Ultime notizie:

Mario Centeno

    Deficit, il rischio potenziale di superare l'asticella del 2%

    Se il ministro dell’Economia, Giovanni Tria nella riunione informale dell’Eurogruppo a Vienna, ha rassicurato ieri nuovamente i suoi interlocutori istituzionali della Commissione, dal vice presidente Valdis Dombrovskis al commissario agli Affari economici Pierre Moscovici e al presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno, vuol dire che la trattativa è in atto e i margini possono aprirsi.

    – di Dino Pesole

    Atene fuori dal piano di aiuti, ma austerità e problemi non sono finiti

    Ad annunciare con soddisfazione la sua raggiunta virtuale “disoccupazione” è stato oggi il presidente dell'European Stability Mechanism, Mario Centeno, nel dichiarare che Atene ha concluso «con successo» il terzo memorandum, senza necessità di programmi follow-up: «Questo risultato è stato possibile grazie allo sforzo straordinario del popolo greco, alla buona cooperazione con l'attuale governo e al supporto dei partner europei attraverso prestiti e sollievo sul debito», ha detto.

    – dal nostro inviato Stefano Carrer

    Il Fondo salvastati "pronto a un ruolo maggiore", ma senza piani in corso

    Il Fondo salvastati ( Esm - European Stability Mechanism) è pronto ad assumere un ruolo maggiore per rafforzare l'Eurozona e a "contribuire a rendere l'Unione economica e monetaria più forte": lo ha sottolineato il managing director dello stesso Esm , Klaus Regling, alla presentazione del rapporto

    – di Stefano Carrer

    Fumata nera sul taglio del debito greco, si tratta per un allungamento delle scadenze

    Ancora una "fumata nera" al G7 canadese sul taglio del debito greco, ma i colloqui tra Fmi ed eurozona continuano in vista dell'incontro del 21 giugno a Bruxelles. Ma andiamo con ordine. «I creditori della zona euro raggiungeranno un accordo di riduzione del debito per la Grecia che sarà credibile

    – di Vittorio Da Rold

    La scommessa di Tsipras: aumentare i salari e creare una banca di sviluppo

    Il ministro delle Finanze greco, Euclide Tsakalotos, studi economici a Oxford e inglese eccellente, ha disegnato ai suoi colleghi dell'eurozona riuniti a Sofia in Bulgaria il futuro prossimo di Atene quando sarà uscita il 20 agosto dal terzo piano di aiuti e dalla quarta revisione delle riforme di

    – di Vittorio Da Rold

    Padoan: «Per l'Europa l'Italia è un elemento di incertezza»

    «Penso che il Pd debba prendere atto dei risultati, cosa che mi pare abbia fatto, e collocarsi all'opposizione. Ci sono altri partiti che hanno vinto e credo sia nel gioco democratico offrire una soluzione di governo al paese». Al termine della riunione dell'Ecofin il ministro dell'Economia Pier

    – di Nicola Barone

    Un politico alla Bce: chi è Luis De Guindos, il nuovo vice di Draghi

    Non è un tecnico ma nemmeno un uomo di partito. E' da sette anni un ministro chiave del governo spagnolo. E più ancora, Luis de Guindos è un politico che sa come funziona l'economia e sa come muoversi tra i consigli di amministrazione delle banche e dei grandi gruppi, non solo spagnoli. Sarà lui il

    – di Luca Veronese

    Bce, lo spagnolo de Guindos favorito per la vicepresidenza

    Entra nel vivo la corsa alla successione del portoghese Victor Constancio, vicepresidente della Banca centrale europea. Il ministro dell'Economia spagnolo, Luis de Guindos Jurado, ha di fatto formalizzato la sua candidatura dichiarando di essere «fiducioso» sulla possibilità che gli venga offerta

    – di Riccardo Sorrentino

    Grecia: aiuti per 6,7 miliardi ma dopo le riforme

    I ministri dell'Eurogruppo hanno raggiunto «l'accordo politico» sulla conclusione della terza verifica sul programma di aiuti alla Grecia. Lo ha annunciato il neo-presidente Mario Centeno che ha informato anche sull'avvio del lavoro tecnico per valutare la sostenibilità del debito ellenico. Manca

    Il sogno tedesco, un Fondo monetario Ue sorvegliante del debito (una proposta dell'Ifo)

    L'evoluzione dell'European Stability Mechanism in Fondo monetario europeo preconizzato anche dalla Commissione Ue ha almeno due aspetti negativi: il primo è che l'esistenza di fondi anti-crisi permanenti indebolisce gli incentivi degli Stati "a prevenire le crisi", il secondo è l'estensione dei poteri della Commissione europea. Invece si dovrebbe procedere nella direzione del coinvolgimento dell'Esm nella supervisione delle politiche di bilancio, innanzitutto trasferendo la vigilanza sul risp...

    – Antonio Pollio Salimbeni

1-10 di 24 risultati