Ultime notizie:

Marzia Pecorari

    «L'istruzione mi ha salvato la vita»

    La mia famiglia è stata assassinata prima che imparassi ad allacciarmi le scarpe. Da bambino cresciuto in Sierra Leone, gli anni che avrebbero dovuto essere giocosi e spensierati li ho trascorsi combattendo la guerra di altri. Per me l'infanzia è stata un incubo e mi è sempre sembrato impossibile

    – di Mohamed Sidibay

    Alleanza M5S-Pd per ridare peso all'Italia

    L'Unione europea ha più che mai bisogno di unità per affermare i suoi valori e i suoi interessi in un'era in cui la leadership globale statunitense è sull'orlo del crollo, la Cina è in fase di ascesa e la Russia vacilla nuovamente tra la collaborazione e lo scontro con la Ue. Divisa, la Ue è una

    – di Jeffrey Sachs

    Le quattro ragioni del budget Ue

    E' tempo della stagione teatrale dell'Unione europea. Lo spettacolo, intitolato "negoziazioni sul budget", va in scena ogni sette anni e mette i consumatori della Ue contro i risparmiatori, i donatori contro i beneficiari e i riformisti contro i conservatori. Una volta che gli attori esauriscono i

    – di Jean Pisani-Ferry *

    E' tempo di una rivoluzione centrista

    Il centro della politica occidentale è noto come un'area di pragmatismo, ragionevolezza ed evoluzione in cui gli attori politici si astengono dagli estremi e cercano compromessi. Dato che i politici di centro non credono nella retorica urlata e che crea divisioni, hanno assunto una visione de haut

    – di Tony Blair

    Perché con Thaler inizia una rivoluzione

    Il vincitore del Premio Nobel per l'Economia, Richard Thaler, dell'Università di Chicago, è una scelta controversa. Thaler è noto per la sua ricerca di un'intera vita sull'economia comportamentale (e sul suo sottocampo, ovvero la finanza comportamentale), che è lo studio dell'economia (e della

    – di Robert J. Shiller

    La Cina di oggi simile alla Thailandia del '97

    Questo mese si celebra l'anniversario della crisi finanziaria asiatica o più precisamente, dell'evento che il 2 luglio 1997 provocò la crisi: la svalutazione del baht thailandese. Se da un lato questi anniversari non sono motivo di festeggiamento, dall'altro offrono l'opportunità di guardare al

    – di Barry Eichengreen

    Il G20 di Amburgo e il globalismo come capro espiatorio

    Il vertice del G20 di quest'anno ad Amburgo promette di essere tra i più interessanti degli ultimi anni, soprattutto perché è il primo G20 a cui parteciperà il Presidente statunitense Donald Trump che disprezza con estremo orgoglio la cooperazione internazionale e il multilateralismo.

    – di Dani Rodrik

    I Paesi in via di sviluppo hanno bisogno di medici, prima che di cliniche

    Spesso i donatori, come la Banca Mondiale e l'Organizzazione Mondiale della Sanità, esortano i Paesi in via di sviluppo a investire nei sistemi sanitari nazionali. Ma se da un lato affrettarsi a costruire delle cliniche e altre strutture mediche nelle regioni piu remote potrebbe sembrare un

    – di Samuel Kargbo

    L'importanza dei vaccini e il ruolo della sanità pubblica in Asia

    A seguito dell'epidemia di morbillo che si sta diffondendo in tutta Europa e nella parte centro-occidentale degli Stati Uniti e dell'infezione di meningite esplosa tra gli studenti universitari statunitensi, gli esperti della sanità stanno facendo quello che non avrebbero mai pensato di dover fare

    – di Zulfiqar A. Bhutta e Naveen Thacker

    Malattie infettive: non c'è più tempo da perdere

    I leader e gli investitori del business globale sono paralizzati da due tipologie di rischio: il rischio macroeconomico e quello politico. Nel breve termine ciò implica una focalizzazione sull'imminente rialzo dei tassi della Federal Reserve statunitense e sulle imminenti elezioni in Francia e

    – di Dambisa Moyo

1-10 di 243 risultati