Persone

Mario Draghi

Mario Draghi è nato il 3 settembre del 1947 a Roma ed è un economista e presidente della Bce.

Ha ricoperto diversi incarichi, tra cui quello di Governatore della Banca d'Italia fino a ottobre 2011. Dal 1 novembre 2011 è presidente della Banca Centrale Europea (la carica dura 8 anni).

Alla nomina a governatore Draghi arriva nel 2006, succedendo al discusso predecessore Antonio Fazio.

Draghi fa anche parte del Consiglio direttivo della Banca centrale europea ed è consigliere della Banca dei regolamenti internazionali. Dal 2006 è anche presidente del Financial Stability Board, un organo internazionale che si occupa della vigilanza sui mercati finanziari per garantirne la stabilità.

Rappresenta inoltre l’Italia in numerosi altri organi internazionali.

Precedentemente, nel 1998, aveva contribuito grandemente al testo unico della finanza, che peraltro porta il suo nome (legge Draghi) e che attua una riforma del sistema finanziario italiano. Dal 1991 al 2001, è stato Direttore generale del Tesoro e dal 1993 al 2001 presidente del comitato per le liberalizzazioni. Tra il 1984 ed il 1990 è stato direttore esecutivo della Banca Mondiale.

Nei diversi anni ha ricoperto incarichi importanti anche in aziende e banche, quali l'IRI, la Banca nazionale del lavoro e l'Eni.

Dal 2002 è stato anche vicepresidente per l'Europa di Goldman Sachs. Prima di approdare a questo genere di incarichi Mario Draghi è stato per diversi anni docente universitario in diverse università, tra cui Venezia e Firenze.

Nel 1976 ha conseguito il dottorato negli Stati Uniti, presso il Massachussets Institute of Technology, dove ha collaborato anche con Franco Modigliani.

Mario Draghi è stimato come grande economista in tutto il mondo, anche in Italia riesce a riscuotere l'approvazione di tutte le forze politiche, economiche e sindacali.

Nel 2011 succede a Jean-Claude Trichet diventando Presidente della Banca centrale europea.

Il 31 dicembre del 2012 è stato nominato uomo dell'anno dai quotidiani inglesi Financial Times e The Times. Il riconoscimento è stato motivato con l'abilità dimostrata da Draghi nel gestire la crisi del debito sovrano europeo, nell'estate del 2012, evitando che la crisi finanziaria in atto contaggiasse le grandi economie come quella spagnola ed italiana.

Il suo nome è legato al lancio del noto "Quantitative easing", provvedimento con cui la la Banca Centrale Europea si è impegnata ad acquistare (dal 22 gennaio del 2015 fino al settembre del 2016) titoli di stato dei paesi dell'Eurozona per un controvalore di 60 miliardi di euro.

Mario Draghi è stato insignito di diversi titoli ed onorificienze:

— Laurea honoris causa in "Scienze statistiche" (Università degli studi di Padova, 18 dicembre 2009);

— Master honoris causa in "Business Administration" (Fondazione CUOA, 18 giugno 2010);

— Laurea honoris causa in "Scienze Politiche e Relazioni Internazionali" (LUISS Guido Carli, 6 maggio 2013);

— Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 27 dicembre 1991);

— Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 5 aprile 2000).

E' sposato con Serena dal 1973, dalla loro unione sono nati due figli, Giacomo e Federica.

Ultimo aggiornamento 21 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Governo | Bce | MIT | Antonio Fazio | Jean-Claude Trichet | Banca Mondiale | Bri | Ministero del Tesoro | Eni | Libera Università Internazionale degli Studi Sociali | Franco Modigliani | Mario Draghi | Guido Carli | FBS | Goldman Sachs | Fondazione CUOA | Istituto per la ricostruzione industriale | Roma |

Ultime notizie su Mario Draghi

    Si avvicina la corsa al Colle: da Prodi al Mattarella bis, ecco i primi nomi

    In corsa anche Dario Franceschini, Mario Draghi, Marta Cartabia, Elisabetta Casellati, Pier Ferdinando Casini, Giuseppe Conte, Paolo Gentiloni, Enrico Letta e Walter Veltroni. ... Da Romano Prodi a Dario Franceschini, passando per Mario Draghi, Marta Cartabia, Elisabetta Casellati, Pier Ferdinando Casini, Giuseppe Conte, Paolo Gentiloni, Enrico Letta e Walter Veltroni. ... In questa ottica rientra una figura di garanzia come l'ex presidente della Bce Mario Draghi, che ha estimatori anche...

    – di Andrea Marini

    Mes, ecco perché il M5S è contrario

    Si contestava che l'Italia dovesse contribuire al Fondo con 15 miliardi, costringendola a ricorrere al mercato («Cominciamo un processo di salvataggio indebitandoci ulteriormente e pagando interessi elevati»), si attaccava il piano di rientro dal prestito come «strozzinaggio applicato agli Stati», si criticavano Mario Monti e Mario Draghi, si disapprovava la regola del pareggio di bilancio in Costituzione approvata ad aprile di quell'anno.

    – di Manuela Perrone

    Perché il «whatever it takes» di Draghi diventa una nuova voce della Treccani

    Il «whatever it takes» di Mario Draghi, il costi quel che costi per salvare l'euro, diventa una voce della Treccani. ... Il whatever it takes è la frase con cui Draghi, presidente della Bce, salva l'euro dagli artigli della speculazione. ... Draghi spiazza l'uditorio e la sua pericolosissima aria di supponenza.

    – di Alberto Orioli

    Teniamoci stretto il bazooka della Bce

    E tutti avevamo ricordato con nostalgia il suo predecessore: quel Mario Draghi che, a suo tempo, aveva preso altrettanto di petto la crisi greca intervenendo con il "quantitative easing" che assomigliava molto a quello adottato oggi.

    – di Giancarlo Mazzuca

    Gli spread secondo Lagarde e i 100 fantastiliardi del Tesoro

    Non deve essere sottovalutato il fatto che a fronte del peggioramento delle prospettive di inflazione, con l'inflazione di fondo a medio termine che è prevista ancora ben sotto il mandato del 2%, non si sia fatto ricorso ad un ampliamento del programma quantitive easing ereditato da Mario Draghi, il PSPP, ma a quello pandemico.

    – Francesco Lenzi

    La cultura del torcicollo all'italiana è la ricetta perfetta per il disastro

    Dopo averci salvato una volta con le parole dell'italiano atipico Mario Draghi, anche in assenza della famigerata unità politica, hanno dimostrato di saper agire in modo efficace e tempestivo e, grazie alla storica apertura della Germania, prontamente recepita dalla proposta Next Generation Eu della Commissione Europea, di poter attivare anche importanti meccanismi di solidarietà che consentano ai paesi più forti di aiutare quelli più deboli in situazioni di emergenza.

    – Massimo Famularo

    Così la Bce fa incetta di BTp. A fine 2020 controllerà il 20% del debito italiano

    «La quota del debito delle amministrazioni pubbliche italiane detenuta dalla Bce e dalla Banca d'Italia potrebbe essere ben al di sopra del 20% entro la fine del 2020» conferma Dennis Shen, analista capo per l'Italia di Scope Ratings, che mette a confronto questo dato con il circa 18% della fine del 2019 e il 5% precedente l'inizio del piano di riacquisti del marzo 2015 targato Mario Draghi.

    – di Maximilian Cellino

    Bankitalia chiede un nuovo contratto sociale per uscire dalla grande crisi

    Draghi in platea In prima fila a palazzo Koch, dietro la mascherina, si scorge Mario Draghi, figura tanto discreta dopo la sua uscita dalla Bce - a parte la lettera al Financial Times in cui ha tracciato la strada di intervento con l'attivazione senza timori dei debiti pubblici, cosa che sta avvenendo con l'azione della Commissione Ue - quanto evocata per una prospettiva politica nazionale.

    – di Davide Colombo e Carlo Marroni

1-10 di 7443 risultati