Persone

Mariano Rajoy

Mariano Rajoy è un politico spagnolo, che riveste la carica di presidente del governo di Madrid dal 2011, presidente del Partito Popolare. Membro del Congresso dei deputati, e stato più volte ministro.

Mariano Rajoy si è laureato in Diritto all’Università di Santiago di Compostela e successivamente si è dedicato all’attività politica, entrando nelle fila di Alleanza Popolare (partito che è poi diventato l’attuale Partito Popolare). Alle regionali del 1981, Rajoy è stato eletto deputato dell'Assemblea regionale. Nel 1986 è entrato al Congresso dei Deputati nel collegio di Pontevedra, ma ha rinunciato all'incarico per assumere quello di Vicepresidente della Giunta di Galizia. Nel 1990, con l'elezione di José María Aznar a candidato del PP, Rajoy è diventato vicesegretario generale del partito ed è stato rieletto al Parlamento. Nel 1996, con l'insediamento di Aznar come Presidente spagnolo, Rajoy è stato eletto Ministro dell'Amministrazione pubblica e nel 1999 ha preso il dicastero della Pubblica Istruzione e della Cultura. L’anno successivo è stato nominato dal riconfermato Aznar primo Vicepresidente e Ministro della Presidenza, incarico che ha mantenuto fino al 2003 come Ministro degli Affari Interni. Dopo la sconfitta del Partito Popolare alle politiche del 2004, Mariano Rajoy è stato eletto Presidente del partito.

Dal 2011 al 2015 ha guidatoil Paese, dopo che il suo partito ha vinto le elezioni anticipate del 20 novembre. Alle elzioni anticipate del 20 dicembre 2015 il suo partito non riesce a ottenere la maggioranza in entrambe le camere del parlamento. Segue una crisi istituzionale che porta la Spagna nuovamente alle urne il 26 giugno 2016. Nonostante un lieve rimonta del PP, le forze avversarie Podemos e Psoe impediscono la formazione di un nuovo governo. La Spagna resta senza guida per 300 giorni. Dopo 10 mesi di instabilità costituzionale il 23 ottobre del 2016 Rajoy viene confermatonel ruolo di presidente però con un esecutivo di minoranza che può contare solo sull'appoggio dei centristi di Ciudadanos.

Ultimo aggiornamento 24 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Mariano Rajoy | José María Aznar | Pubblica Amministrazione | Alleanza Popolare | Cultura | Spagna | Galizia |

Ultime notizie su Mariano Rajoy

    La Catalogna cresce (ancora) più della Spagna

    Il referendum, illegale per la legge spagnola, bastò ai leader indipendentisti per proclamare la Repubblica catalana e provocare la reazione implacabile della giustizia spagnola e del governo di Madrid allora guidato dal conservatore Mariano Rajoy... Il governo Rajoy arrivò a stimare in un miliardo di euro i costi della dichiarazione di indipendenza in Catalogna. ... Da Madrid il premier socialista Pedro Sanchez si è dimostrato molto più morbido di Rajoy e ha proposto a Barcellona di votare un...

    – di Luca Veronese

    Madrid, Sanchez «tradito» dagli alleati sulla legge di bilancio

    La coalizione che, all’inizio di giugno, si era compattata per sfiduciare Mariano Rajoy potrebbe costringere Sanchez a continui negoziati frenando lo slancio che ha aiutato il Paese a risollevarsi velocemente, a partire dal 2013, dopo la dolorosa recessione.

    – di Luca Veronese

    Spagna, il giovane Casado eletto leader dei popolari. Succede a Rajoy

    La presidente del Congresso del Pp spagnolo, Ana Pastor, ha annunciato ufficialmente l'elezione di Pablo Casado, 37 anni, quale presidente del partito in successione di Mariano Rajoy. Casado ha ottenuto 1701 voti, contro 1250 alla ex vicepremier Soraya de Santamaria.

    Spagna, il giovane Casado in vantaggio per la successione a Rajoy

    Sono rimasti in due a sfidarsi nel Partito popolare per succedere a Mariano Rajoy uscito di scena a sorpresa all'inizio di giugno dopo che il suo governo è stato sfiduciato. Toccherà oggi ai tremila delegati del Congresso dei conservatori scegliere il nuovo leader del partito e il candidato alle

    – di Luca Veronese

    Che fine ha fatto il Pd? i numeri della crisi della sinistra europea

    Il voto italiano del 4 marzo si aggiunge al complicato puzzle europeo, lasciandoci in eredità la conferma di una tendenza che è andata rivelandosi elezione per elezione. I partiti socialisti e socialdemocratici europei stanno vivendo un lento declino. La sinistra italiana, o quel che ne resta, si è adeguata. Esaurito l'effetto Renzi, che aveva portato il Partito Democratico, ancora a ranghi completi, al 40% delle europee 2014, i democratici sono sprofondati al 18.8%. Il peggior risultato della b...

    – Filippo Mastroianni

    Che fine ha fatto il Pd? i numeri della crisi delle socialdemocrazie dal 1990 ad oggi

    Il voto italiano del 4 marzo si aggiunge al complicato puzzle europeo, lasciandoci in eredità la conferma di una tendenza che è andata rivelandosi elezione per elezione. I partiti socialisti e socialdemocratici europei stanno vivendo un lento declino. La sinistra italiana, o quel che ne resta, si è adeguata. Esaurito l'effetto Renzi, che aveva portato il Partito Democratico, ancora a ranghi completi, al 40% delle europee 2014, i democratici sono sprofondati al 18.8%. Il peggior risultato della b...

    – Filippo Mastroianni

    La nave Aquarius a Valencia: come funziona la politica spagnola sui migranti

    L'attracco a Valencia della nave Aquarius, con i 629 profughi a bordo, può segnare la svolta della Spagna nelle politiche di accoglienza dei migranti. E anche la Francia farà la sua parte: la vicepremier spagnola Carmen Calvo ha annunciato che Parigi collaborerà all'accoglienza dei migranti

    – di Luca Veronese

    Spagna, Sanchez presenta il suo governo «europeista»

    E' la scelta di Nadia Calviño come ministra dell'Economia a segnare il percorso del nuovo governo di sinistra guidato dal socialista Pedro Sanchez, nel quale sono ben undici le donne e solo sei gli uomini (compreso lo stesso premier). Il segnale è chiaro: l'economia resta una priorità e il ribaltone

    – di Luca Veronese

    Spagna: archiviata l'epoca Rajoy, le nuove sfide del governo Sanchez

    Aveva superato la grande crisi finanziaria internazionale e la pesantissima recessione, riuscendo a cavarsela anche quando la disoccupazione era salita sopra il 26 per cento. Sempre fedele a Bruxelles era riuscito a far accettare agli spagnoli l'austerity e il salvataggio internazionale delle

    – di Luca Veronese

1-10 di 871 risultati