Persone

Margaret Thatcher

Margaret Thatcher, nata Margaret Hilda Roberts, è stata per undici anni primo ministro del Regno Unito e una delle donne più importanti e influenti del mondo.

In Parlamento era entrata nel 1959 dopo due tentativi falliti nel 1950 e 1951 e, prima di diventare primo ministro, Margaret Thatcher ha guidato il partito conservatore a partire dal 1975.

È stata l'unica donna ad essere eletta primo ministro inglese, carica che ha ricoperto peraltro per tre mandati consecutivi. È rimasta al numero 10 di Downing Street dal 1979 al 1990, quando si è dovuta dimettere dall'incarico per contrasti interni al partito conservatore.

Alcune vicende hanno contraddistinto il lungo periodo del governo Thatcher: sul fronte internazionale, si ricorda la Guerra delle Isole Falkland (Malvinas), territori inglesi in Atlantico rivendicati ed occupati militarmente dall’Argentina; con un'azione bellica le isole furono rapidamente riconquistate. Sul fronte interno si possono evidenziare la rigidità sulla questione dell'Irlanda del Nord e il costante scontro con i sindacati che ha portato, tra il 1983 ed il 1987, imponenti ondate di scioperi i quali però non hanno ottenuto lo scopo di modificare la politica economica liberista di Margaret Thatcher.

Una delle cause del declino politico della Thatcher è stata l'impopolarità generata dalla poll tax, un'imposta individuale a cifra fissa. Nonostante le proteste e gli scioperi fiscali scatenati dalla sua introduzione, Margaret Thatcher non aveva desistito alienandosi le simpatie di molti anche all'interno del proprio partito. La risolutezza e rigidità che ha mostrato in questa e nelle precedenti vicende politiche le hanno fatto guadagnare il soprannome di "Lady di ferro".

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Storia | Margaret Thatcher | Primo ministro | Downing Street | Margaret Hilda Roberts |

Ultime notizie su Margaret Thatcher

    Da Marx a Heidegger, viaggio nei luoghi (e nelle vite) dei filosofi

    Anche gli ultimi severi cultori di Karl Marx, dovranno farsene una ragione. O accettarla come una delle tante contraddizioni della storia e del pensiero filosofico. Se costoro vanno a Londra, la città in cui l'autore del "Manifesto del Partito Comunista" visse dal 1849 al 1883, avranno infatti una

    – di Dario Ceccarelli

    Brexit, conservatori: a Boris Johnson il primo round. Ma il favorito non vince mai

    Boris Johnson si conferma superfavorito nella corsa a diventare leader del partito conservatore e premier britannico. L'ex ministro degli Esteri oggi ha staccato i rivali con un margine superiore alle previsioni.Al primo round di votazioni Johnson ha ottenuto il sostegno di 114 deputati, più di un

    – di Nicol Degli Innocenti

    May come Thatcher, occhi lucidi prima di lasciare

    LONDRA - La foto è su tutti i giornali di oggi: uno zoom attraverso il finestrino dell'auto della premier sul volto di Theresa May, aria esausta e occhi lucidi. Il partito conservatore le è contro, anche i fedelissimi le consigliano di lasciare. Sa di avere pochi giorni, forse anche solo poche ore

    – di Nicol Degli Innocenti

    Senza equità e conti in ordine crescita e welfare sono a rischio

    La solidità dello Stato sociale si basa su due pilastri: l'equità "orizzontale" del carico e dei benefici fiscali e la stabilità dei conti pubblici. Il primo principio significa che i cittadini nella stessa situazione economica devono essere trattati dal fisco nello stesso modo, e la stabilità dei

    – di Pietro Reichlin

    Mediocracy has overwhelmed us, that's why the mediocre took power

    An "anaesthetizing revolution" has been silently accomplished under our eyes but we have hardly noticed it: the "mediocracy" has overwhelmed us. The mediocre have entered the room of the buttons and urge us to be like them, a bit like the aliens of Don Siegel's movie "Invasion of the Body Snatchers". Do you remember? "Mediocracy" is the title of the book by the Canadian philosopher Alain Deneault, professor of political science at the University of Montreal. The work ("La Mediocratie", Lux Edit...

    – Angelo Mincuzzi

    La nuova America dei millennial vuole più Stato (e più inflazione)

    Sono molti i fattori che ci dicono che gli Stati Uniti sono sull'orlo di un deciso cambiamento di ciclo storico. Un cambiamento che ha le sue forze propulsive in temi di carattere certamente economico, ma anche politico e generazionale.

    – di Carlo De Benedetti

    Il partito dei Tory è entrato in convulsione

    La decisione tardiva di Theresa May di aprire il negoziato sulla Brexit ai laburisti di Jeremy Corbyn ha aperto le porte dell'inferno nel partito di Governo. La casa dei Tory è scossa dalle fondamenta. Non solo la destra eurofoba, che vuole la Brexit pura e dura, grida al tradimento di una premier che si è messa a negoziare con un "marxista", ma anche buona parte della base del partito, che è in netta maggioranza (oltre il 60%) a favore di una uscita rapida dalla UE, al limite anche brutale, sta...

    – Marco Niada

    Perché la Brexit è stata uno tsunami di scelte sbagliate

    Come si è potuti finire così male, con il rischio di un'uscita dalla UE il 12 aprile con un tuffo doppio carpiato dalle scogliere di Dover? Col senno di poi non poteva essere diversamente, anche se per poterlo affermare abbiamo dovuto aspettare venerdì l'ultima puntata della saga, per assistere all'ultima mossa sbagliata nel momento sbagliato con la terza bocciatura della proposta del Governo May. Ora che siamo davanti al precipizio, possiamo concederci uno sguardo all'indietro e accorgerci che ...

    – Marco Niada

    Brexit: Theresa May, la premier che ha tenuto in ostaggio Londra e l'Europa

    Era la candidata eletta per «riportare unità» in un Partito conservatore sempre più frammentato. E' riuscita a spaccare i Tories, il governo e l'Europa come (quasi) nessuno aveva saputo fare. Fino a una scelta diventata inevitabile: le dimissioni dopo l'ultimo incontro ufficiale con Donald Trump,

    – di Alberto Magnani

    Stadi e sicurezza: la differenza tra gli hooligan inglesi e i 6mila "teppisti" italiani e l'inappropriata tassa sui club

    "Ogni settimana ci sono 12 milioni di tifosi che seguono gli eventi sportivi e seimila teppisti, da non confondere con i tifosi che sono il 99%. L'obiettivo è sradicare la violenza con ogni mezzo necessario". Le parole del ministro dell'Interno Matteo Salvini al termine della riunione straordinaria dell'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive, svoltasi con il sottosegretario Giancarlo Giorgetti, i vertici dello sport ed il capo della polizia Franco Gabrielli, sono ovviamente da sott...

    – Marco Bellinazzo

1-10 di 500 risultati