Persone

Mariano Rajoy

Mariano Rajoy è un politico spagnolo, che riveste la carica di presidente del governo di Madrid dal 2011, presidente del Partito Popolare. Membro del Congresso dei deputati, e stato più volte ministro.

Mariano Rajoy si è laureato in Diritto all’Università di Santiago di Compostela e successivamente si è dedicato all’attività politica, entrando nelle fila di Alleanza Popolare (partito che è poi diventato l’attuale Partito Popolare). Alle regionali del 1981, Rajoy è stato eletto deputato dell'Assemblea regionale. Nel 1986 è entrato al Congresso dei Deputati nel collegio di Pontevedra, ma ha rinunciato all'incarico per assumere quello di Vicepresidente della Giunta di Galizia. Nel 1990, con l'elezione di José María Aznar a candidato del PP, Rajoy è diventato vicesegretario generale del partito ed è stato rieletto al Parlamento. Nel 1996, con l'insediamento di Aznar come Presidente spagnolo, Rajoy è stato eletto Ministro dell'Amministrazione pubblica e nel 1999 ha preso il dicastero della Pubblica Istruzione e della Cultura. L’anno successivo è stato nominato dal riconfermato Aznar primo Vicepresidente e Ministro della Presidenza, incarico che ha mantenuto fino al 2003 come Ministro degli Affari Interni. Dopo la sconfitta del Partito Popolare alle politiche del 2004, Mariano Rajoy è stato eletto Presidente del partito.

Dal 2011 al 2015 ha guidatoil Paese, dopo che il suo partito ha vinto le elezioni anticipate del 20 novembre. Alle elzioni anticipate del 20 dicembre 2015 il suo partito non riesce a ottenere la maggioranza in entrambe le camere del parlamento. Segue una crisi istituzionale che porta la Spagna nuovamente alle urne il 26 giugno 2016. Nonostante un lieve rimonta del PP, le forze avversarie Podemos e Psoe impediscono la formazione di un nuovo governo. La Spagna resta senza guida per 300 giorni. Dopo 10 mesi di instabilità costituzionale il 23 ottobre del 2016 Rajoy viene confermatonel ruolo di presidente però con un esecutivo di minoranza che può contare solo sull'appoggio dei centristi di Ciudadanos.

Ultimo aggiornamento 24 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Mariano Rajoy | José María Aznar | Pubblica Amministrazione | Alleanza Popolare | Cultura | Spagna | Galizia |

Ultime notizie su Mariano Rajoy

    Il voto spagnolo parla anche a noi

    Difficilmente il Paese iberico potrà conseguire la stabilità politica senza un cambiamento dei partiti politici e delle culture istituzionali dei loro leader. Solamente così potrà concludersi la sua transizione

    – di Sergio Fabbrini

    Spagna al voto: i 5 temi per capire che cosa succederà

    Le questioni economiche sono passate in secondo piano, così come quelle sociali. Ma tra il rebus delle alleanze, l'emergere dei partiti destra, le tensioni catalane e la credibilità in Europa, ci sono diversi aspetti (e numeri) da tenere sott'occhio

    – dal nostro inviato Luca Veronese

    Catalogna, le ragioni e le colpe di un conflitto senza via d'uscita

    Cosa ci dobbiamo aspettare in Catalogna dopo le condanne dei leader indipendentisti decise dalla Corte suprema? Quale sarà l'impatto della sentenza sulla politica spagnola e sulle elezioni nazionali del 10 novembre? Chi sono i leader catalani che continuano a sfidare la Spagna? A Madrid c' è un governo in grado di tenere sotto controllo il conflitto? Ma soprattutto, esiste una soluzione alla questione catalana?

    – di Luca Veronese

    Chi sono i premier a più alto tasso di anidride carbonica? Non ditelo a Greta Thunberg

    Prendiamo in esame i voli di Stato dei leader mondiali. Come sappiamo leggendo questo post  gli aerei sono il mezzo di trasporto più inquinante. Volare produce 285 grammi di CO2 per ogni passeggero (una media di 88 persone a volo) per ogni chilometro percorso. Un'auto ne produce 42 per passeggero per chilometro. Circa 8 tonnellate su 10 di questa CO2 emessa riguarda tratte lunghe, oltre i 1500 km. Il premier che nel 2018 si è mosso di più, nel senso che ha fatto più viaggi in aereo è  il primo m...

    – Infodata

    Mina Catalogna per Sanchez: indipendentisti mai così forti

    DAL NOSTRO INVIATOMADRID - Pedro Sanchez sta prendendo tempo, e guarda con preoccupazione alla Catalogna e ai partiti indipendentisti che, come alleati o come antagonisti, saranno determinanti per il prossimo governo spagnolo.Dopo aver vinto le elezioni generali, domenica scorsa, Sanchez sta in

    – di Luca Veronese

    Il «miracolo» di Sanchez: così in Spagna la sinistra vince e governa

    MADRID - «Abbiamo mostrato all'Europa e al mondo che si può fare, la Spagna ha fatto vedere a tutti, in questo voto, che le idee e le proposte dei progressisti possono battere il totalitarismo, il razzismo e la destra. Il Partito socialista ha vinto le elezioni e con noi hanno vinto la democrazia e

    – di Luca Veronese

    Elezioni Spagna, rivincita dei socialisti di Pedro Sanchez. Débâcle dei popolari

    E' la rivincita di Pedro Sanchez. Anche se per governare il leader socialista dovrà di nuovo chiedere aiuto agli indipendentisti catalani.Ed è il disastro politico di Pablo Casado che ha portato i Popolari in un terreno sconosciuto, pericolosamente vicino all'irrilevanza nel nuovo Parlamento.«Il

    – dal nostro inviato Luca Veronese

1-10 di 887 risultati