Persone

Mahmoud Ahmadinejad

Mahmoud Ahmadinejad è nato il 28 ottobre del 1956 ad Aradan ed è stato il sesto Presidente della Repubblica islamica dell'Iran, in carica dal dal 3 agosto del 2005 al 3 agosto del 2013.

Si autodefinisce un fondamentalista: s’ispira ai principi dell'Islam e della rivoluzione islamica. Si è espresso apertamente contro gli Stati Uniti D’America ed ha dichiarato che uno dei suoi obiettivi è la redistribuzione delle ricchezze derivanti dalla vendita di petrolio.

Per difendere il programma del nucleare di Teheran, ha stretto relazioni diplomatiche con la Russia, creando un dipartimento preposto e lavorando con Vladimir Putin per risolvere la crisi dell’arricchimento dell’uranio.

Figlio di un fabbro, Mahmoud Ahmadinejad si è laureato in Ingegneria Civile ed è diventato professore all'Università di Scienza e Tecnologia.

Durante la guerra Iran-Iraq (1980-1988) si è unito al gruppo dei Guardiani della Rivoluzione ed è diventato capo ingegnere della VI Armata e consigliere per il Ministero della Cultura e del Consiglio Islamico.

La sua carriera politica è iniziata nel 2003, quando Ahmadinejad è diventato sindaco di Teheran, incarico che ha ricoperto per 5 anni.

Nel 2005 ha vinto al secondo turno le elezioni presidenziali iraniane, battendo il rivale ex-presidente Rafsanjani.

Mahmoud Ahmadinejad è stato un membro del Consiglio Centrale degli Ingegneri della Società Islamica ed ha vantato una base politica potente all'interno dell'Alleanza dei Costruttori dell'Iran Islamico. Era considerato una delle figure principali all'interno di questa formazione.

Tra il 30 agosto del 2012 ed il 3 agosto del 2013 è stato Segretario generale del "Movimento dei Paesi Non Allineati".
E' stato insignito dell'onorificienza del "Gran Collare dell'Ordine del Liberatore" (Venenzuela, 2006)

E' sposato e padre di tre figli..

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Mahmoud Ahmadinejad | Vladimir Putin | Dei Paesi Non Allineati | Teheran | Alleanza | Iran Islamico |

Ultime notizie su Mahmoud Ahmadinejad

    Media arabi: l'ex presidente iraniano Ahmadinejad agli arresti domiciliari

    L'ex presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad sarebbe stato arrestato dalle autorità iraniane per presunto incitamento alla rivolta contro il governo, secondo quanto riferito da fonti arabe quali la tv Al Arabiya e il quotidiano arabo con base a Londra, Al-Quds Al-Arabi, che cita «fonti affidabili»

    Rouhani non spegne la protesta

    Edifici pubblici e auto della polizia dati alle fiamme. Centri religiosi, banche e sedi della milizia islamica del regime attaccati da gruppi di dimostranti. Colpi di arma da fuoco. Le manifestazioni antigovernative in Iran stanno assumendo una pericolosa deriva.

    – Roberto Bongiorni

    Khamenei accusa i nemici dell'Iran. Gli Usa: «Intervenga l'Onu»

    L'ambasciatrice Usa all'Onu Nikki Haley ha annunciato che chiederà una sessione di emergenza alle Nazioni Unite e al consiglio dei diritti umani a Ginevra sull'Iran. Le proteste in Iran sono «completamente spontanee», secondo Haley che ha definito «ridicole le tesi secondo cui sarebbero programmate

    – di Roberto Bongiorni

    Nell'Iran del boom mancato tornano le proteste di piazza

    Le manifestazioni, scoppiate giovedì nella città di Mashad, hanno inizialmente preso di mira il carovita e la corruzione, ma sono poi dilagate a macchia d'olio in molte città del Paese, assumendo una forte connotazione anti-governativa. Approfittando dell'anniversario della fine dei disordini

    – di Roberto Bongiorni

    Iran, 10 morti e 300 arresti nelle proteste antigovernative

    Non si fermano le proteste antigovernative in Iran, contro il carovita e contro la corruzione del regime. La televisione statale iraniana riporta che 10 persone sono state uccise durante le proteste in corso nel Paese. Trecento gli arresti tra Teheran, Izeh e Arak dove 12 agenti di polizia sono

    Iran, il regime spara sulla folla che chiede le dimissioni di Khamenei, assaltate le sedi dei Pasdaran

    La protesta in Iran si incattivisce e provoca le prime vittime tra i dimostranti anche se non è possibile verificare le fonti. Oggi nel centro del Paese, a Doraud, nella provincia di Loerstan, si sono registrate le prime vittime delle proteste: secondo quanto riferiscono fonti locali, almeno sei persone sono state uccise e diverse altre ferite quando la Guardia Repubblicana ha sparato per disperdere una manifestazione. Cosa faranno ora i dimostranti? Secondo fonti non confermate provenienti dall...

    – Vittorio Da Rold

    Iran, Trump sostiene le proteste in cerca di un pretesto per far saltare l'accordo sul nucleare

    La fine del 2017 potrebbe riservare grandi sorprese al regime degli ayatollah in Iran in una fase molto delicata del paese che ha vinto le costose guerre per procura in Siria e Iraq contro il sedicente stato islamico ma si sta scontrando con una difficile situazione economica interna aggravata forse anche dai costi bellici degli interventi militari all'estero.  O come dice David Ignatius guardando i video delle dimostrazioni di piazza svoltesi in Iran e diffuse da Maziar Bahari, intrepido giorna...

    – Vittorio Da Rold

    Paradosso Iran: sempre più sclerotico e influente

    Degli Stati emersi dalle tre grandi rivoluzioni del XX secolo - in Russia nel 1917, in Cina nel 1949 e in Iran nel 1979 - la Repubblica islamica d'Iran da sola persevera in qualcosa che somiglia alla sua forma originale. L'Iran moderno è quindi un relitto storico, ma allo stesso tempo una dinamo

    – di Michael Mandelbaum

1-10 di 243 risultati