Ultime notizie:

Manfred Weber

    Da Macron ai Big tech, il programma e gli ostacoli di Margrethe Vestager

    La nuova vicepresidente della Commissione si annuncia come una delle protagoniste delle prossima legislatura europea, anche grazie a un portafoglio di competenze più ampie sul digitale. Resta da capire quali siano i suoi margini effettivi di manovra fra insidie esterne (e interne) all'Europ

    – di Alberto Magnani

    Cosa sta succedendo nella Commissione Ue di Ursula von der Leyen?

    Salvo sorprese, la Commissione dovrebbe entrare in carica il 1 dicembre. L'esecutivo ha sbloccato la trafila delle audizioni del Parlamento, dopo tre bocciature e varie polemiche. Ma gli ostacoli sono appena iniziati

    – di Alberto Magnani

    Il futuro dei parlamenti tra riforma e continuità

    Nel suo editoriale domenicale (Da Roma a Bruxelles, i dilemmi dei Parlamenti, 13 ottobre 2019) puntuale e acuto come sempre, Sergio Fabbrini si riferisce alle vicende della settimana appena trascorsa a Bruxelles e a Roma - la bocciatura di Sylvie Goulard da parte del Parlamento europeo e

    – di Nicola Lupo

    Da Roma a Bruxelles i dilemmi dei parlamenti

    I Parlamenti sono ritornati al centro del dibattito pubblico. Tuttavia, tale riaffermazione del ruolo parlamentare si è rivelata più efficace nella difesa di tradizionali prerogative, piuttosto che nell'individuazione di prerogative adeguate al nuovo contesto in cui i Parlamenti agiscono

    – di Sergio Fabbrini

    Von der Leyen, la Commissione nasce fragile. Decisivi i voti dei Cinque stelle

    Solo 383 voti a favore, nove in più del minimo di 374, contro 327 contrari e 22 astenuti. Ursula von der Leyen incassa la "fiducia" dell'Europarlamento e potrà insediarsi come presidente della Commissione europea, confermando la scelta emersa dalle (svariate) maratone negoziali dei leader europei. Eppure, oltre ai complimenti di circostanza, sono in pochi a festeggiare

    – di Alberto Magnani

    L'Ue di Von der Leyen: salario minimo europeo ed emissioni zero nel 2050

    STRASBURGO - La presidente designata della Commissione europea Ursula von der Leyen è riuscita oggi qui a Strasburgo a scaldare i cuori di molti deputati, probabilmente una maggioranza dei parlamentari, forse più ampia delle previsioni. Ha presentato un programma di legislatura piuttosto

    – dal nostro inviato Beda Romano

    Germania, von der Leyen alla Ue crea scompiglio nella fragile Grande coalizione

    FRANCOFORTE - La Germania non mette piede nell'ufficio della presidenza della Commissione europea dal 1967, anno in cui lasciò l'incarico Walter Hallstein, l'ultimo tedesco a ricoprire il ruolo. L'ascesa a presidente di Ursula von der Leyen, attuale ministro della Difesa della Cdu descritta dai

    – dal nostro corrispondente Isabella Bufacchi

    Ue, perché il governo Lega-5 Stelle ha perso la partita delle nomine

    Il vicepremier Matteo Salvini aveva annunciato un terremoto nelle istituzioni Ue. Il risultato, per ora, non gli ha dato ragione: l'Italia è fuori da quasi tutti i ruoli di peso, con l'eccezione del (socialista) David Sassoli alla guida del Parlamento europeo. Male anche le nomine dei vicepresidenti: la spunta solo il grillino Cataldo, a spese della leghista Bizzotto

    – di Alberto Magnani

1-10 di 154 risultati