Aziende

Lvmh

Lvmh (Louis Vuitton Moët Hennessy) è una holding francese operante nel settore dei beni di lusso. L’azienda è quotata alla Borsa di Parigi, città dalla quale la sede principale controlla una sessantina di marchi di prestigio, commercializzati in tutto il mondo. I prodotti della società del Presidente del Cda e Amministratore Delegato Bernard Arnault (che detiene una quota del 47,52%) spaziano dai prodotti per la moda, agli accessori in pelle, con la gestione di brand come Louis Vuitton, Kenzo, Celine, Fendi, Marc Jacobs, Givenchy, Emilio Pucci, Loro Piana, fino al vino e ai liquori in genere (Moët & Chandon, Dom Pérignon brands, Hennessy).

Lvmh Sa è tra le più importanti produttrici al mondo di champagne e cognac. Le sue attività si allargano anche ai profumi (Christian Dior, Guerlain, Loewe, Kenzo), ai cosmetici (Make Up For Ever, Guerlain, Acqua di Parma), agli orologi e ai gioielli (Bulgari, Tag Heuer, Montres Dior, Zénith, Chaumet).

Il gruppo LVMH Sa è stato creato nel 1987 con la fusione di due firme: Louis Vuitton e Moët Hennessy. Quindici anni più tardi è diventato leader mondiale del lusso. Il processo d’internazionalizzazione è iniziato nel 1999 con l’acquisto di 25 marche leader.

Ultimo aggiornamento 23 marzo 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Marchi e brevetti | LVMH Sa | Guerlain | Bernard Arnault | Loewe | Givenchy | Christian Dior | Fendi | Tag Heuer | Borsa di Parigi | Kenzo | Louis Vuitton Moët Hennessy | Celine |

Ultime notizie su Lvmh

    Da New York alle Alpi, guida allo shopping nei nuovi pop up dell'inverno

    Un altro simbolo di New York, Tiffany, appena rilevato per 15 miliardi di euro da Lvmh, ha appena inaugurato un pop up dedicato alla sua nuova collezione maschile: le creazioni di Tiffany Men sono in vendita fino al 6 gennaio al 6 di East 57th Street, dove si può avere anche un assaggio di come stanno proseguendo i lavori nello storico edificio, a due passi, sulla Fifth Avenue.

    – di Chiara Beghelli

    Safilo crolla in Borsa dopo il taglio dei target al 2020. Lavoratori in sciopero

    Sui prossimi esercizi pesa la scadenza delle licenze con Lvmh e il mancato accordo (che il mercato si aspettava) con la joint venture tra Marcolin e Lvmh che avrebbe compensato in parte il calo dei ricavi. ... Il gruppo dell'occhialeria, che prevede 700 esuberi e che ieri mattina aveva annunciato il rinnovo anticipato della licenza per il marchio Marc Jacobs, ha fatto sapere che l'uscita delle licenze del lusso Lvmh rende necessario l'avvio di un piano di riorganizzazione e ristrutturazione...

    – di Chiara Di Cristofaro

    Lvmh non rinnova le licenze, Safilo prevede 700 esuberi

    La società, che prevede di chiudere l'esercizio 2019 con vendite nette delle attività in continuità in sostanziale stabilità rispetto al 2018, ha tagliato le stime sui ricavi dell'anno prossimo

    – di Stefania Arcudi

    Chi sono i quattro italiani che hanno creato l'operazione Lvmh-Tiffany

    Il complesso percorso tra Parigi e New York che ha permesso nel giro di 10 anni di costruire un impero di tale portata ha visto una regia tutta Made in Italy rappresentata da tre manager e un banchiere: Toni Belloni, uomo di fiducia di Arnault, Francesco Trapani, il nipote della famiglia Bulgari, Alessandro Bogliolo, ceo di Tiffany, e Luigi de Vecchi, presidente Emea dell'investment banking di Citi

    – di Marigia Mangano

    Lusso, manovre di riassetto

    La mossa di Lvmh per conquistare Tiffany ha creato pressione sugli altri gruppi del lusso, come Rich

1-10 di 1355 risultati