Persone

Martin Schulz

Martin Schulz è un politico tedesco nato il 20 dicembre 1955 a Hehlrath, eurodeputato ha fatto parte parte del gruppo dell'Alleanza progressista di Socialisti e Democratici . Presidente del Parlamento europeo dal 17 gennaio 2012 al 2014 e poi rieletto nuovamente nel 2014. Ha ricoperto questo ruolo fino al 18 gennaio 2017 quando ha passato le consegne al neoletto Antonio Tajani. Candidato alle politiche del suo Paese del 24 settembre 2017, dopo che il suo partito Spd ha ottenuto il 20,8% dei voti (il peggior risultato della storia) ha annunciato che uscirà dalla Grosse Koalition e andrà all’opposizione.

Di professione libraio ha intrapreso da giovane la carriera politica in Germania. A 19 anni si iscrive al partito socialdemocratico e muove i suoi primi passi nella politica locale come consigliere comunale, poi come sindaco della piccola cittadina di Würselen (1987-1998) per approdare a diventare membro della direzione nazionale e dell'ufficio di presidenza del SPD. Nel 1994 diventa deputato al Parlamento europeo e nel 2004 presidente del gruppo PSE fino al 2012.

Nel 2003 ha fatto parlare di sè per il duro scambio di battute e accuse durante la seduta del Parlamento con Silvio Berlusconi, che allora era presidente di turno del Consiglio UE e lo appellò come kapò. Altri episodi simili si sono registrati con Marine Le Pen e Nagel Farage.

Il 24 novembre 2016 Schulz ha annunciato che non si ricandiva alla guida del Parlamento Europeo per la terza volta perché preferiva dedicarsi alla carriera politica in patria. Il 24 gennaio 2017 a seguito della rinuncia di Sigmar Gabriel, leader dell’SPD, alla candidatura alla cancelleria, Martin Shulz è diventato lo sfidante della Merkel alle elezioni politiche.

Schulz è sposato e ha due figli e parla, oltre al tedesco, francese, inglese, olandese e italiano.

Ultimo aggiornamento 25 settembre 2017

Ultime notizie su Martin Schulz

    In Calabria il meeting degli operatori turistici tedeschi con Schulz e Müller

    Sono parole di Martin Schulz, ex presidente del Parlamento europeo, deputato del Bundestag tedesco, a Reggio Calabria in occasione del primo meeting italiano di Drv, la federazione tedesca dell’industria del viaggio con 68 anni di storia. ... E Martin Schulz rincara la dose, rievocando l'Unione per il Mediterraneo voluta nel 2008 dal presidente francese Nicolas Sarkozy, un'iniziativa dimenticata che avrebbe potuto dare un contributo decisivo alla cooperazione.

    – di Donata Marrazzo

    Gli operatori turistici tedeschi sbarcano in Calabria

    E Martin Schulz, l'ex presidente del Parlamento Europeo e attuale deputato del Bundestag tedesco. ... Fra i relatori di Drv anche Schulz che parlerà del futuro dell'istituzione europea, con un intervento dal titolo “l'Europa a un punto di svolta: Brexit, nazionalizzazione e difesa di una società aperta”.

    – di Donata Marrazzo

    Germania, chi è la nuova leader della Spd e le difficili sfide che l'attendono

    La nuova leader della SpdAndrea Maria Nahles per l'anagrafe è nata 47 anni fa a Mendig, una piccola cittadina al di sotto dei 10mila abitanti nel land della Renania-Palatinato ed è residente "da una vita" nell'ancor più piccolo villaggio di Weiler, sull'altopiano Eifel, nella fattoria dei nonni

    – di Isabella Bufacchi

    Germania: Nahles eletta prima presidente Spd con il 66,3%

    Andrea Nahles è stata eletta presidente dei socialdemocratici tedeschi con il 66,35% dei consensi. E' la prima donna che raggiunge questo incariconell'Spd. Nahles ha ottenuto 414 voti dei 624 validi, mentre la sua avversaria, Simone Lange, ne ha conquistati 172. Le astensioni sono state 38.

    Perché in Italia è impossibile seguire la GroKo tedesca

    Elefanti, 18 comitati e 90 esperti, due accordi - uno preliminare di 28 pagine e uno finale di 177 - votazioni in due riprese di centinaia di delegati, o centinaia di migliaia di tesserati di tre partiti. Il contratto "alla tedesca" firmato da Cdu-Csu e Spd per formare la Grande Coalizione è il

    – di Isabella Bufacchi

    Sinistra anno zero: perché ha perso il popolo e chi la sta sostituendo

    Nel bene e nel male, Matteo Renzi ha lasciato il segno due volte nella storia del Pd. Nessuno era riuscito a portare il centrosinistra così in alto e così in basso, dalla vertigine del 40% alle europee del 2014 al crollo sotto al 20% alle politiche del 4 marzo. Un'emorragia di cinque milioni di

    – di Alberto Magnani

    GroKo, in Germania la Spd annuncia i suoi ministri

    La squadra dei sei ministri socialdemocratici è pronta per mettersi al lavoro nella Grande Coalizione, per la terza volta con Cdu-Csu. La Spd, junior partner nella GroKo indebolito da una forte crisi interna e dal crollo del suo elettorato, ha annunciato questa mattina i nomi dei suoi membri

    – di Isabella Bufacchi

    La GroKo può partire, ma i dubbi restano all'orizzonte

    Sulla soglia del precipizio dell'autodistruzione, la base della Spd, il partito socialdemocratico tedesco, ha fatto un passo indietro, dando il via libera alla nascita della grande coalizione. Il voto favorevole dei due terzi, più alto delle previsioni della vigilia, ma più basso dei tre quarti di

    – di Alessandro Merli

    Annegret Kramp-Karrenbauer: chi è l'erede al «trono» della Merkel

    Tra i tanti a trattenere il respiro sull'esito del voto per posta dell'Spd sulla GroKo c'è Angela Merkel, già molto indebolita nel suo partito e contestata per aver fatto troppe concessioni ai Socialdemocratici pur di tenere in piedi a tutti costi la sua terza Grande Coalizione. Tra le tante

    – di Isabella Bufacchi

1-10 di 488 risultati