Aziende

Lvmh

Lvmh (Louis Vuitton Moët Hennessy) è una holding francese operante nel settore dei beni di lusso. L’azienda è quotata alla Borsa di Parigi, città dalla quale la sede principale controlla una sessantina di marchi di prestigio, commercializzati in tutto il mondo. I prodotti della società del Presidente del Cda e Amministratore Delegato Bernard Arnault (che detiene una quota del 47,52%) spaziano dai prodotti per la moda, agli accessori in pelle, con la gestione di brand come Louis Vuitton, Kenzo, Celine, Fendi, Marc Jacobs, Givenchy, Emilio Pucci, Loro Piana, fino al vino e ai liquori in genere (Moët & Chandon, Dom Pérignon brands, Hennessy).

Lvmh Sa è tra le più importanti produttrici al mondo di champagne e cognac. Le sue attività si allargano anche ai profumi (Christian Dior, Guerlain, Loewe, Kenzo), ai cosmetici (Make Up For Ever, Guerlain, Acqua di Parma), agli orologi e ai gioielli (Bulgari, Tag Heuer, Montres Dior, Zénith, Chaumet).

Il gruppo LVMH Sa è stato creato nel 1987 con la fusione di due firme: Louis Vuitton e Moët Hennessy. Quindici anni più tardi è diventato leader mondiale del lusso. Il processo d’internazionalizzazione è iniziato nel 1999 con l’acquisto di 25 marche leader.

Ultimo aggiornamento 23 marzo 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Marchi e brevetti | LVMH Sa | Guerlain | Bernard Arnault | Loewe | Givenchy | Christian Dior | Fendi | Tag Heuer | Borsa di Parigi | Kenzo | Louis Vuitton Moët Hennessy | Celine |

Ultime notizie su Lvmh

    Lvmh sceglie l’Italia per Dom Pérignon 2008 e il cambio tra Geoffroy e Chaperon

    Il gigante francese del lusso, Lvmh, ha scelto Milano per la presentazione dell’annata Dom Pérignon 2008 e dell’avvicendamento tra Richard Geoffroy e Vincent Chaperon come chef de cave della maison champagne tra le più note al mondo. ... Geoffroy - come sottolineano da Lvmh - ha arricchito la sua esperienza dialogando in maniera avvincente con grandi innovatori della cucina globale, come Alain Ducasse e Ferran Adrià, quanto con esponenti del mondo dell'arte e della cultura - da David...

    – di Vincenzo Chierchia

    Da Lvmh a Kering, giornata nera in Borsa per il settore del lusso

    Lvmh ha appena archiviato un nuovo trimestre di rialzi, per altro battendo le stime degli analisti, eppure i risultati non bastano a contrastare previsioni poco rosee per i consumi del settore lusso. ... A Parigi Lvmh, quindi, non riesce ad arginare le vendite ed è arrivato a cedere oltre il 5%, nonostante i risultati diffusi ieri. ... «In un contesto geopolitico e monetario incerto, Lvmh continuerà ad essere vigile.

    – di Monica D'Ascenzo

    Per Morgan Stanley il lusso «non è più di moda» in Borsa

    A Milano cadono Moncler, Salvatore Ferragamo e Brunello Cucinelli; a Parigi giù Kering e Lvmh; a Zurigo Richemont e Swatch perdono oltre il 2%; male a Londra Burberry. Bene la trimestrale di Lvmh, ma si aspettano indicazioni su Cina La valutazione di Morgan Stanley fa venire meno l'effetto sul settore dei conti trimestrali pubblicati ieri da Lvmh che ha riportato vendite in aumento del 10% a 33,1 miliardi sui nove mesi, sostanzialmente in linea con le previsioni, con un terzo trimestre che ha...

    – di Andrea Fontana

    Lvmh rilancia sull’Italia con i vini argentini Cheval des Andes

    Il gruppo Lvmh ha scelto la Milano wine week per il debutto sul mercato italiano dell’annata 2015 di Cheval des Andes, frutto delle tenute argentine di Mendoza particolarmente care a Bernard Arnault (nella foto di Francois Mori), insieme agli... Il progetto Lvmh sul vino ha dunque un orizzonte globale. Come si legge nei documenti Lvmh «con oltre 1.800 ettari di vigneti da cui attingere e aziende agricole distribuite tra Argentina, Brasile, Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda, Spagna,...

    – di Vincenzo Chierchia

    Sneaker, boom di reseller di modelli rari. Il mercato mondiale verso i 95 miliardi di dollari

    Lo ha fatto anche grazie all'istituzionalizzazione dei reseller e dei loro aggregatori o marketplace che stanno crescendo a ritmo costante, sotto la spinta di grandi gruppi e fondi di investimento: il sito americano Stadium Goods, che ha un negozio “fisico” a SoHo, nel gennaio 2017 ha ricevuto finanziamenti per 4,6 milioni di dollari da Lvmh mentre il marketplace Goat, questa volta californiano, nel 2018 ha raccolto 60 milioni di dollari di finanziamento da Index Ventures.

    – di Marta Casadei

1-10 di 1116 risultati