Persone

Marco Biagi

Marco Biagi è un ex politico italiano. Economista e giurista specializzato in diritto del lavoro, è stato più volte professore e ricercatore universitario e ha rivestito anche ruoli di Consulente del governo. È morto in un attentato rivendicato dalle Brigate Rosse nel 2002.

Marco Biagi si è laureato in Giurisprudenza a Bologna all’età di 22 anni. È diventato professore alle Università della Calabria, Ferrara e Modena, dove ha lavorato dal 1987 al 2002. Dal 1988 e fino al 2000, è stato anche Direttore scientifico dell’Istituto di ricerca e formazione della Lega delle Cooperative. La sua carriera in politica è iniziata negli anni ’90, quando è stato nominato consulente della Commissione Europea Relazioni Industriali e Occupazione, poi componente della Commissione regionale per l'impiego e membro del Comitato Tecnico-Scientifico dell'Osservatorio sul Mercato del Lavoro dell'Emilia Romagna. Nel 1993 Biagi è entrato nella Commissione ministeriale di esperti per la riforma della normativa sull'orario di lavoro, ruolo che ha rivestito anche nel 1996. L’anno successivo è diventato Consigliere del Presidente del Consiglio Romano Prodi e ha rivestito la carica di Rappresentante e poi di Vicepresidente del Governo italiano nel Comitato per l'occupazione e il mercato del lavoro dell'Unione Europea. Con il Berlusconi II, nel 2001 Biagi è stato Consulente del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Roberto Maroni e del Presidente del Cnel.

Marco Biagi è stato assassinato a Bologna nel 2002 in un attentato rivendicato dalle Brigate Rosse. Durante la sua carriera ha collaborato con riviste e ha pubblicato libri sul lavoro.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Mercato del lavoro | Marco Biagi | Brigate Rosse | Lega delle Cooperative | Università della Calabria | Comitato Tecnico-Scientifico | Cnel | Roberto Maroni | Romano Prodi | Emilia Romagna | Presidente del Consiglio |

Ultime notizie su Marco Biagi

    «Lavorar cantando», per i 50 anni dello Statuto e i cento anni dalla nascita di Brodolini

    Il fil rouge con il libro bianco di Biagi e Sacconi Per Maurizio Sacconi, ex ministro del lavoro e relatore della legge sullo smart working, esiste un fil rouge tra Brodolini, il testimone della sua volontà Gino Giugni e Marco Biagi, con il quale Sacconi ha scritto il libro bianco del mercato del lavoro «La scuola è la stessa, Biagi immaginava uno statuto dei "lavori", al plurale, dipendenti e indipendenti.

    – di Patrizia Maciocchi

    Rider, perché ora serve una contrattazione collettiva

    Il governo sta provando a disciplinare il lavoro dei cosiddetti rider, i ciclofattorini assoldati dalle piattaforme della gig economy. Il settore ha bisogno di più tutele, ma sarebbe un errore inquadrare il fenomeno con vecchi schemi di categoria

    – di Francesco Seghezzi *

    Mattarella e la centralità del lavoro

    Con una prosa misurata, fatta di frasi brevi e incisive, ma con una singolare densità di contenuti - caratteri entrambi ben rappresentativi della sua personalità pacata e ricca al tempo stesso - Sergio Mattarella, nell'esaltare la centralità del lavoro, segnala le più vistose divaricazioni tra i

    – di Raffaele De Luca Tamajo

    Coesione sociale nel nome di Marco Biagi

    «Marco Biagi era un uomo di dialogo, era un docente che amava l'insegnamento e il rapporto e confronto con gli studenti. Uno studioso che approfondiva i temi della sua disciplina, avvertendo con grande consapevolezza la necessità di preoccuparsi costantemente di evitare ferite nella coesione

    – di Ilaria Vesentini

    L'azienda dove non si smette mai di imparare (e va tutto nel Passaporto delle competenze, per chi cambia posizione o lavoro)

    «Lavorare in modo partecipativo presuppone un'organizzazione che agevoli nuove prassi partecipative. Il cambiamento è culturale e riguarda le persone, ma non può prescindere dal riflettersi nel design strutturale dell'organizzazione:  dipartimenti interdipendenti,  job rotation (non si resta inchiodati sempre alla stessa posizione), progetti ambiziosi, scopi comuni e coerenza tra valori aziendali e comportamenti organizzativi». Libera Insalata è HR Manager di Vitec Imaging Solutions, azienda le...

    – Barbara Ganz

    L'impatto del decreto dignità sul lavoro a termine in Veneto (spiegato da Veneto Lavoro e visto dalle imprese)

    Il cosiddetto "Decreto dignità", approvato dal Consiglio dei Ministri il 2 luglio 2018, interviene sulla regolazione del contratto a termine e del contratto di somministrazione. Al fine di consentirne una valutazione sulla platea interessata, le modifiche attualmente all'esame del Parlamento possono essere così schematizzate: viene reintrodotto per le imprese l'obbligo di dichiarare la causale a partire dal tredicesimo mese di utilizzazione del lavoratore; tale obbligo vale anche per le agenz...

    – Barbara Ganz

1-10 di 367 risultati