Aziende

Lvmh

Lvmh (Louis Vuitton Moët Hennessy) è una holding francese operante nel settore dei beni di lusso. L’azienda è quotata alla Borsa di Parigi, città dalla quale la sede principale controlla una sessantina di marchi di prestigio, commercializzati in tutto il mondo. I prodotti della società del Presidente del Cda e Amministratore Delegato Bernard Arnault (che detiene una quota del 47,52%) spaziano dai prodotti per la moda, agli accessori in pelle, con la gestione di brand come Louis Vuitton, Kenzo, Celine, Fendi, Marc Jacobs, Givenchy, Emilio Pucci, Loro Piana, fino al vino e ai liquori in genere (Moët & Chandon, Dom Pérignon brands, Hennessy).

Lvmh Sa è tra le più importanti produttrici al mondo di champagne e cognac. Le sue attività si allargano anche ai profumi (Christian Dior, Guerlain, Loewe, Kenzo), ai cosmetici (Make Up For Ever, Guerlain, Acqua di Parma), agli orologi e ai gioielli (Bulgari, Tag Heuer, Montres Dior, Zénith, Chaumet).

Il gruppo LVMH Sa è stato creato nel 1987 con la fusione di due firme: Louis Vuitton e Moët Hennessy. Quindici anni più tardi è diventato leader mondiale del lusso. Il processo d’internazionalizzazione è iniziato nel 1999 con l’acquisto di 25 marche leader.

Ultimo aggiornamento 23 marzo 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Marchi e brevetti | LVMH Sa | Guerlain | Bernard Arnault | Loewe | Givenchy | Christian Dior | Fendi | Tag Heuer | Borsa di Parigi | Kenzo | Louis Vuitton Moët Hennessy | Celine |

Ultime notizie su Lvmh

    Lvmh Watch Week, il primo evento dell'anno è solo digitale. Ecco tutte le novità

    Per il debutto della seconda Lvmh Watch Week, il salone con cui il gruppo francese presenta le novità della sua divisione Orologi e Gioielli, si sono dovute attendere le 9 di questa mattina, quando Stéphane Bianchi, ceo della divisione stessa, ha accolto in video i media e i clienti collegati digitalmente da tutto il mondo, invitati a scoprire le prime novità del 2021 dei brand che formano la galassia orologiera del gruppo francese: Bulgari, Hublot, Tag Heuer e Zenith.

    – di Paco Guarnaccia

    Nel feudo di Biden in Delaware. Registrate più società che abitanti

    Lo scontro legale che contrapponeva il colosso francese del lusso Lvmh a Tiffany, prima della pace e della relativa acquisizione, avrebbe avuto una corte del Delaware come palcoscenico, perché la holding Tiffany & Co che controlla il brand è incorporata nel Delaware, proprio nell'edificio dove hanno sede Apple, Google, Coca Cola e le altre grandi corporation.

    – di Angelo Mincuzzi

    Piuarch, ripartire dalla natura per ripensare gli spazi comuni

    Affermatosi con i progetti per i grandi nomi della moda, il sodalizio dei 4 soci dura da 25 anni. Dalla nuova sede di Fendi a Firenze allo Human Technopole di Milano, verde e materiali naturali integrano esterno e interno

    – di Antonella Galli

    Alexandre Arnault: «Così Rimowa calibra il lusso per i viaggi del futuro»

    Fresco della nomina a executive vice president di Tiffany, il figlio di Bérnard racconta il riposizionamento dello storico brand di valigie acquisito da Lvmh nel 2016, di cui è stato ceo per quattro anni Quattro anni fa il gruppo francese Lvmh rilevò lo storico marchio tedesco di valigeria Rimowa, avviando un percorso di rinnovamento dell'immagine e della linea di prodotti. ...e ceo di Lvmh, primo gruppo del lusso al mondo.

    – di Federico Bona

    Lvmh acquista Tiffany e nomina nuovi manager

    Lvmh conquista Tiffany e fa capire da subito che per il gruppo americano arriveranno cambiamenti radicali. Nel giorno del closing dell'acquisizione da 15,8 miliardi di dollari, il colosso francese del lusso annuncia anche il nuovo management che guiderà il brand di gioielli: Anthony Ledru, vice president esecutivo di Lvmh, sarà il nuovo ceo di Tiffany, e sostituirà Alessandro Bogliolo il prossimo 22 gennaio; Alexandre Arnault, uno dei figli del numero uno di Lvmh Bernard Arnault, lascia...

    – di Monica D'Ascenzo

1-10 di 1520 risultati