Persone

Mario Mauro

Mario Mauro è un politico e accademico italiano.Vicepresidente del Parlamento Europeo dal 2004 al 2009 e capo della delegazione del PDL nel Parlamento Europeo dal 2009 al 2013, è attualmente ministro della Difesa del Governo Letta.

Nel 2009 riceve la nomina a rappresentante personale della presidenza dell’OCSE contro il razzismo, la xenofobia e le discriminazione in virtù del grande impegno profuso su questi temi al Parlamento europeo.

Oltre ad essere un esponente di spicco del PPE a livello europeo, è anche una delle figure più importanti del PDL. Dal 2000 al 2006 è stato responsabile nazionale del dipartimento università e ricerca di Forza Italia e oggi è a capo del dipartimento università di Forza Italia.
Nella precedente legislatura europea, dal 2004 al 2009, Mario Mauro è stato anche vicepresidente del Parlamento europeo, interessandosi in particolare per la promozione della libertà religiosa e dei diritti umani.

Nella legislatura 1999-2004 è stato vice presidente della commissione cultura ed educazione del Parlamento europeo, facendosi promotore e relatore del programma E-Learning e del programma Erasmus Mundus. Già in questo mandato Mauro si era battuto per i diritti umani e la libertà religiosa, viaggiando in tutto il mondo per sostenere la causa. All'attività di parlamentare Mario Mauro affianca quella di docenza: dal 2008 insegna presso l'Università Europea di Roma "Diritti fondamentali dell'uomo nel diritto naturale e nelle convenzioni internazionali" e "Storia delle istituzioni europee".

Nel Gennaio 2013 lascia il Pdl ed aderisce al partito Scelta Civica di Mario Monti; nello stesse mese si dimette ufficialmente da capo delegazione del Pdl all'Europarlamento e dal partito.

Dal 28 Aprile 2013 è ministro della Difesa nel governo Letta.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Parlamento europeo | Mario Mauro | PDL | Mario Monti | Ocse | Università Europea | Scelta Civica | Governo Letta | FI |

Ultime notizie su Mario Mauro

    Molise: rivincita Fi grazie alle liste locali, l'accordo Pd-Leu non paga

    Rivincita di Forza Italia, grazie alle liste locali, che scongiura il sorpasso della Lega. La ritrovata alleanza tra Pd e Liberi e Uguali non paga, con la colazione di centrosinistra che prende meno voti rispetto alle politiche (quando i due partiti si erano presentati divisi). Il M5S conferma la

    – di Andrea Marini

    Ecco perché il voto in Molise è importante per la nascita del nuovo governo

    Occhi puntati sul Molise. Oggi 313.253 elettori (di cui 78.361 residenti all'estero) sono chiamati alle urne per eleggere il presidente della Giunta e per rinnovare il Consiglio regionale. Si vota in 136 comuni nelle province di Campobasso ed Isernia. Le urne resteranno aperte dalle 7 alla 23.

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    Molise al voto: M5S e Lega alla resa dei conti con un occhio al governo

    Quattro candidati governatori, 16 liste e oltre 300 aspiranti consiglieri regionali. E' questa la mappa del voto regionale in Molise di domenica prossima. Un voto destinato ad avere un peso anche sugli assetti politici nazionali, in vista della formazione del futuro governo. Al leader M5s Luigi Di

    – di A. Gagliardi e A. Marini

    Molise, il centrodestra prova la rimonta con 180 candidati consiglieri

    Se si guarda alle politiche del 4 marzo, le regionali in Molise sembrerebbero già chiuse. Poco più di un mese fa, i 5 stelle hanno staccato tutti gli altri partiti, incassando il 44,8% dei voti, con il centrodestra che si è fermato al 29,8% e il centrosinistra al 18,1% (senza Leu, che ha raccolto

    – di A. Gagliardi e A. Marini

    Pre-incarico a Bersani che non trova la maggioranza

    Il 22 marzo 2013 Pier Luigi Bersani riceve un pre-incarico dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a formare un Governo, verificando l'esistenza di una maggioranza stabile alla Camera e al Senato. Maggioranza che Bersani non trova. Il 28 marzo 2013 Napolitano annuncia di voler cercare

    Editoria: ok Senato con 154 sì, torna alla Camera

    Via libera da parte dell'Aula del Senato al ddl sull'editoria. I sì sono stati 154, 36 i no e 46 gli astenuti. Il provvedimento, dopo le modifiche apportate da palazzoMadama, torna in terza lettura all'esame della Camera.

    Il Pd blinda Alfano, ma la fronda Ncd minaccia crisi

    La grancassa per le dimissioni di Angelino Alfano è partita.«Si dimetta oggi stesso, le intercettazioni lo inchiodano» tuonano i capigruppo pentastellati di Camera e Senato Laura Castelli e Stefano Lucidi. Sulla stessa lunghezza d'onda anche Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Il governo vacilla. E

    – di Barbara Fiammeri

    Emendamento Regeni, stop del Senato alle forniture per F-16 all'Egitto

    Via libera del Senato al ddl di conversione in legge del decreto di proroga delle missioni internazionali. Il sì dell'Aula di Palazzo Madama giunge con 158voti favorevoli, 30 voti contrari e 12 astenuti. Il provvedimento, che passa ora all'esame della Camera, contiene il cosiddetto «emendamento

1-10 di 321 risultati