unione Tipografico-Editrice Torinese | Unione Nazionale dei Consumatori | Università degli studi di Siena | Università Europea | Libera Università Internazionale degli Studi Sociali | Ministero dello sviluppo economico | Gruppo Consultivo Consumatori | Italia | Massimo Dona | Liliana Rossi Carleo | Ordine al Merito della Repubblica | Guido Carli | CNCU | Master |

Ultime notizie su Massimiliano Dona

    Voli Ue ancora cancellati per Covid e voucher al posto dei rimborsi, le proteste dei consumatori

    E' evidente, infatti, che tutta la legislazione d'urgenza introdotta dal Governo con il Cura Italia è venuta meno, visto che ora è superata la fase del lockdown e dell'emergenza Covid, che fungevano da presupposto giuridico per la deroga alla normativa europea» rincara la dose Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori.

    – di Andrea Gagliardi

    Palestre, voucher per recuperare i mesi persi solo con nuovo abbonamento

    In pratica, nel momento in cui il legislatore esplicita che il voucher dev'essere «incondizionatamente utilizzabile» è evidente, spiega il presidente dell'Unione nazionale consumatori Massimiliano Dona, che «concedere al consumatore l'utilizzo del voucher in un periodo determinato oppure (come molti operatori stanno facendo) condizionarne la spendibilità all'attivazione di un nuovo abbonamento» rappresenta «una pratica, a nostro avviso, scorretta».

    – di Andrea Gagliardi

    Aumento prezzi, negli scontrini spunta la tassa Covid da 2 a 4 euro

    «Si tratta di una sorta di tassa di sanificazione applicata da parrucchieri, estetisti e alcuni dentisti - spiega il presidente Massimiliano Dona -, una prassi scorretta che si sottrae forse anche da un punto di vista fiscale alla somma dovuta al consumatore».

    – di Andrea Gagliardi

    Sciopero dei benzinai, per due giorni impianti chiusi in autostrada

    Chiudendo gli impianti, sottolinea Massimiliano Dona, presidente Unc, passano comunque "dalla parte del torto". ...– conclude Dona -il Governo avrebbe dovuto convocarli, così da esperire il tentativo obbligatorio di conciliazione previsto dalla legge 146 del '90, per poi adottare l'ordinanza per disporre il differimento dell'astensione collettiva a quando sarà finita l'emergenza coronavirus.

    – di V.N.

    Viaggi, concerti, matrimoni: rimborsi a rischio per 9,6 milioni di italiani

    «Nonostante il Governo ed il Parlamento, per aggirare il problema abbiano ritenuto quelle disposizioni come norme di applicazione necessaria – sottolinea Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori – ci saranno ricorsi e contenziosi ed un giudice potrebbe decidere di disapplicare la norma interna, dando ragione al viaggiatore oppure potrebbe esserci una pronuncia della Corte di Giustizia Ue, con ripercussioni a catena e a ritroso.

    – di Lucilla Incorvati

1-10 di 72 risultati