Martin Feldstein, nato nel 1939, è un economista statunitense seguace delle dottrine neoclassiche.

Laureato ad Harvard nel 1961 ha conseguito il Ph.D. alla Università di Oxford nel 1967. E' professore di Economia all'Università di Harvard e Presidente emerito del National Bureau of Economic Research (Nber), istituto indipendente di studi economici e sociali che ha guidato dal 1977 al 1982 e poi ancora dal 1984 al 2008.

Tra il 1882 ed il 1984 Martin Feldstein è stato consigliere economico del Presidente degli Stati Uniti d'America Ronald Reagan, nonché capo del Council of Economic Advisers.

Attualmente è membro del board della Eli Lilly & Company, società attiva nel settore farmaceutico.

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 09 aprile 2019
    Ma la difesa comune resterà sulla carta

    Commenti e Idee

    Ma la difesa comune resterà sulla carta

    L’Unione europea sta attraversando una grave crisi di credibilità internazionale e di fiducia interna. Dispone, certo, di significativi strumenti geoeconomici: l’euro è la seconda moneta globale e il suo commercio è superiore a quello degli altri Stati-continente. Eppure la Ue non riesce a dotarsi

  • 06 novembre 2018
    L’economia Usa corre. Ma il merito di chi è?

    Notizie

    L’economia Usa corre. Ma il merito di chi è?

    Dire che le elezioni di metà mandato negli Usa sono una sorta di referendum sul presidente e che il partito di quello in carica ottiene buoni risultati quando gli indicatori economici sono positivi è un’ovvietà. Nell’era di Donald Trump, invece, questa regola – come molte altre, d’altronde – viene

  • 13 giugno 2018
    Perché il Fmi chiede all’Argentina di smettere di stampare moneta

    Finanza e Mercati

    Perché il Fmi chiede all’Argentina di smettere di stampare moneta

    Quasi un anno fa l’Argentina piazzava sui mercati il suo primo «Matusalem bond» con scadenza a 100 anni raccogliendo dagli investitori ben 2,75 miliardi di dollari. Il collocamento allora fu salutato positivamente come un segnale di ritrovata fiducia dei mercati nel Paese e nel governo del

  • 06 febbraio 2018
    La promessa mancata di Trump

    Commenti e Idee

    La promessa mancata di Trump

     Poco più di un anno fa, sotto un cielo grigio e di fronte a una folle esigua, Donald Trump ha prestato giuramento come presidente degli Stati Uniti. Nel suo discorso di insediamento, promise che, «Ogni decisione sul commercio, sulle tasse, sull’immigrazione, sugli affari esteri, verrà presa a

  • 10 dicembre 2017
    Economisti conservatori senza una visione critica

    Commenti e Idee

    Economisti conservatori senza una visione critica

    In un incontro a cui ho preso parte di recente c’è stato un ex alto funzionario che ha fatto un’ottima domanda: c’è qualche economista repubblicano di primo piano che abbia preso posizione con nettezza di fronte alla terrificante riforma fiscale, inutile e dannosa, che il loro partito ha fatto

  • 04 agosto 2017
    Il futuro del commercio tra leader populisti e capri espiatori

    Notizie

    Il futuro del commercio tra leader populisti e capri espiatori

    Con l’ampio incoraggiamento da parte del presidente Usa Donald Trump e di altri demagoghi populisti, la paura pubblica della globalizzazione è diventata una delle questioni dominanti del nostro tempo. Tra tutte le molteplici manifestazioni della globalizzazione, i populisti hanno preso di mira gli

  • 30 giugno 2017
    QE, bolle, alto debito, populismo, rischi geopolitici: come investire nel  “nuovo normale” con tassi al rialzo

    Notizie

    QE, bolle, alto debito, populismo, rischi geopolitici: come investire nel “nuovo normale” con tassi al rialzo

    La crescita globale è “soddisfacente”, attorno al 3,5% nel 2017, e non soltanto per gli effetti della liquidità abbondante del QE e i tassi bassi molto accomodanti: il progresso tecnologico sta andando avanti ed è un acceleratore dello sviluppo economico, il commencio mondiale tiene. “Dobbiamo

  • 16 maggio 2017
    Euro, the big defeat for the economics profession

    Commenti e Idee

    Euro, the big defeat for the economics profession

    The euro has been the greatest success of economic science but is becoming the most humiliating defeat for the economics profession. I thank Il Sole 24 Ore for it openness in allowing me to set forth and discuss a paradox that concerns us all, economists or otherwise, in the framework of a

  • 12 maggio 2017
    I salari e la questione irrisolta dell’euro

    Notizie

    I salari e la questione irrisolta dell’euro

    L’euro è stato il più grande successo della scienza economica, ma sta diventando la più umiliante sconfitta per la professione economica. Ringrazio il Sole 24 Ore, che mi permette, con apprezzabile spirito di apertura, di esporre e discutere nel quadro di un dibattito autorevole un paradosso che ci

  • 28 aprile 2017
    Reconsidering the Euro for Italy

    Commenti e Idee

    Reconsidering the Euro for Italy

    Although Italy was an enthusiastic adopter of the euro when the single currency began, the Italian experience of the past decade suggests that was a mistake. Real GDP in Italy is actually lower now than it was a decade ago. Italy’s unemployment rate exceeds 11% and the ratio of its government debt

  • 27 aprile 2017
    Lasciare l’euro? Ora sarebbe complicato

    Commenti e Idee

    Lasciare l’euro? Ora sarebbe complicato

    Quando nacque la moneta unica europea, l’Italia la adottò con entusiasmo, ma l’esperienza dell’ultimo decennio fa ritenere che si sia trattato di un errore. Il Pil reale in Italia è più basso di dieci anni fa, la disoccupazione è al di sopra dell’11% e il debito pubblico ormai supera il 130% del

  • 14 marzo 2017
    La stagione delle promesse è finita

    Commenti e Idee

    La stagione delle promesse è finita

    L’agenda di politica economica di Donald Trump durante la campagna presidenziale americana del 2016 è stata un test di Rorschach a livello politico: dove i suoi sostenitori vedevano un nuovo e audace progetto per realizzare una crescita robusta e maggiore prosperità, molti altri negli Stati Uniti e

  • 06 marzo 2017
    Da dove vengono (e dove ci porteranno) i nuovi populismi

    Commenti e Idee

    Da dove vengono (e dove ci porteranno) i nuovi populismi

    Nell’ultimo anno, il populismo ha gettato nello scompiglio le democrazie occidentali. Forze populiste diverse, sotto forma di partiti, leader e idee, hanno contribuito alla vittoria dei sostenitori della Brexit nel referendum britannico sulla permanenza nell’Ue e all’elezione di Donald Trump alla

  • 27 febbraio 2017
    Trump affila le armi sul commercio e si prepara ad agire fuori dalla Wto

    Mondo

    Trump affila le armi sul commercio e si prepara ad agire fuori dalla Wto

    Washington affila le armi per difendere le proprie imprese dalla «concorrenza sleale» di Cina, Messico e degli altri Paesi «che rubano posti di lavoro all’America», in linea con l’aggressiva politica commerciale teorizzata da Donald Trump e dai più “falchi” tra i suoi consiglieri. Secondo quanto

  • 15 febbraio 2017
    «Border tax»: ecco l’arma letale di Donald Trump

    Mondo

    «Border tax»: ecco l’arma letale di Donald Trump

    Il nome è burocratico e inoffensivo: border adjustment tax. Imposta di aggiustamento alla frontiera, o in breve tassa di frontiera. Bat, che per assonanza e agli occhi dei suoi fautori sembra molto vicina alla Vat, l’Iva comune in Europa. E invece minaccia di essere una della armi più taglienti - e

  • 24 gennaio 2017
    La via trumpiana al capitalismo

    Commenti e Idee

    La via trumpiana al capitalismo

    L’insediamento di Donald Trump da 45esimo Presidente degli Stati Uniti viene largamente visto come l’inizio della fine dell’ordine capitalistico post-1945 che dominò a livello globale dalla fine della Guerra Fredda. Ma è possibile che il Trumpismo sia di fatto la fine dell’inizio? La vittoria di

  • 15 dicembre 2016
    E se fosse l’inizio della fine dell’Occidente?

    Commenti e Idee

    E se fosse l’inizio della fine dell’Occidente?

    «Se la vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti è stato un terremoto, allora il periodo di transizione che conduce al suo insediamento il 20 gennaio sembra un allarme tsunami», sostiene l’ex ministro degli Esteri spagnolo, Ana Palacio. Ma i campanelli d’allarme sono

    E se fosse l’inizio della fine dell’Occidente?

    Commenti e Idee

    E se fosse l’inizio della fine dell’Occidente?

    “Se la vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti è stato un terremoto, allora il periodo di transizione che conduce al suo insediamento il 20 gennaio sembra un allarme tsunami”, dichiara l’ex ministro degli Esteri spagnolo, Ana Palacio. Ma i campanelli d’allarme sono

  • 05 dicembre 2016
    Gli stimoli repubblicani: più Reagan che Keynes

    Commenti e Idee

    Gli stimoli repubblicani: più Reagan che Keynes

    Fin dal momento in cui Donald Trump ha vinto le elezioni presidenziali, la stampa e i mercati finanziari si sono concentrati sulla sua proposta di tagliare le tasse e spendere mille miliardi di dollari in infrastrutture nei prossimi dieci anni. L’aspettativa che queste politiche sospingano la

  • 17 novembre 2016
    Cosa farà Trump?

    Commenti e Idee

    Cosa farà Trump?

    Tutti i presidenti americani salgono al potere – e lo esercitano – raggruppando e sostenendo un’ampia coalizione di elettori con interessi riconoscibili. Donald Trump non è un’eccezione. La sbalorditiva vittoria elettorale di Trump, seguita a una campagna populista che si è concentrata sulle