Le nostre Firme

Marco Rogari

vicecaporedattore |  @Rog62M |  marco.rogari@ilsole24ore.com |

Marco Rogari è vicecaporedattore del Sole 24 Ore e, dal 2000, giornalista parlamentare. Nato a Oloron Sainte Marie (Francia) il 5 luglio 1962, approda al giornalismo economico nella seconda metà degli anni ’80 diventando”pubblicista” e collaborando per Economia e Tributi, Mondo Economico e Gente Money. Dal 1990 è assunto presso la redazione romana del ”Sole”. Economia e Scienze della comunicazione, con conseguimento della laurea, caratterizzano il suo percorso di studi. Fisco, pubblica amministrazione, politiche del welfare e previdenza, conti pubblici e attività parlamentare sono i temi trattati nel suo percorso professionale. È autore nel 2001 del libro “Burocrazia fuorilegge” (Sperling & Kupfer Editori).

  • Luogo: Roma
  • Lingue parlate: italiano, francese
  • Argomenti: conti pubblici, previdenza, politiche del welfare, pubblica amministrazione, attività parlamentare

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Marco Rogari

    Manovra, bonus fino a 16 miliardi tra aggiustamento e flessibilità

    Nonostante i mesi passati a lanciare proclami contro l'«austerità», l'Italia realizzerà nel 2019 quello che il ministro dell'Economia Tria ha definito giovedì al Senato «il più forte aggiustamento strutturale degli ultimi anni».La vittoria operativa della linea Tria-Conte, tradotta nella decisione

    – di Marco Rogari, Gianni Trovati

    Pensioni, dai risparmi di quota 100 dote di 5-7 miliardi in tre anni

    Non proprio una corsa a metà, ma quasi. E' quella a quota 100 che il Governo rischia di registrare al termine del triennio di sperimentazione. Nel 2021 il nuovo pensionamento anticipato dovrebbe risultare appetibile per non più del 65-70% dei potenziali beneficiari individuati dal decretone di

    – di Marco Rogari

    Manovra, il rischio procedura pesa per 10 miliardi

    L'ultimo vertice Ue è stato complicato, ma la partita sulla procedura d'infrazione resta aperta e guarda a un'altra data chiave: mercoledì 26 giugno, quando il consiglio dei ministri approverà l'assestamento da mandare a Bruxelles mentre la Commissione «raccomanderà» l'apertura della procedura

    – di Marco Rogari e Gianni Trovati

    Il piano Tria per evitare la procedura Ue: in due anni deficit giù di 8-10 miliardi

    Un percorso a tappe che riduce il deficit strutturale di 8-10 miliardi fra quest'anno e il prossimo, e garantisce di non aumentare il debito. E' il piatto che il ministro dell'Economia Tria porta sul tavolo del complicato negoziato con la Ue, con l'obiettivo di stoppare una procedura d'infrazione

    – di Marco Rogari, Gianni Trovati e Andrea Gagliardi

    Pensioni, da quota 100 un tesoretto di 5-6 miliardi

    Sono oltre 101mila le domande di pensionamento anticipato accolte dall'Inps nei primi quattro mesi della nuova era «Quota 100». Si tratta di appena un terzo della platea ipotizzata dal governo (330mila) al momento del varo del decretone di gennaio. Il dato va letto al netto delle uscite del

    – di Davide Colombo e Marco Rogari

    Nel 2019 da reddito di cittadinanza e «quota 100» risparmi per 1,3 miliardi

    Quasi 1,3 miliardi. A tanto dovrebbe ammontare alla fine di quest'anno il "residuo", ovvero la spesa inutilizzata, dei due "fondoni" attivati dall'ultima legge di bilancio per reddito di cittadinanza e quota 100. A ufficializzare questa previsione, con un chiaro riferimento alle due misure che non

    – di Davide Colombo e Marco Rogari

    Manovra: da tagli, welfare e sconti fiscali dote di 12 miliardi

    In attesa della replica di Bruxelles annunciata per mercoledì alla lettera inviata venerdì sera, dopo un duro scontro nella maggioranza, alla Commissione Ue dal ministro dell'Economia, Giovanni Tria, i tecnici del Governo cominciano a individuare i possibili serbatoi dai quali attingere le risorse

    – di Marco Rogari

    L'aut aut di Conte a Lega-M5S: avanti se c'è chiarezza

    ROMA - Giuseppe Conte pronto all'aut aut. Domani il presidente del Consiglio in conferenza stampa lancerà una sorta di ultimatum a Lega e M5S. Detterà cioè i presupposti per andare avanti, a un anno dall'insediamento a Palazzo Chigi. E lo farà anche se non dovesse tenersi prima l'auspicato vertice

    – di Manuela Perrone e Marco Rogari

    Quei 10 miliardi in manovra appesi all'esito del voto Ue

    Pesano molto negli equilibri della prossima manovra. E il loro destino è appeso all'esito di questa tornata elettorale per le europee e anche per le amministrative. Si tratta degli 8-10 miliardi che potrebbero essere assorbiti dal primo assaggio della Flat tax per le famiglie su cui punta la Lega,

    – di Marco Rogari

1-10 di 1029 risultati