Aziende

Lvmh

Lvmh (Louis Vuitton Moët Hennessy) è una holding francese operante nel settore dei beni di lusso. L’azienda è quotata alla Borsa di Parigi, città dalla quale la sede principale controlla una sessantina di marchi di prestigio, commercializzati in tutto il mondo. I prodotti della società del Presidente del Cda e Amministratore Delegato Bernard Arnault (che detiene una quota del 47,52%) spaziano dai prodotti per la moda, agli accessori in pelle, con la gestione di brand come Louis Vuitton, Kenzo, Celine, Fendi, Marc Jacobs, Givenchy, Emilio Pucci, Loro Piana, fino al vino e ai liquori in genere (Moët & Chandon, Dom Pérignon brands, Hennessy).

Lvmh Sa è tra le più importanti produttrici al mondo di champagne e cognac. Le sue attività si allargano anche ai profumi (Christian Dior, Guerlain, Loewe, Kenzo), ai cosmetici (Make Up For Ever, Guerlain, Acqua di Parma), agli orologi e ai gioielli (Bulgari, Tag Heuer, Montres Dior, Zénith, Chaumet).

Il gruppo LVMH Sa è stato creato nel 1987 con la fusione di due firme: Louis Vuitton e Moët Hennessy. Quindici anni più tardi è diventato leader mondiale del lusso. Il processo d’internazionalizzazione è iniziato nel 1999 con l’acquisto di 25 marche leader.

Ultimo aggiornamento 23 marzo 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Marchi e brevetti | LVMH Sa | Guerlain | Bernard Arnault | Loewe | Givenchy | Christian Dior | Fendi | Tag Heuer | Borsa di Parigi | Kenzo | Louis Vuitton Moët Hennessy | Celine |

Ultime notizie su Lvmh

    Calzature, Marche in sofferenza Solo il lusso non sente la crisi

    Da notare – per ricordare a chi vede lo straniero sempre e comunque come un pericolo, se non alla stregua di un invasore – che Gucci appartiene al colosso francese Kering, secondo gruppo del lusso al mondo dopo Lvmh. Ai vertici della società, esattamente come a quelli di Lvmh, non è mai venuto in mente di delocalizzare la produzione di scarpe, anzi. ...di lusso di Lvmh, ha inaugurato due anni fa una fabbrica (ma sarebbe meglio parlare di grande atelier artigianale) alle porte...

    – di Giulia Crivelli

    Effetto banche centrali ma non solo, Piazza Affari (+1,9%) guida l'Europa

    Ampi progressi per i listini del Vecchio Continente, sostenuti anche da Wall Street che sale più dell'1%. Sotto i riflettori le mosse della Germania e delle Banche centrali, con gli stimoli annunciati dalla Cina e le possibili azioni di Fed e Bce. Si continua a guardare ai rapporti commerciali tra Stati Uniti e Cina. A Piazza Affari volano Cnh Industrial, le banche e gli industriali. Spread chiude invariato a 208 punti

    – di Flavia Carletti e Stefania Arcudi

    La nuova frontiera mondiale del vino? E' in Bhutan

    Il colosso del lusso francese Lvmh, ad esempio, ha investito del progetto vitivinicolo Ao Yun sulle montagne dello Yunnan, vicino al Tibet, con l'obiettivo di produrre vini di qualità.

    – di Riccardo Barlaam

    In crociera con il Louvre

    Da agosto 2020 partiranno i viaggi con i curatori e i direttori del museo francese da Atene a Venezia e nel Golfo Persico grazie all'accordo con Ponant. Ricavi 2018 stabili senza il bonus da Abu Dhabi, nel 2020 nuove strategie di marketing. Intanto ha cambiato sede la Gioconda dall'attuale Salle des États è stata spostata Galerie Médicis. I visitatori nell'anno 2018 hanno superato i 10 milioni

    – di Maria Adelaide Marchesoni

    Moncler sui massimi da circa un anno dopo trimestre migliore delle attese

    Positive anche le indicazioni di outlook per la seconda parte dell'anno. Gli analisti di Equita migliorano il target priceIn rialzo tutto il comparto del lusso, corre a Parigi Lvmh che tocca i massimi storici dopo i dati che hanno sorpreso il mercato grazie alle performance dei marchi Christian Dior e Louis Vuitton

    – di Chiara Di Cristofaro

    Draghi "colomba a metà" raffredda le attese. Piazza Affari chiude in rosso

    La Bce apre la porta a un taglio dei tassi, ma per i mercati non è abbastanza: la Banca centrale ha segnalato la possibilità di nuove misure di stimolo, ma il governatore non ha dato le tempistiche. L'euro tocca i minimi da maggio 2017 e poi risale. Forte volatilità sullo spread, scende a 176 punti e poi chiude a 188

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Gli investitori aggirano la stagnazione di Roma

    I grandi contenitori urbani da valorizzare a Roma e fermi da anni - come l'Ex fiera di Roma o gli ex-mercati generali nel quartiere Ostiense - offrono l'immagine di città incapace di gestire la trasformazione. L'inchiesta giudiziaria su progetto dello stadio - e sul nuovo quartiere collegato

    – di Massimo Frontera

1-10 di 1255 risultati